Virtual Reality da incubo con la maschera che simula il soffocamento

Un team di ricerca dell’Università di Scienze applicate di Salisburgo ha creato un dispositivo VR che toglie letteralmente il fiato. Le possibili applicazioni vanno dal training di piloti e vigili del fuoco al gaming

 

 

Che la virtual reality stia facendo passi da giganti nell’imitare la realtà che ci circonda è un dato di fatto. A testimoniarlo sono le decine di imprese e organizzazioni hi-tech che lavorano senza sosta per fare in modo che i dispositivi di VR riescano a ricreare non solo ambientazioni iper-realistiche ma anche odori, gusti e sensazioni corporee.

Proprio in quest’ultimo ambito, un team di ricerca dell’Università di Scienze applicate di Salisburgo, in Austria, ha portato la sua sperimentazione oltre ogni limite (finora) toccato, realizzando una AirRes Mask in grado di simulare la sensazione di soffocamento. Un’esperienza sicuramente angosciante che potrebbe, però, tornare utile nel training di piloti, sommozzatori e vigili del fuoco, oltre ad essere applicata (a rischio e pericolo degli utenti) nel gaming. 

A dirla tutta, nella sua modalità “relax”, la maschera consente anche operazioni “easy” come spegnere candele virtuali, suonare l’armonica o trattenere il fiato quando si scocca una freccia. 

Sempre nel campo delle sensazioni non proprio edificanti, si colloca Impacto, prototipo sviluppato dai ricercatori del laboratorio Human-Computer Interaction dell’Hasso Plattner Institut in Germania, che simula l’impatto fisico provocato da calci e pugni. Come? Attraverso uno stimolo elettrico che spinge la contrazione del muscolo bicipite di chi lo indossa, un po’ come se l’arto fosse stato colpito da qualcosa.

A dirla tutta, c’è anche chi lavora a qualcosa di più piacevole come i ricercatori del Future Interfaces Group della Carnegie Mellon University. A loro spetta il merito di aver ideato Oculus, una maschera che ricrea, tramite trasduttori ultrasonici, sensazioni tattili sul viso di chi la indossa, compresa la percezione di un bacio sulle labbra.

Peccato che… il dispositivo in questione sia stato utilizzato anche per la simulazione di una passeggiata attraverso una foresta infestata da ragni di tutte le dimensioni. Risultato? La malcapitata tester (qui il video) ha potuto avvertire di tutto: dalle ragnatele appiccicose, a svariate zampette pelose che si muovevano sul suo viso, fino ad arrivare agli schizzi di veleno prodotto da un ragno gigante!

 

Ascolta anche: VR Revolution

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Al via “Futura”. Parliamo di istituzioni europee con Elania Zito

Ospite: Elania Zito

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Sostenibilità

Energie al femminile: donne alla guida della rivoluzione green e digitale con Pika Energy

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci