ED È SUBITO SIRI

Educational Technologies & AI

Inside CNR: intervista a Rosa Bottino, Guglielmo Trentin e Roberto Cerrato

 

“Non so come il mondo potrà giudicarmi ma a me sembra soltanto di essere un bambino che gioca sulla spiaggia, e di essermi divertito a trovare ogni tanto un sasso o una conchiglia più bella del solito, mentre l’oceano della verità giaceva inesplorato davanti a me.”
Sir Isaac Newton

 

Nell’Era della Rivoluzione Digitale, o subisci la tecnologia, o ci scommetti: diventando il motore del cambiamento. In questa nuova puntata di Ed è subito Siri, il nostro Michele Stingo ha parlato dunque dei progetti, dei risultati e degli obiettivi di un centro di eccellenza italiano, l’Istituto Tecnologie Didattiche del CNR, intervistando la Dott.ssa Rosa Bottino, Direttore dell’ITD.

 

Kai-Fu Lee, uno dei più grandi esperti mondiali di intelligenza artificiale, ha definito l’istruzione tradizionale come una “catena di montaggio educativa”; i giovani avanzano di classe ogni anno, ma non vi è una grande attenzione rispetto ai metodi di apprendimento che cambiano, e soprattutto alle capacità personali dei singoli alunni. Ma è davvero così? Cosa manca? A che punto siamo in Italia oggi per quanto riguarda le tecnologie educative? Esistono anche delle best practices altrove a cui fare riferimento?

 

Ascolta anche: Edutaintment e tecnologie educative. Intervista ad Alessio Ceccherelli (UniRoma2)

 

Sicuramente anche la didattica assistita da pc svolgerà un ruolo sempre più centrale e in alcuni casi potrebbe rivelarsi anche più efficace della semplice interazione umana in presenza – ad esempio per gli insegnamenti di competenze pratiche. Abbiamo chiesto alla Dott.ssa Bottino il suo parere, perché  l’insegnamento tradizionale sarà inevitabilmente messo in discussione – e in quel caso bisognerebbe ripensare alla funzione sociale dell’educazione.  Rosa Bottino ci ha dunque raccontato di un progetto che da tempo è attivo all’ITD, il progetto CPIAbot.

 

Ascolta anche: Scuola & digital transformation – On. Flavia Piccoli Nardelli 

 

Nonostante sforzi e investimenti, alcuni vedono questo Progresso ancora come una fonte di pericolo che potrebbe portare la tecnologia a surclassare l’umanità. Altri vedono l’intelligenza artificiale e la robotica come un modo per migliorare la Società, il lavoro e la vita. Dilemma eterno? Forse, ma come in qualsiasi nuovo avanzamento, il risultato dipende da come e perché viene utilizzato. Per quanto riguarda l’educazione, ambito particolarmente delicato, è interessante portare la riflessione proposta da Rosemary Luckin, professoressa della University College London:

 

“Quando ci chiediamo come l’AI possa contribuire all’insegnamento e all’apprendimento, abbiamo bisogno di partire dai problemi che crediamo possano essere affrontati con l’AI.”

 

Ascolta anche: Intelligenza emotiva e come allenarla con l’AI – Intervista a Massimo Caviglia

 

Viviamo in una “Società Liquida” (Baumann), in una “Società delle Mangrovie” (Floridi). Tutto è duttile, nulla è rigido e definito. Il limite non viene mai superato definitivamente, ogni scoperta lo sposta in avanti, di un poco. Ce lo diceva anche Montale, che ogni immagine di fronte a noi porta scritto quel “più in là!”. Per ogni scoperta, ogni esperienza. Vi sono almeno due dimensioni principali che potrebbero essere esplorate in questo ambito, spostando questo limite un po’ “più in là”: come l’AI possa migliorare l’educazione e come possa aiutarci a risolvere alcuni problemi del mondo scolastico; come possiamo educare le persone riguardo l’AI, così che esse possano trarne benefici. Quali sono i problemi sui quali l’AI ci potrebbe dare aiuto?

 

Ma, prima di iniziare l’ascolto del podcast, vogliamo lasciarvi una provocazione: Giuseppe Longo, ne “Il Simbionte”, parla di una ibridazione che si sta realizzando tra uomo e macchina, quasi in una specie di competizione tra intelligenza artificiale e intelligenza umana. “Pertanto, avremo nelle scuole degli studenti a tre dimensioni, reali, virtuali e aumentati, fusi in un’unica persona”. Che cosa ne pensate?

Tatiana Sharon Vani

 

 

Ospite

Rosa Bottino

Rosa Maria Bottino si è laureata con lode in Matematica presso l'Università di Genova. È stata ricercatrice del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) prima presso l'Istituto Matematica Applicata e poi presso l'Istituto Tecnologie Didattiche di cui è stata nominata Direttore dal 2009. La sua attività di ricerca è rivolta al campo dell'educazione con particolare riferimento al ruolo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nel miglioramento dei processi di insegnamento ed apprendimento. Ha scritto oltre 150 pubblicazioni, ha diretto sia numerosi gruppi di ricerca sia convegni nazionali e internazionali. La Dott.ssa Bottino è inoltre docente in diversi corsi universitari e di dottorato, svolge regolarmente seminari e corsi di aggiornamento per insegnanti della scuola primaria e secondaria, seminari in ambito universitario e CNR.

Guglielmo Trentin

Guglielmo Trentin è dirigente di ricerca all'Istituto Tecnologie Didattiche (ITD) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). Ha assunto incarichi di responsabilità scientifica nell'ambito di progetti e commissioni ministeriali, universitarie e del CNR. Dal 2002 al 2011 è stato docente di Tecnologie di Rete, Flussi di Conoscenza e Sviluppo delle Risorse Umane in lauree specialistiche e magistrali dell'Università degli Studi di Torino. Da oltre venti anni conduce attività di ricerca sull'uso delle tecnologie informatiche a supporto dei processi di apprendimento. In particolare, i suoi studi si sono concentrati sull'uso delle tecnologie di rete a supporto dei processi di inclusione socio-educativa. Le sue ricerche più recenti riguardano gli ambienti ibridi di apprendimento che si sviluppano nell’infosfera, con particolare attenzione all’onlife education e al mobile seamless learning. Trentin è autore di libri e pubblicazioni internazionali, è contributing editor della rivista Educational Technology (USA) e membro degli editorial board dell'International Journal of Technology, Pedagogy and Education (UK), dell'International Journal on Advances in Software dell'International Accademy, Research and Industry Association (IARIA) e dell'International Journal of Advances in Education Research (HK).

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore