Apple a colloquio con Madre Natura

Marketing geniale o furbo greenwashing?

 

 

Nel 2020, Apple ha lanciato una promessa ambiziosa che ha catturato l’attenzione del mondo intero: “portare la propria impronta di carbonio a zero entro il 2030”. Questo audace obiettivo del gigante tecnologico ha posto l’accento su una serie di innovazioni cruciali, comprese l’adozione di materiali sostenibili, la transizione a fonti di energia pulita, l’ottimizzazione del trasporto a basso impatto ambientale e il ripristino degli ecosistemi naturali.

Oggi, la stessa Apple ha deciso di fare volontariamente e autonomamente il punto della situazione sulla promessa. Come? Con uno spot che ha come protagonista la personificazione di Madre Natura. Una mossa azzardata? Vediamolo insieme.

 

 

Guarda il video di cui stiamo parlando

 

 

La campagna di comunicazione nota come “2030 Status | Mother Nature” è stata lanciata negli Stati Uniti proprio ora, a settembre 2023, ed è stata sviluppata dallo stesso colosso tecnologico. Questa mossa multimediale è stata progettata sicuramente con l’obiettivo di mettere in luce gli sforzi incessanti di Apple nel perseguire l’obiettivo di neutralità carbonica entro il 2030. Tuttavia, nonostante gli sforzi, questa campagna non è sfuggita a controversie, e una domanda rimane senza risposta: è una dimostrazione di marketing brillante o una tattica di “greenwashing”?

 

 

Leggi anche: Nell’eterna lotta tra i Deep Fake e la realtà spunta FakeCatcher

 

 

Madre Natura non basta per essere veramente green, ma è sufficiente per fare scalpore

La presentazione della campagna ha catturato l’attenzione di molte persone in tutto il mondo. Apple ha addirittura deciso di interrompere il lancio altamente atteso dell’iPhone 15 per introdurre un elemento inaspettato: uno sketch comico che per l’appunto coinvolge la stessa Madre Natura. Questo passo ha suscitato reazioni contrastanti tra il pubblico e ha sollevato interrogativi fondamentali sulla genesi dell’idea.

Apple è rinomata per la sua abilità nel creare eventi di marketing straordinari, e la transizione impeccabile dalla presentazione in diretta a video pre-registrati durante la pandemia di Covid-19 è stato un esempio emblematico di questa abilità. Gli eventi organizzati da Apple sono spesso ritenuti spettacoli di alta classe, con un’attenzione meticolosa ai dettagli e uno stile inconfondibile. Tuttavia, in questo contesto, lo sketch di Madre Natura è apparso a molti fuori luogo. E non perché non fosse intelligente, ma forse perché è così “sul pezzo” da risultare finto e “troppo”.

 

 

Leggi anche: ChatGPT incontra Canva

 

 

Gli eventi di Apple sono, al loro cuore, strumenti di marketing concepiti per catturare l’attenzione di un pubblico appassionato. Apple è maestra nell’arte di vendere, consapevole delle molte strade che portano alla promozione dei propri prodotti. Tuttavia, il successo di Apple si fonda sull’abilità di coinvolgere il pubblico senza apparire invadente o inappropriato.

Stavolta ha forse voluto strafare?

Sebbene l’intenzione del colosso sia chiara, l’efficacia del messaggio è stata compromessa dalla sua durata prolungata e dalla ripetitività. Se siete arrivati a leggere fino a qui e avete visto il video, che effetto vi ha fatto? Scrivetecelo nei commenti.

 

Leggi anche: La prima edizione della Rome Future Week ha sbancato

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci