Come lo studio dei polpi sta cambiando la Soft Robotics

I dipartimenti di Scienze Meccaniche e Ingegneria dell’Università dell’Illinois hanno sviluppato un Soft Robot che si ispira alla fisiologia dei polpi

 

 

A questo proposito, alcuni scienziati della University of Illinois Urbana-Champaign, dei dipartimenti di Scienze Meccaniche e Ingegneria, di recente hanno illustrato sui “Proceedings of the Royal Society A” un modello matematico dei muscoli del braccio del polpo, nell’ambito di CyberOctopus. Nel progetto multidisciplinare, guidato da Prashant Mehta e Mattia Gazzola, è stato sviluppato un modello fisiologicamente accurato dei muscoli del braccio del polpo per riprodurlo in maniera artificiale. I primi tentativi, tuttavia, risalgono agli inizi degli anni 2000 sia in America sia in Europa.

Ma come mai tutto questo interesse verso il polpo? Ha un corpo che si deforma e che si adatta a spazi piccolissimi grazie alla sua struttura “morbida”. Le sue numerose braccia – otto, per la precisione – riescono a flettersi in ogni direzione, allungandosi e irrigidendosi all’occorrenza, con movimenti complessi e precisi. Proprio per queste sue caratteristiche, il polpo negli ultimi anni è stato ampiamente osservato e studiato da parte della comunità scientifica, in particolare chi occupa di Soft Robotics bioispirata.

 

 

Qui è possibile consultare il paper online.

La ricerca, come ha spiegato Matteo Cianchetti, Professore dell’Istituto di Biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, può essere molto utile “per descrivere il comportamento di un robot continuo composto da materiali soft”. E ha aggiunto:

“Tra il mondo numerico e il mondo reale tuttavia ci sono molte differenze. Numericamente possiamo considerare un numero estremamente elevato di unità muscolari che possono determinare un comportamento complesso, ma quando si cerca di riprodurre questa complessità artificialmente la tecnologia abilitante manca. Ad oggi, non possediamo la capacità di creare un muscolo artificiale, soprattutto delle dimensioni che servirebbero.”

Altro aspetto molto interessante, inoltre, secondo il Prof. Cianchetti, è l’interazione del polpo con l’ambiente (in questo caso con l’acqua).

“Quella che gli scienziati propongono è una descrizione puramente interna dell’interazione tra gruppi muscolari, per dimostrare come queste sinergie siano in grado di generare movimenti complessi. In realtà quello che succede nel modello biologico, e che noi riteniamo essere l’aspetto più interessante, è che il polpo sfrutta moltissimo l’interazione con l’ambiente”.

Di seguito, Matteo Cianchetti e Giada Gerboni, dell’Istituto di Biorobotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, parlano di Soft Robot e del progetto Stiff Flop.

 

 

Ma quali possono essere gli sviluppi futuri di questa ricerca? I gruppi di Mehta e Gazzola hanno collaborato con Rhanor Gillette, Professore emerito di Fisiologia molecolare e integrativa dell’Università dell’Illinois, per incorporare la fisiologia osservata del polpo nel loro modello matematico. Il lavoro futuro discuterà le implicazioni biologiche del controllo basato sull’energia.

Non solo: i due ricercatori stanno collaborando anche con Girish Krishnan, Professore di Ingegneria dei Sistemi industriali e aziendali dell’Università dell’Illinois, per incorporare le loro idee matematiche nella progettazione e nel controllo di robot morbidi reali. In questo modo, si potrà creare un modo sistematico per controllare i robot morbidi. Anche questo lavoro farà parte del progetto CyberOctopus, iniziativa di ricerca universitaria multidisciplinare del Coordinated Science Laboratory dell’Università dell’Illinois.

 

Leggi anche: Robot collaborativi e social robot, a che punto siamo?

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci