Guerra all’Internet Archive, la battaglia legale contro la più famosa biblioteca di Internet

L’Internet Archive è stato accusato di pirateria e diverse case editrici hanno fatto causa per violazione del diritto d’autore

 

 

È il 2020: marzo, per la precisione. L’OMS dichiara lo stato di pandemia da Covid-19. Lockdown, restrizioni, esercizi commerciali chiusi da un giorno all’altro. Anche le librerie e le biblioteche di molti Paesi si ritrovano con la saracinesca abbassata, considerate come attività non indispensabili. Durante i mesi di isolamento, sono molte le iniziative sociali per non far sentire le persone sole e abbandonate, per riscoprire il lato umano anche in un mondo fatto di contatti perlopiù virtuali. Per esempio, l’esperimento della Open Library gestita dall’Internet Archive, custode di due milioni di libri scannerizzati, resi disponibili online a un utente per volta. La no-profit decide di rimuovere in maniera temporanea il limite alle persone che possono consultare contemporaneamente un determinato volume.

Questa scelta, che aveva il solo obiettivo di facilitare l’accesso gratuito ai libri all’inizio del periodo pandemico (e mossa da un ente senza scopo di lucro) viene però mal vista da molti autori e in particolar modo dalle case editrici come Hachette, HarperCollins, Penguin Random House. Accusano l’Internet Archive di pirateria e decidono di muoversi per vie legali e di far causa per “violazione del diritto d’autore”.

Nonostante l’iniziativa venga interrotta poco dopo, gli editori non ritirano la causa e ad oggi è ancora in corso; inoltre, potrebbe mettere a rischio l’esistenza dello stesso Internet Archive. Quest’ultimo è un vero e proprio strumento pionieristico, utilizzato da 1,5 milioni di persone. La causa riguarda solo le 127 opere custodite nell’archivio di proprietà delle case editrici querelanti. Tuttavia, se il giudice dovesse dare ragione agli editori, l’Internet Archive dovrebbe pagare circa 19 milioni di dollari… una cifra enorme per una no-profit!

 

 

Leggi anche: Promuovere e raccontare i libri online

 

 

Ma perché punire così pesantemente un’iniziativa senza scopo di lucro svoltasi in un periodo eccezionale delle nostre vite? Secondo numerosi esperti, gli editori vorrebbero punire la tecnologia usata dall’Internet Archive per diffondere le copie digitali dei libri. Questa tecnologia è il cosiddetto Cdl, ossia il Controlled Digital Lending: in questo caso sono i bibliotecari che si occupano di scannerizzare i libri che hanno in dotazione e poi li rendono disponibili a chi ne fa richiesta. Al contrario, le biblioteche si appoggiano a strumenti come Libby, abbonamenti ad applicazioni, che permettono di prestare i libri ma solo un determinato numero di volte. Dopodiché la biblioteca deve rinnovare l’abbonamento oppure tutti i libri scompaiono. Che differenza, dunque, tra questi due modelli? Con il Controlled Digital Lending il libraio scannerizza il libro, anche quelli senza versione ebook e di fatto può conservarne la copia digitale per sempre; nel secondo caso, è l’applicazione che fornisce i libri sotto abbonamento, in forma temporanea e soltanto per le opere già disponibili nel formato digitale.

Una bella differenza, non trovate? Tuttavia, la causa è ancora in corso e non sappiamo come si risolverà questa “guerra editoriale”. Inoltre, 300 autori – tra cui Neil Gaiman e Naomi Klein – hanno firmato un appello in cui accusano gli editori di voler “intimidire le biblioteche”.

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci