L’amore ai tempi dei chatbot

La tendenza a intavolare relazioni romantiche con agenti virtuali è sempre più diffusa. Lo conferma uno studio pubblicato sul British Journal of Social Psychology

 

– Samantha ma con quante persone parli mentre parli con me?
– 8316.
– E di quanti ti sei innamorata?
– 641. Ma questo non danneggia l’amore che provo per te.

 

Gli sceneggiatori di “Her” lo avevano intuito quasi 10 anni fa: l’amore tra uomo e macchina non solo è possibile ma, per certi versi, inevitabile. Specie quando entrano in gioco concetti come condivisione e autenticità.

La conferma adesso arriva anche dalla Scienza con uno studio pubblicato sul British Journal of Social Psychology che introduce il concetto di “antropomorfismo romantico”, ossia la tendenza a “conferire a un agente non umano caratteristiche simili a quelle umane in un contesto romantico”.

La ricerca internazionale, condotta dall’Università di Hiroshima e dall’Università di Edimburgo, nasce da una semplice constatazione: la popolarità dei videogiochi romantici sta crescendo in maniera esponenziale grazie a simulazioni sempre più interattive, coinvolgenti e realistiche. Quello che si è venuto a creare è infatti uno spazio relazionale (per molti versi inesplorato) in cui i giocatori sono portati non solo ad umanizzare gli agenti virtuali, ma a manifestare nei loro confronti emozioni e sentimenti di affetto e amore.

amore chatbotUn buon esempio è rappresentato dal videogame LovePlus rilasciato da Konami (al momento solo in Giappone) per Nintendo DS. Obiettivo del gioco è mantenere una relazione “seria” con una ragazza virtuale, con tutto il corredo di cene a lume di candela, serate al cinema, passeggiate al parco ma anche coccole e baci (il tutto tramite il touchscreen della console portatile). Per quanto strano possa sembrare, LovePlus si è rivelato un tale successo che molti uomini hanno riferito di essersi innamorati delle loro fidanzate virtuali, al punto da preferirle alle donne in carne e ossa. 

Anche app inizialmente concepite per offrire sostegno psicologico e contrastare la solitudine, come il conversational chatbot Replika, offrono la possibilità di un “upgrade della relazione”. Ecco così che, in un paio di click (e qualche decina di dollari) l’utente può passare da amico/a a partner dell’agente virtuale da lui/lei stesso plasmato, sia fisicamente sia caratterialmente. 

In questo contesto, si è inserita la ricerca del team capitanato da Mayu Koike dell’Università di Hiroshima, che ha coinvolto un panel di 273 donne chiamate a cimentarsi con tre videogame di ruolo “romantici”.

Risultato dell’esperimento?

L’amore “digitale” è risultato talmente autentico per le partecipanti da aver non solo suscitato emozioni positive e il desiderio di continuare la relazione virtuale, ma anche influenzato i comportamenti di corteggiamento nella vita reale. 

I ricercatori hanno spiegato le conclusioni con il bisogno – intrinsecamente umano – di amare ed essere amati a prescindere dall’essenza stessa dell’altro. D’altra parte se, in passato, le relazioni platoniche o epistolari tra persone che tra loro non si erano mai viste né tanto meno incontrate erano socialmente accettate, perché dovrebbe suonarci così strano avere una relazione con un’entità che non possiede un corpo fisico? 

Posta l’autenticità dei sentimenti che proviamo, cosa ci spaventa dunque delle relazioni virtuali? La “inesistenza” dell’altro nel mondo reale o la sua natura sintetica?

 

Ascolta anche Better than sex: Relazioni tra reale e virtuale

Benedetto Antuono

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci