Apple a colloquio con Madre Natura

Marketing geniale o furbo greenwashing?

 

 

Nel 2020, Apple ha lanciato una promessa ambiziosa che ha catturato l’attenzione del mondo intero: “portare la propria impronta di carbonio a zero entro il 2030”. Questo audace obiettivo del gigante tecnologico ha posto l’accento su una serie di innovazioni cruciali, comprese l’adozione di materiali sostenibili, la transizione a fonti di energia pulita, l’ottimizzazione del trasporto a basso impatto ambientale e il ripristino degli ecosistemi naturali.

Oggi, la stessa Apple ha deciso di fare volontariamente e autonomamente il punto della situazione sulla promessa. Come? Con uno spot che ha come protagonista la personificazione di Madre Natura. Una mossa azzardata? Vediamolo insieme.

 

 

Guarda il video di cui stiamo parlando

 

 

La campagna di comunicazione nota come “2030 Status | Mother Nature” è stata lanciata negli Stati Uniti proprio ora, a settembre 2023, ed è stata sviluppata dallo stesso colosso tecnologico. Questa mossa multimediale è stata progettata sicuramente con l’obiettivo di mettere in luce gli sforzi incessanti di Apple nel perseguire l’obiettivo di neutralità carbonica entro il 2030. Tuttavia, nonostante gli sforzi, questa campagna non è sfuggita a controversie, e una domanda rimane senza risposta: è una dimostrazione di marketing brillante o una tattica di “greenwashing”?

 

 

Leggi anche: Nell’eterna lotta tra i Deep Fake e la realtà spunta FakeCatcher

 

 

Madre Natura non basta per essere veramente green, ma è sufficiente per fare scalpore

La presentazione della campagna ha catturato l’attenzione di molte persone in tutto il mondo. Apple ha addirittura deciso di interrompere il lancio altamente atteso dell’iPhone 15 per introdurre un elemento inaspettato: uno sketch comico che per l’appunto coinvolge la stessa Madre Natura. Questo passo ha suscitato reazioni contrastanti tra il pubblico e ha sollevato interrogativi fondamentali sulla genesi dell’idea.

Apple è rinomata per la sua abilità nel creare eventi di marketing straordinari, e la transizione impeccabile dalla presentazione in diretta a video pre-registrati durante la pandemia di Covid-19 è stato un esempio emblematico di questa abilità. Gli eventi organizzati da Apple sono spesso ritenuti spettacoli di alta classe, con un’attenzione meticolosa ai dettagli e uno stile inconfondibile. Tuttavia, in questo contesto, lo sketch di Madre Natura è apparso a molti fuori luogo. E non perché non fosse intelligente, ma forse perché è così “sul pezzo” da risultare finto e “troppo”.

 

 

Leggi anche: ChatGPT incontra Canva

 

 

Gli eventi di Apple sono, al loro cuore, strumenti di marketing concepiti per catturare l’attenzione di un pubblico appassionato. Apple è maestra nell’arte di vendere, consapevole delle molte strade che portano alla promozione dei propri prodotti. Tuttavia, il successo di Apple si fonda sull’abilità di coinvolgere il pubblico senza apparire invadente o inappropriato.

Stavolta ha forse voluto strafare?

Sebbene l’intenzione del colosso sia chiara, l’efficacia del messaggio è stata compromessa dalla sua durata prolungata e dalla ripetitività. Se siete arrivati a leggere fino a qui e avete visto il video, che effetto vi ha fatto? Scrivetecelo nei commenti.

 

Leggi anche: La prima edizione della Rome Future Week ha sbancato

Potrebbero interessarti

PODCAST

Open Innovation

Test before invest, ovvero il modello di Venture Client di ELIS Innovation Hub

Ospite: Francesco Parrano

SMASH
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cultura e Società

Umanesimo manageriale nell’era digitale

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso

PODCAST

Cultura e Società

La Matematica in Asimov e nel mondo contemporaneo

NOVE VOLTE SETTE
con Cecilia Fronza

PODCAST

Blockchain

Tutto sulla blockchain. Intervista a Jules Piccotti

Ospite: Jules Piccotti

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Community Care

Profit + purpose = ? La formula dell’azienda ideale declinata nei progetti di Social Impact del WMF

THE GOOD BUSINESS
con Sabrina Colandrea

PODCAST

People

Quale sarà il futuro del Customer Success?

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca