Arriva il chatbot che parla la lingua dei segni

L’inclusione passa anche attraverso soluzioni di intelligenza artificiale come l’assistente virtuale sviluppato da QuestIT. Obiettivo? Facilitare l’accesso ai servizi da parte delle persone con deficit uditivo 

 

 

Negli ultimi tempi si fa un gran parlare di digitalizzazione e nuove tecnologie, ma sono ancora centinaia di migliaia le persone con disabilità fisiche e motorie che rimangono tagliate fuori dal processo.

Tra questi vanno inclusi i cittadini con deficit uditivo che, in Italia, secondo le ultime stime, variano tra i 43mila e i 70mila. Una comunità enorme che si scontra spesso con barriere culturali e tecnologiche che paiono insormontabili.

Eppur, qualcosa si muove. Nel maggio 2021 la Lingua Italiana dei Segni (LIS), correntemente parlata da circa 100mila italiani, è stata, infatti, riconosciuta ufficialmente, anche se molto resta da fare nel promuoverne la diffusione nei luoghi in cui serve di più, dai banchi di scuola alle aule universitarie, passando per gli sportelli bancari, fino ad arrivare agli uffici della pubblica amministrazione.

 

 

Leggi anche: Che cosa sappiamo su ChatGPT

 

 

Una spinta al cambiamento potrebbe ora arrivare dall’intelligenza artificiale. È notizia di questi giorni che QuestIT, spin-off dell’Università di Siena, ha ideato un chatbot in grado d’interagire con gli utenti utilizzando la lingua dei segni (qui il video). Un traguardo raggiunto grazie al supporto del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) che è destinato a fare da apripista per altri modelli di Machine Learning.

L’assistente virtuale, sviluppato da QuestIT in collaborazione con Igoodi, si presenta sotto forma di avatar 3D e impiega le più moderne tecnologie sensoriali per replicare accuratamente i gesti del linguaggio dei segni. Installabile su computer, tablet, smartphone e totem, il chatbot raccoglie le query degli utenti tramite una webcam, interroga la sua knowledge base e ne traduce le risposte in LIS.

Le possibili applicazioni del tool sono praticamente infinite: dalla gestione degli appuntamenti negli ospedali al racconto di mostre ed eventi culturali, passando per il chiarimento di concetti e materie nelle scuole e nelle università.

Prossimi passi? Il lancio della soluzione sul mercato entro la fine dell’anno, seguito dallo sviluppo dell’assistente virtuale in altre lingue.

 

Leggi anche: L’amore ai tempi dei chatbot

Redazione

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci

PODCAST

Health

La sostenibilità nel settore residenziale: comfort abitativo e rispetto dell’ambiente

Ospite: Paolo Mezzalama

GREENTOPIA
con Laura Scrimieri, Ilaria Tana

PODCAST

Madè (CONTENTS): così l'AI sta cambiando il mondo del lavoro
Intelligenza artificiale

Tommaso Madè (Contents): “Così l’AI sta cambiando il mondo del lavoro”

Ospite: Tommaso Madè

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile