Creator Economy e spunta blu sui social: è davvero così importante averla?

Il mercato della Creator Economy continua a crescere in modo esponenziale, con oltre 300 milioni di figure in tutto il mondo che generano un fatturato aggregato di oltre 100 miliardi di dollari, secondo una recente ricerca di Neoreach

 

 

In Italia, il settore della Creator Economy genera introiti per 1,5 miliardi di euro, grazie ai 350mila content creator attivi, stando a una stima di Assoinfluencer. Entrambi i dati evidenziano una crescita del +20% anno su anno e questo fenomeno è collegato al proliferare delle richieste di profili verificati sui social media.

In questo contesto, la spunta blu sui social ha assunto un ruolo sempre più importante, con una vera e propria rincorsa per ottenerla. Ale Lorenzi, media buyer e consulente che può vantare clienti tra Europa, Stati Uniti ed Emirati Arabi, spiega che la spunta blu “è indubbiamente un simbolo riconosciuto universalmente, che conferisce un senso di autenticità e autorevolezza agli utenti, in un contesto in cui i profili fake sono all’ordine del giorno”.

 

 

Leggi anche AI: si moltiplicano gli investimenti miliardari delle aziende

 

 

Tuttavia, l’esperto sottolinea che, sebbene la spunta blu possa offrire vantaggi in termini di visibilità e reputazione online, “non risulta così indispensabile per avere successo sui social media. Con la giusta comunicazione e una buona strategia sui contenuti, è comunque possibile acquisire follower e vendere attraverso i social media”, rassicura Lorenzi. “La spunta blu, in definitiva, ha assunto oggi un significato più ampio agli occhi degli utenti, rappresentando in particolar modo popolarità e riconoscimento“.

Sebbene l’ottenimento della spunta blu possa essere desiderabile per molti utenti, Lorenzi avverte come ricorrere a vie non ufficiali per ottenerla sia altamente sconsigliabile: “Esistono procedure ufficiali attraverso le quali è possibile richiederla: è necessario compilare un modulo e rispettare linee guida e termini stabiliti dall’azienda”.

Tuttavia, è importante ricordare che la spunta blu non garantisce l’autenticità o il riconoscimento effettivo di una persona o un marchio. Per questa ragione, ciò che conta più di tutto è concentrarsi sulla creazione di contenuti di qualità, sull’interazione con il pubblico e sull’instaurare relazioni autentiche. Sono i tre elementi che, a detta dell’esperto, contribuiscono in modo significativo al successo di un creator sui social media.

 

 

Leggi anche: Su TikTok l’AI riscrive la storia

 

 

“Proprio in questa direzione – prosegue Lorenzi – le ultime tendenze dagli States forniscono quattro tips efficaci da seguire: il primo riguarda conoscere in profondità il proprio cliente tipo, non limitandosi a un’analisi superficiale dei suoi interessi; il secondo riguarda la capacità di informare ed è strettamente legato al terzo tip, che è saper intrattenere il proprio target“. Oggi, infatti, più che mai le persone sono alla ricerca di contenuti di valore, realizzati in modo preciso e affidabile, ma in chiave soft. L’ultimo aspetto, da non sottovalutare, è di legare tutti e tre gli elementi appena descritti a un trend.

“Essere sempre aggiornati sulle ultime tendenze è certamente un fatto molto apprezzato”, conclude il media buyer Lorenzi.

 

FONTE: C.S. Caon

Redazione

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci