TikTok: perché dobbiamo esserci?

Il caso Factanza. Una strategia di comunicazione e di marketing di successo

 

 

27 ottobre, Talent Garden a Milano. Ai Digital Innovation Days 2022 i social sono stati protagonisti. Non è una novità che una strategia di business di successo passa attraverso la comunicazione digitale, ma poche aziende in Italia stanno sfruttando in pieno il potenziale di ROI delle diverse piattaforme. Si stima che le nuove generazioni, sia millennial sia gen z, passino sempre più tempo online, specificatamente su TikTok. La differenza di ore di utilizzo tra Instagram e il colosso cinese sta diventando sempre più evidente, l’hashtag “tiktokmademebuyit” è stato utilizzato centinaia di milioni di volte, un dato che è solo destinato a crescere, ed esploderà.

Eppure nel nostro Paese, una % ancora significativa di imprese pensa di poterne fare a meno: vuole continuare a fare “alla vecchia maniera”. Si punta a sopravvivere e non ad avere successo. Ai DIDAYS hanno preso la questione sul serio e hanno dedicato una mattinata agli interventi tesi a consapevolizzare il pubblico sull’importanza di un utilizzo adeguato e studiato di TikTok, in base a target, azienda e prodotto.

Vediamo quali elementi risultano essenziali in una strategia efficace.

 

 

Se vuoi saperne di più sui Digital Innovation Days 2022

 

 

Nella sala SOCIAL dell’evento, la prima a parlare dell’argomento è stata Bianca Arrighini, CEO e co-Founder di Factanza:

“Viviamo in un mondo in cui il confine tra reale e digitale è sempre più labile. In questo contesto, i social hanno ormai un enorme potere: pensiamo a quanto hanno influenzato la campagna elettorale. A quanti politici hanno fallito nella comunicazione social, ad esempio su TikTok. Non è banale.”

Factanza, che, per chi non lo sapesse, è “una media company nata come progetto editoriale nel marzo 2019 dall’idea di Bianca Arrighini (appunto) e Livia Viganò, entrambe classe 1997 ed entrambe laureate in Economia Aziendale e Management all’Università Bocconi, poi diventata startup innovativa nel settembre 2020″, nasce proprio da un bisogno delle persone: “il bisogno di accedere alle informazioni sui social”.

Da quel lontano 2019, pensiamo a un anno dove la parola Covid non era ancora entrata nel nostro vocabolario, di strada se n’è fatta. Oggi Factanza è una community di quasi 800mila persone, soprattutto gen z e millennial. “I numeri sono importanti”, ha proseguito Arrighini, e, sembra banale ricordarlo, ma “il contenuto arriva agli individui se è comunicato. Oggi devi essere socialmente influente. Come giornale puoi fare la migliore inchiesta in Italia, ma quanto conta se non riesce ad arrivare all’attenzione di nessuno?”

Oltre i numeri, il team di Factanza ha capito l’importanza di dare un’informazione a misura di target, infatti “se vuoi far passare un messaggio alla gen z devi necessariamente avere una community e la community non sono i follower”. Parliamo quindi di semplici utenti che diventano prosumer, ingaggiati e ingaggianti.

Come si crea, però, una community?

Sempre dalle parole della CEO e co-Founder:

“La parola d’ordine è identità. Come si costruisce questa identità? In primis con la coerenza, una coerenza che deve passare da un adeguato e riconoscibile tone of voice, una grafica consistente e in linea con i valori dell’azienda. Attenzione, un’identità che cambia in base al social utilizzato. Infatti, il linguaggio di Instagram non è paragonabile a quello di TikTok e viceversa.”

 

 

Leggi anche l’articolo sulla psicoterapia online

 

 

Una certezza: i numeri di TikTok non possono essere ignorati. Su questa piattaforma esiste un target dominante, la gen z, che ha bisogno di sentirsi parte di una community per recepire i messaggi. Questi ultimi devono partire da valori identitari profondi e coerenti: se si vuole avere successo, è necessario, quindi, conoscersi prima di farsi conoscere. Infine, una volta indagata la natura del messaggio che si vuole veicolare bisogna riuscire ad adattarsi al target e allo strumento social di riferimento.

Un dubbio: quante aziende devono ancora capire questo meccanismo?

Francesca Ponchielli

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci