Truffe vocali tramite l’intelligenza artificiale. La tempesta perfetta sta arrivando

Negli Stati Uniti, come nel resto del mondo, le segnalazioni di voice-scam crescono di giorno in giorno. Colpa di software basati sull’AI come VALL-E in grado di imitare perfettamente la voce umana

 

 

Era solo questione di tempo… adesso la “tempesta perfetta” del voice-scam si sta addensando all’orizzonte.

Sono passate poche settimane dal lancio sul mercato di VALL-E (ne avevamo parlato qui), il nuovo modello di intelligenza artificiale generativa per la sintesi vocale, e già iniziano a spuntare, come funghi, le segnalazioni di truffe vocali da ogni parte del globo.

Pochi giorni fa, uno dei tanti casi è stato rilanciato dal prestigioso quotidiano statunitense The Washington Post come esemplificativo dei rischi associati allo scam vocale tramite AI. La storia ha come protagonisti due anziani coniugi canadesi. Un giorno come tanti, Ruth Card, 73 anni, e suo marito, Greg Grace, 75 anni, ricevono improvvisamente la chiamata di quello che sembra essere loro nipote Brandon. Dice che è in prigione, senza portafoglio e cellulare, che ha bisogno di soldi per la cauzione e fornisce un numero di conto online. Conclude la telefonata, tutta d’un fiato, dicendo che li ama e non vede l’ora di riabbracciarli. Tanto basta perché i due nonni corrano in banca per inviare la cifra richiesta: 3mila dollari canadesi.

Come riportato sempre dal quotidiano USA, truffe vocali del genere si stanno diffondendo a macchia d’olio negli Stati Uniti. Stando ai dati della Federal Trade Commission, nel solo 2022, sono state ben 5.100 le segnalazioni di persone truffate, via telefono, da persone che fingevano di essere amici e familiari.

 

 

Leggi anche L’AI di Microsoft diventa più umana: ora si può scegliere il tono delle risposte di ChatGPT

 

 

Il problema è che, se qualche anno fa occorrevano ore di registrazioni e una certa abilità per imitare le voci, adesso software come VALL-E richiedono appena tre secondi di sampling per generare accuratamente la voce di una persona. Praticamente basta aver caricato online una minima registrazione audio-video per essere a rischio… “clonazione”!

Ha fatto scalpore, in questo senso, l’esperimento della startup americana ElevenLabs che, tramite il proprio software di sintesi vocale, ha replicato alla perfezione le voci di diverse celebrità. Tra queste troviamo la versione AI di Emma Watson, impegnata a recitare passaggi del “Mein Kampf”.

Esiste una forma di protezione da tutto questo? La risposta semplice è “no”. O almeno, non ancora. In effetti rintracciare i “voice scammers” è particolarmente difficile perché le chiamate potrebbero provenire da ogni parte del mondo. Senza contare che non esiste nemmeno una legislazione specifica a riguardo

C’è persino chi ha avanzato la proposta di rendere le società che forniscono tool di AI corresponsabili in caso di truffe; con tutte le (enormi) ripercussioni del caso.

Ecco allora che non resta che un’unica arma a disposizione: la cara, vecchia diffidenza. Quello che sembra un vostro caro vi telefona dicendo che ha bisogno di soldi alla svelta? Mettete in attesa la chiamata e provate a richiamarlo separatamente. Vi indica un conto online sconosciuto, una cifra in bitcoin o chiede un buono regalo? Be’, fatevi più di qualche domanda e… chiudete la telefonata.

Benedetto Antuono

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci