L’intelligenza artificiale fa il suo ingresso in politica con il Syntetiske Parti

In Danimarca è nato un partito semi-virtuale che ha un chatbot come leader. Obiettivo: dare voce a chi non si sente rappresentato e intercettare il voto degli astenuti (umani)

 

 

Quante volte abbiamo sentito dire che la politica è ormai in declino e che il livello dei nostri rappresentanti è sempre più basso? Che forse l’unica soluzione per risolvere il problema della scarsa efficacia dell’azione politica sarebbe un governo ‘illuminato’ di tecnici super-competenti?

Be’, pare che in Danimarca abbiano preso la questione fin troppo alla lettera arrivando a fondare un partito guidato da… un’intelligenza artificiale. Parliamo del Syntetiske Parti (Synthetic Party nella sua denominazione internazionale), formazione politica semi-virtuale che ha come guida un chatbot chiamato Leader Lars. Volete interloquire con lui? Basta utilizzare la piattaforma Discord, iniziando ogni frase con un “!”. A quanto pare Lars capisce l’inglese, ma risponde in danese, quindi una conversazione non è un’impresa esattamente agevole al momento (almeno per chi non viene dalla Danimarca).

Ma cosa chiede il Syntetiske Parti? A rispondere è una persona in carne e ossa, Asker Staunæs, creatore del partito e artista-ricercatore presso MindFuture, che, al magazine Motherboard, ha dichiarato: “Vogliamo intercettare le proposte di tanti partiti ‘marginali’ che non riescono ad entrare in Parlamento, spesso per mancanza di risorse”, nonché – a giudicare dal programma elettorale – le esigenze di milioni di danesi che non votano (circa il 20% del totale).

 

 

Leggi anche: Google vs Meta: andremo in ufficio con l’ologramma?

 

 

Entrano così in gioco i sondaggi che permetterebbero ai cittadini di modellare regolarmente la visione politica del partito, anche in modo non esattamente coerente. Una questione che non sembra preoccupare più di tanto Staunæs: “I moderni sistemi di Machine Learning non si basano necessariamente sul principio di non contraddizione. Sintetizzando idee e contraddicendo visioni pregresse, potrebbero infatti aprirsi nuove prospettive sulle quali non avevamo ancora ragionato”.

Nel concreto, alcune delle misure avanzate – per ora – dal Syntetiske Parti prevedono l’istituzione di un reddito di base universale di 100.000 corone danesi al mese – oltre 13.000 euro! – ossia più del doppio dello stipendio medio danese, e la creazione di un sistema misto pubblico/privato per la gestione di internet.

 

 

Leggi anche: Guerra all’Internet Archive, la battaglia legale contro la più famosa biblioteca di Internet

 

 

Proposta poi l’introduzione di un nuovo obiettivo di sviluppo sostenibile (SDG) riguardante la “vita con entità artificiali (Life With Artificials)” all’interno degli SDG delle Nazioni Unite. L’obiettivo è sensibilizzare la popolazione (umana) sul tema dell’intelligenza artificiale e promuovere un rapporto armonico tra uomo e macchine.

Resta da capire cosa succederebbe se il partito entrasse effettivamente in Parlamento alle prossime elezioni di novembre. Secondo Staunæs, a dettare la linea sarebbe in effetti l’AI – rappresentata dal Leader Lars – con gli esseri umani a fungere da interpreti del programma. E, come se non bastasse, c’è anche il progetto di esportare il partito all’estero con un Synthetic International che coordinerebbe il lavoro delle formazioni “sul territorio”. 

Una sorta di “internazionale” della politica artificiale dal retrogusto vagamente populista… vox populi, vox machinae?

Benedetto Antuono

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci