Proteste in Iran dopo la morte di Jîna Mahsa Amini. La cronistoria

Cosa sta succedendo in Iran nelle ultime settimane? Cosa possiamo fare per sostenere i manifestanti? Ne parliamo con Pegah Moshir Pour

 

 

iran
Immagine creata con DALL-E 2

È iniziato tutto poco più di 10 giorni fa: lo scorso 16 settembre una ragazza di 22 anni originaria del Kurdistan iraniano, Jîna Amini, nota in rete anche con il nome Mahsa, è morta, dopo tre giorni di coma, in seguito al probabile pestaggio da parte delle forze dell’ordine (la versione ufficiale è che sia stata colta da un infarto). Il pestaggio è presumibilmente avvenuto nel centro di detenzione dove la ragazza era stata condotta per seguire un corso sul modo corretto di indossare il velo islamico. Il 13 settembre, infatti, Jîna era stata arrestata dalla polizia religiosa a Tehran, dove si trovava in vacanza con la famiglia, a causa della mancata osservanza della legge sull’obbligo del velo, in vigore fin dal 1981. Nella fattispecie, il suo hijab risultava “un po’ allentato”.

La sua morte ha dato il via a una serie di proteste in tutto il Paese, duramente represse dalla polizia, che hanno già causato, secondo le ultime stime di Reuters, 898 feriti e la morte di almeno 76 manifestanti (questo stando alla Ong di iraniani in esilio a Oslo, la Iran Human Rights).

A migliaia uomini e donne sono scesi in piazza per dimostrare la propria indignazione. In Occidente ha avuto particolare rilievo il caso di Hadith Najafi, 20enne assurta a simbolo delle proteste per il gesto di legarsi i lunghi capelli biondi, ripreso in video durante una manifestazione. La notizia della sua morte, avvenuta a Karaj, è stata riferita da attivisti e giornalisti locali il 25 settembre. La ragazza sarebbe stata picchiata e poi raggiunta da sei proiettili.

iran
Locandina della manifestazione romana del 1° ottobre 2022

Due giovani donne, i loro nomi, i loro visi è, forse, tutto ciò che resterà delle manifestazioni di questi giorni, al di fuori dell’Iran, nella memoria collettiva. Le persone scomparse e i feriti, però, sono molto di più e, per una volta, la colpa della “memoria corta” del web non è da attribuirsi solo al bombardamento mediatico cui gli utenti sono continuamente sottoposti.

Le informazioni su ciò che sta succedendo in Iran faticano a raggiungere questa parte di mondo perché, in risposta alle proteste, le autorità hanno interrotto la connessione Internet, WhatsApp e Instagram. Ma i video degli abusi stanno comunque circolando, anche grazie alle testimonianze di chi, pur vivendo in Occidente da tanti anni, conserva intatto il legame con il suo Paese d’origine.

Da parte nostra, cosa possiamo fare per sostenere i manifestanti? Sicuramente informarci, seguendo attivisti, come Pegah Moshir Pour, organizzazioni che si battono per i diritti umani, come Middle East Matters, e diffondere le notizie che condividono. Possiamo poi, naturalmente, prendere parte alle numerose manifestazioni solidali che si stanno organizzando ovunque nel mondo, nella speranza che i leader politici esprimano dissenso nei confronti delle ripetute e gravissime violazioni dei diritti umani che si stanno verificando in queste settimane.

Per esempio sabato 1° ottobre, a Roma è prevista la manifestazione autorizzata dalla polizia “The time has come – Donna, vita, libertà”, con partenza in piazza della Repubblica alle 10.00 e che si concluderà in piazza della Madonna di Loreto alle 13.00.

Di seguito alcune immagini dell’evento romano del nostro Mark Bartucca.

 

iran

iran

iran

iran

 

Ascolta anche Dal locale al globale: elezioni regionali tra vincitori e vinti e Iran dilaniato dalle proteste

Sabrina Colandrea

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci