L’evoluzione del Gruppo Pea e la nuova tata “phygital”

Più di una tata: scopriamo insieme come Kintana, la startup del Gruppo Pea, sta ridefinendo l’interazione dei bambini con il mondo digitale

 

 

Dal cuore dell’Italia arriva una startup che promette di cambiare il modo in cui interagiamo con i prodotti, le persone e i bambini che ci circondano. Kintana, fondata a San Mauro Torinese, ha recentemente fatto scalpore al Consumer Electronics Show di Las Vegas, dove ha presentato la sua visione audace di trasformare l’esperienza dei consumatori (non solo dei genitori) attraverso una fusione di mondo fisico e digitale.

Scopriamo insieme come questa azienda si sta guadagnando un posto di rilievo nel panorama tecnologico globale.

 

 

Ascolta la nostra intervista: “Privacy Kid”, Selina Zipponi e la crescita consapevole nell’epoca digitale

 

 

L’evoluzione del Gruppo Pea nel mondo digitale

Partiamo dal principio. Il Gruppo Pea, leader nel settore dei giocattoli promozionali, ha deciso di abbracciare la Digital Transformation creando Kintana. Questa iniziativa rappresenta una svolta significativa per un’azienda con oltre 40 anni di esperienza nel campo dei prodotti fisici. Attraverso questa linea, si mira a creare applicazioni innovative per interagire con i giocattoli fisici, avvicinando l’esperienza di gioco al mondo digitale.

 

Morestech: l’applicazione intelligente per l’apprendimento interattivo

Al centro dell’offerta c’è Morestech, un’applicazione basata sull’intelligenza artificiale generativa progettata per interagire con i bambini in modo educativo e coinvolgente. Questa app non solo offre divertimento, ma vuole anche insegnare ai bambini le Best Practice dell’utilizzo sicuro e consapevole di Internet e dei social.

Non solo, una delle caratteristiche distintive di Morestech è, ad esempio, la sua capacità di monitorare il battito cardiaco e la temperatura corporea dei bambini attraverso sensori appositamente progettati. Tutto questo creato in collaborazione con il centro di ricerca e sviluppo di Stm a Milano.

Un bel passo in avanti per tutti quei genitori che devono tenere sotto controllo la salute e la sicurezza dei propri figli.

 

 

Leggi anche: Quasi nove italiani su dieci vogliono porre un limite all’accesso ai loro dati

 

 

Progetti futuri e potenziale espansione

Guardando al futuro, Kintana però non si ferma. Infatti, sta esplorando nuove opportunità nel settore della tecnologia indossabile. Con l’obiettivo di sviluppare un braccialetto che funzioni anche come carta di credito per piccoli acquisti, l’azienda desidera offrire soluzioni ancora più integrate per le esigenze quotidiane di ogni famiglia.

Infine, Kintana sta valutando potenziali partnership con altre startup nel campo della telemedicina, aprendo così la strada a un utilizzo più ampio delle sue tecnologie. Riuscirà nel suo obiettivo? Noi saremo qui a documentarlo.

 

Ascolta il nostro podcast: Storie Rare

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Da senzatetto a giardinieri urbani, la seconda chance offerta da Ridaje

Ospite: Lorenzo Di Ciaccio

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Giulia Borgherese

PODCAST

Cultura e Società

La Matematica è donna nel film di Anna Novion “Il teorema di Margherita”

Ospite: Anastasia Plazzotta

NOVE VOLTE SETTE
con Davide Del Vecchio

PODCAST

Cultura e Società

Il fuorilegge nella Science Fiction

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

L'esplorazione delle diverse strategie per avere successo con i moderni prosumer, anche nel mondo retail
People

Oltre il SaaS, il Customer Success in tutti i settori

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

Cultura e Società

L’eredità di Luigi Einaudi secondo Giuseppe Vegas

Ospite: Giuseppe Vegas

OLL IN
con Lelio Borgherese

PODCAST

Perché revisionare sempre attentamente l'output dell'AI
Intelligenza artificiale

L’output dell’AI non è infallibile. L’importanza della revisione dei contenuti

Ospite: Gianluca Bergaminelli

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Marco Trombadore