L’ennesima sfida di Musk a OpenAI: il modello base di Grok ora è Open Source

La società xAI, fondata da Elon Musk per sviluppare sistemi di intelligenza artificiale, ha reso pubblico il codice sorgente del chatbot Grok. Il codice di addestramento, però, non è incluso

 

 

Nell’arena sempre più competitiva dell’intelligenza artificiale, l’annuncio di xAI, l’azienda fondata da Elon Musk, che il suo modello Grok AI sarà reso Open Source ha scosso il settore. Con i suoi impressionanti 314 miliardi di parametri, Grok rappresenta un gigante nel panorama dei modelli di intelligenza artificiale. Tuttavia, la decisione di rendere disponibile solo il codice base, senza includere il codice di addestramento, ha suscitato un certo dibattito.

Cosa significa esattamente? In parole povere, Grok diventa ora accessibile a chiunque desideri utilizzarlo per creare applicazioni di intelligenza artificiale personalizzate. Tuttavia, c’è un asterisco: Grok non può essere ulteriormente addestrato per eseguire nuovi compiti poiché il codice di addestramento non è incluso nel pacchetto. Questo limita in qualche modo le potenzialità del modello, riducendolo a un “utilizzo” piuttosto che a un “apprendimento” continuo.

Nonostante questa limitazione, le possibilità offerte da Grok rimangono intriganti e ampie. Il modello potrà essere impiegato in una varietà di contesti, come la ricerca conversazionale per sviluppare chatbot più naturali e coinvolgenti, la generazione di testo per produrre articoli, poesie o sceneggiature realistici e creativi, o ancora la traduzione automatica per migliorare la fluidità e l’accuratezza delle traduzioni.

 

 

Leggi anche: AI generativa. Sei rischi che dovresti conoscere

 

 

Un altro elemento da considerare è che xAI ha dichiarato che Grok non è stato ottimizzato per una specifica applicazione, confermando che è stato addestrato su uno stack “personalizzato”, ma senza fornire ulteriori dettagli. Questo lascia aperta la porta a molteplici interpretazioni su come il modello possa essere utilizzato nella pratica.

È interessante notare che Grok è concesso sotto Apache License 2.0, il che significa che può essere utilizzato anche per scopi commerciali. Questa mossa potrebbe suscitare l’interesse di aziende e sviluppatori che cercano di integrare l’AI nei propri prodotti e servizi.

Il debutto di Grok come chatbot lo scorso anno su X, ma solo per gli utenti Premium+, ha suscitato una certa curiosità, anche se non era direttamente collegato alla piattaforma social. Tuttavia, il rilascio Open Source del modello apre nuove possibilità e potenzialmente raggiungerà un pubblico molto più ampio.

Non è solo xAI a seguire questa strada. Altre aziende, come LLaMa, Mistral, Falcon e AI2 di Meta, hanno già reso Open Source alcuni dei loro modelli di intelligenza artificiale. Questo suggerisce che il settore sta evolvendo verso una cultura più aperta e collaborativa, in cui la condivisione delle risorse possa favorire progressi più rapidi e innovativi.

Tuttavia, non possiamo ignorare il contesto più ampio in cui avviene tutto ciò. La battaglia legale tra Elon Musk e OpenAI, con l’accusa di tradimento degli ideali non profit nel campo dell’AI, getta un’ombra sull’evoluzione del settore. Le tensioni tra le due parti sembrano essere ancora in corso e potrebbero avere ripercussioni significative sul futuro dell’AI.

In conclusione, il rilascio open-source di Grok rappresenta un passo significativo nell’evoluzione dell’intelligenza artificiale, offrendo nuove opportunità e sfide. Resta da vedere come questo modello verrà adottato e utilizzato da sviluppatori e aziende in tutto il mondo e quali saranno le implicazioni a lungo termine di questa decisione per il settore.

 

Ascolta anche il primo episodio di NaN – Not a Name, il nostro nuovo podcast esplosivo sulle AI

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

L’eredità di Luigi Einaudi secondo Giuseppe Vegas

Ospite: Giuseppe Vegas

OLL IN
con Lelio Borgherese

PODCAST

Perché revisionare sempre attentamente l'output dell'AI
Intelligenza artificiale

L’output dell’AI non è infallibile. L’importanza della revisione dei contenuti

Ospite: Gianluca Bergaminelli

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Marco Trombadore

PODCAST

Cultura e Società

Anna Paola Concia: “Ogni donna che rompe un tetto di cristallo lo fa per tutte”

Ospite: Anna Paola Concia

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

People

Misurare il successo: una moneta a due facce

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

Cultura e Società

Il cyborg, ovvero il sogno della fusione tra uomo e macchina

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

AITEM: l'AI italiana che sta rivoluzionando la sanità e la produzione industriale
Health

AITEM: l’AI italiana che sta rivoluzionando Sanità e produzione industriale

Ospite: Massimiliano Melis

SMASH
con Francesca Ponchielli