Anche le galline piangono, parola dell’AI

Ora si può decodificare il chiocciare delle galline, ma è solo l’inizio di un percorso che potrebbe farci dialogare con gli amici animali. Il merito è dell’AI e di un gruppo di ricercatori dell’Università di Tokyo

 

 

Una delle domande più recondite da porsi per la mente umana è sicuramente se sia nato prima l’uovo o la gallina. Ora forse la risposta potrebbe arrivare direttamente dalle dirette interessate. Come? Tutto merito dell’intelligenza artificiale.

Sembrerebbe, infatti, che qualcuno abbia deciso di creare un traduttore universale che ci permetta di comunicare con gli animali sfruttando l’intelligenza artificiale.

L’esperimento portato avanti da un team di ricercatori dell’Università di Tokyo ha portato alla creazione di un software in grado di far “parlare” le galline. Uno degli scopi dello studio è quello di creare negli allevamenti un’ambiente più in linea con le esigenze dei pennuti.

Infatti, i ricercatori hanno ipotizzato che, creando un’ambiente più confortevole, anche la produzione di uova e di prodotti derivati possa subire un incremento.

 

 

Leggi anche: Matrix è già tra noi, ma per ora è un problema delle mucche

 

 

Il software ideato con l’AI sarebbe capace di riconoscere i differenti vocalizzi delle galline, ma non solo. Dimostrerebbe che le galline hanno molti più sentimenti di quelli immaginati, come felicità, eccitazione, paura, rabbia, e che conoscano e siano in grado di esprimere anche la fame.

Dietro la scoperta una tecnica all’avanguardia, denominata Deep Emotional Analysis Learning, “radicata in complessi algoritmi matematici”, che ha la capacità di adattarsi ai mutevoli schemi vocali delle galline, diventando, con il tempo, sempre più abile nel decifrarne i vocalizzi.

Dopo aver registrato svariati momenti vocali, di almeno 80 galline diverse, e con la collaborazione di un gruppo di psicologi e veterinari, il team di ricercatori ha lavorato per constatare lo stato emotivo dei pennuti, facendo raggiungere all’intelligenza artificiale altissimi livelli di precisione.

I ricercatori hanno manifestato entusiasmo in merito ai risultati raggiunti, ma il software in grado di far parlare le galline sarebbe solamente il primo passo: l’intenzione è quella di progettarne altri che potrebbero “tradurre” il linguaggio di diverse specie animali. Simili strumenti potrebbero rivelarsi utili in molti settori e non solamente in ambito veterinario.

 

Leggi anche: Arriva CatGPT, il chatbot che permette di “dialogare” con i gatti

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Al via “Futura”. Parliamo di istituzioni europee con Elania Zito

Ospite: Elania Zito

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Sostenibilità

Energie al femminile: donne alla guida della rivoluzione green e digitale con Pika Energy

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci