51 startup italiane protagoniste al CES di Las Vegas

Torna la più grande fiera Hi-Tech al mondo. I visori per la realtà virtuale sono davvero gli unici sotto i riflettori?

 

 

Parte oggi a Las Vegas la più importante fiera Hi-Tech al mondo, il Consumer Electronic Show. L’edizione 2023 del CES, in programma dal 5 all’8 gennaio, nella capitale del Nevada è significativamente più grande di quella dell’anno passato: 186 mila metri quadri di spazio espositivo, circa 2.400 aziende e oltre 100mila visitatori attesi. In questa vetrina globale c’è anche tanta Italia, dato che sono 51 le startup che rappresentano tutti i settori di punta della tecnologia del nostro Paese.

Nello specifico, l’appuntamento con l’innovazione made in Italy a Las Vegas è all’interno del Pavilion organizzato dall’Italian Trade Agency, che ospita una delegazione alquanto diversificata di idee disruptive.

Cosa aspettarsi?

 

 

Non solo CES, leggi anche: Metaverso, oltre la realtà virtuale

 

 

Una vera catena di collaborazione.

Queste le parole di Roberto Luongo, Direttore Generale dell’Agenzia Ice.

“Anche quest’anno portiamo l’ecosistema italiano al più importante appuntamento mondiale per il settore. Un ecosistema ormai maturo, che nel 2022, a 10 anni esatti dalla sua nascita ufficiale con lo Startup Act, conta quasi 14mila aziende innovative registrate e raggiungerà quota 2 miliardi di investimenti.”

A supporto dell’innovazione tecnologica italiana al CES 2023 non solo l’Agenzia Ice, ma tanti partner. Tra questi, l’ente nazionale di ricerca Area Science Park, il Centro Estero per l’Internazionalizzazione della Regione Piemonte e Innovit, il primo hub italiano a supporto dell’ecosistema dell’innovazione promosso dal Ministero per gli Affari esteri e la Cooperazione internazionale e aperto lo scorso ottobre a San Francisco.

 

 

Non solo CES, leggi anche: La pelle digitale E-Skin di Samsung per “sentire” nel Metaverso

 

 

L’obiettivo primario dell’Italian Pavilion di ITA, Italian Trade Agency, è appunto promuovere e supportare il Bel Paese nella culla dell’innovazione mondiale. Tante sono le realtà che possono attirare l’attenzione della comunità scientifica e degli investitori internazionali, vediamo quali.

Degni di nota: la cover per smartphone con display che permette di visualizzare una grafica personalizzata, i parastinchi muniti di sensori che rilevano tutte le azioni di chi li indossa. Poi, il purificatore d’aria indossabile, il dispositivo di sblocco biometrico tramite onde cerebrali, i nuovi sistemi di intelligenza artificiale per formulare previsioni di comportamento o trovare il modo migliore per risparmiare energia.

 

 

Non solo CES, leggi anche: Matrix è già tra noi, ma per ora è un problema delle mucche

 

 

Tutto questo basterà per distogliere l’attenzione dalle novità nel campo della realtà virtuale che sembrano monopolizzare l’attenzione dei colossi statunitensi?

Let’s see.

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci