Il dramma di Gaza diventa virale sui social con “All Eyes on Rafah”

In queste ore, scrollando su Instagram, vi sarete sicuramente imbattuti nell’immagine di un’enorme tendopoli e la scritta “All Eyes on Rafah”. Di cosa si tratta e perché è diventata virale?

 

 

Un’immagine che vale più di mille parole. È quello che sta avvenendo su Instagram con una foto che ritrae dall’alto una sconfinata tendopoli a Rafah, nella Striscia di Gaza, in Palestina. Nelle ultime ore, lo scatto ha fatto il giro del web e dei social, diventando un potente e inaspettato mezzo di sensibilizzazione sulla situazione di oltre un milione di palestinesi confinati nella città di Rafah e in attesa di un imminente attacco israeliano nell’area.

Tutto nasce all’indomani del raid portato avanti dall’IDF su un accampamento in cui si trovano migliaia di civili palestinesi sfollati: secondo la Mezzaluna Rossa almeno 45 persone sono rimaste uccise e più di 200 ferite.

Numeri che aggravano un bilancio già pesantissimo: dall’inizio della campagna israeliana contro Hamas, infatti, i morti palestinesi sarebbero oltre 36mila, mentre i feriti più di 80mila.

Su Instagram l’immagine “All Eyes on Rafah” è diventata virale in pochissimo tempo: impossibile non imbattervisi, soprattutto sui profili italiani. A oggi ha raccolto oltre 33 milioni di condivisioni, un numero impressionante se si considera il tempo brevissimo in cui è circolata.

Tra i profili che hanno ricondiviso l’immagine anche alcune celebrità internazionali come la modella Emily Ratajkowski e l’attore Pedro Pascal. In Italia si sono esposti le cantanti Big Mama, Levante, Emma Marrone ed Elodie e il calciatore Marcus Thuram. E le ricondivisioni continuano a crescere di ora in ora.

L’iniziativa è nata da un’idea del fotografo di origine malese noto online come Chaa, che ha creato e permesso di ricondividere l’immagine originale tramite la funzione “tocca a te”.

Significativamente la diffusione del contenuto non viola le policy di Instagram e Facebook, nonostante le obiezioni sollevate da alcuni utenti. La decisione di Meta di limitare la diffusione di contenuti politici riguarda, in effetti, solo i post fatti da personalità politiche, candidati e partiti, non quelli condivisi da utenti comuni.

 

Ascolta anche la nostra intervista a Pegah Moshir Pour 

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Al via “Futura”. Parliamo di istituzioni europee con Elania Zito

Ospite: Elania Zito

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Sostenibilità

Energie al femminile: donne alla guida della rivoluzione green e digitale con Pika Energy

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci