Museo della Scienza di Roma: è Science Forest di Adat Studio il progetto vincitore

Il Museo della Scienza di Roma rappresenta uno dei principali interventi di rigenerazione urbana avviati nella Capitale, contribuendo a rafforzare l’identità culturale della città

 

 

È Science Forest di Adat Studio, realtà romana con esperienza internazionale, il progetto vincitore del bando internazionale di progettazione per il Museo della Scienza di Roma che sarà realizzato negli spazi delle ex caserme di via Guido Reni, nel quartiere Flaminio.

Il primo classificato è stato proclamato ieri mattina, 20 luglio, in presenza del Sindaco Roberto Gualtieri, dell’assessore all’Urbanistica Maurizio Veloccia, dell’assessore alla Cultura Miguel Gotor e della Presidente del Municipio Roma II Francesca del Bello. Contestualmente, sono stati svelati i plastici e i rendering del progetto.

ll Museo della Scienza è parte del progetto complessivo di riqualificazione dell’ex caserma curato da CDP Real Asset SGR e rappresenta uno dei principali interventi di rigenerazione urbana avviati a Roma, contribuendo a rafforzare l’identità culturale della città, rilanciandone il ruolo nazionale e internazionale.

Il nuovo Polo culturale sarà realizzato nell’area dell’ex stabilimento militare di via Guido Reni, nel quartiere Flaminio, e andrà a completare un sistema urbano di altissimo valore, nel quale sono già presenti, tra gli altri, il Ponte della Musica, l’Auditorium e il MAXXI con il suo progetto di espansione.

L’individuazione della proposta vincitrice dà, quindi, avvio al progetto complessivo che procederà in parallelo con l’intervento privato che comprende anche la realizzazione di un polo civico. Parte delle risorse finanziarie necessarie alla costruzione derivano dal contributo urbanistico straordinario che CDP-soggetto attuatore verserà in ragione del proprio intervento.

 

 

Leggi anche: Golinelli LiVE, la piattaforma italiana che porta i laboratori di Scienze in realtà virtuale

 

 

Il concorso, indetto nel novembre scorso dall’assessorato all’Urbanistica di Roma Capitale, nell’ambito del processo di trasformazione urbana dell’ex stabilimento militare Materiali elettronici e di precisione, si è articolato in due fasi:

  • la prima finalizzata all’acquisizione di proposte ideative, che si è conclusa a gennaio con la presentazione di 70 proposte progettuali, tra le quali la Commissione giudicatrice, presieduta dall’architetto di fama internazionale Daniel Libeskind ha selezionato i cinque finalisti ammessi alla seconda fase;
  • la seconda per l’acquisizione dei cinque progetti di fattibilità tecnica ed economica selezionati, tra i quali la Commissione ha scelto il vincitore.

L’investimento messo in campo per la realizzazione dell’opera ammonta a circa 75 milioni di euro.

Una volta terminate le verifiche amministrative, in autunno il progetto vincitore sarà approvato dalla Giunta di Roma Capitale. L’obiettivo è affidare ad Adat Studio la realizzazione del progetto definitivo entro fine anno per poter indire la conferenza dei servizi entro l’estate 2024 e, al termine, procedere all’affidamento del progetto esecutivo e all’indizione della gara di appalto. Se tutte le tempistiche saranno rispettate i lavori potranno iniziare entro il 2025.

 

 

Leggi anche: Al via la terza edizione del programma I-Tech Innovation per finanziare l’Innovazione tecnologica

 

 

Il progetto vincitore: Science Forest di Adat Studio

Il progetto presentato da Adat Studio sperimenta la possibilità di combinare le attività del Museo della Scienza con la vita della città, negando tradizionali dicotomie quali naturale-artificiale, interno-esterno, pubblico-privato e passato-futuro. Superando queste opposizioni, il progetto concepisce l’edificio come un frame importante, ma non definitivo, della storia di questo luogo, lasciando aperto il lotto a possibilità future di riformulazioni e considerandolo un’estensione della città esistente e di quella futura che riprende gli aspetti strategici del Progetto urbano Flaminio, del Piano integrato di intervento e delle nuove operazioni del MAXXI-Green MAXXI e MAXXI hub.

Il progetto integra il paesaggio interno con l’esterno proponendo un parco pubblico all’interno delle sue mura e ricerca un nuovo comfort collettivo attraverso il contatto con l’ambiente: il cuore del progetto è infatti pensato come un ampio parco aperto, ma coperto, in cui si può scoprire e attraversare un insolito paesaggio misto.

La soluzione progettuale adottata per il Museo della Scienza di Roma dà la priorità a due aspetti: minimizzare l’impatto ambientale e assicurare la flessibilità dell’edificio. Alcuni degli elementi già esistenti sono, infatti, conservati e riutilizzati con interventi mirati, come il mantenimento della facciata in muratura, mentre le strutture interne in calcestruzzo saranno demolite e riciclate.

 

 

Leggi anche: La scuola del futuro è personalizzata grazie all’AI

 

 

Le funzioni contenute nel piano terra sono pubbliche e accessibili a tutti i cittadini e rendono il museo un polo per lo svago, lo studio, il dibattito e l’incontro incentrato sulla Scienza. Nel podio dell’edificio pre-esistente si trovano, oltre al parco aperto alla città, il foyer a doppia altezza, la caffetteria, il bookshop e il ristorante su via Guido Reni, il punto informazioni e la galleria espositiva per allestimenti speciali. Il mezzanino prevede gli spazi per la ricerca e la direzione del museo.

Gli spazi espositivi sono caratterizzati da configurazioni e caratteristiche molto diverse tra loro per consentire la massima libertà museografica e allestitiva: al piano terra il corpo sud è dedicato alla galleria on-demand con luce zenitale e spazi dalle diverse proporzioni e altezze; a est ’la stecca’ permette allestimenti flessibili e immersivi con la possibilità di dialogare con lo spazio esterno; al di sopra della quota della struttura si sviluppa la nuova terrazza per le esposizioni all’aperto.

All’ultimo piano numerose capsule di diverse geometrie e dimensioni sono sospese sul parco, sorrette dalla selva di alberi artificiali e connesse tra loro da corridoi vetrati. L’edificio è coronato da una teca semi-trasparente aperta per consentire la ventilazione incrociata e l’effetto camino; la copertura, così come il fronte sud della facciata, è completamente rivestita da celle fotovoltaiche che garantiscono all’edificio una rilevante produzione di energia elettrica.

 

Il commento della Giuria

“La Giuria ha particolarmente apprezzato la chiarezza del concept di progetto che, a livello urbano, instaura un rapporto interessante con il MAXXI, attraverso un calibrato equilibrio di scala e di linguaggio architettonico, e che, a livello dell’edificio, genera un’atmosfera attraente e fortemente riconoscibile dello spazio museale. L’esperienza che il visitatore potrà avere nella grande serra caratterizza il museo in tutte le sue parti, lo rende riconoscibile e invoglia a frequentare il Museo della Scienza anche per scopi non strettamente legati alla visita delle esposizioni. Il progetto valorizza l’intorno urbano e il manufatto sul quale interviene, aggiungendo nuove qualità all’esistente e alla piazza del nuovo quartiere. Il museo propone un grande spazio aperto al pubblico, che è contemporaneamente una piazza coperta e uno spazio domestico da frequentare anche durante gli orari di chiusura. L’incontro tra natura e Scienza è esplicito e ben interpretato: nello spazio principale della serra questo rapporto è basato su una proficua commistione: a un primo sguardo la divisione tra le due realtà non è immediatamente riconoscibile e questa ambiguità contribuisce a rendere interessante lo spazio interno del Museo della Scienza. L’ampia diversificazione tipologica e dimensionale degli spazi espositivi contribuisce alla flessibilità d’uso del museo e alla capacità di adattarsi nel tempo a nuove e diverse esigenze espositive. Le capsule sospese potranno agevolmente accogliere dispositivi per la divulgazione scientifica e tecnologie espositive digitali e immersive.”

 

COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE

Presidente

Arch. Daniel Libeskind

Architetto polacco naturalizzato statunitense, esponente della corrente architettonica decostruttivista, è uno degli architetti più famosi al mondo nonché tra i massimi esponenti dell’architettura contemporanea.

Membri

Arch. Fokke Moerel – studio MVRDV – Rotterdam, Olanda

Socio dello studio di architettura e progettazione urbana MVRDV di Rotterdam, ha insegnato ad Harvard e Cambridge. Attualmente è tutor presso la Royal Academy of Arts dell’Aia e dirige un’unità dell’ufficio dedicata ai progetti che hanno particolare impatto urbano.

Arch. Benedetta Tagliabue – studio EMBT – Italia-Spagna

Lo studio EMBT Miralles Tagliabue di Barcellona ha realizzato interventi residenziali e per uffici, sistemazioni urbane, padiglioni culturali ed espositivi, allestimenti, opere di design tra cui il Parc de Diagonal Mara Barcellona, il Parlamento scozzese a Edimburgo e le sistemazioni urbane di Hafencity ad Amburgo.

Arch. Alessandro d’Onofrio – Roma

Architetto e critico d’architettura, cultore della materia in Composizione architettonica presso la Facoltà di Architettura, è curatore della sezione Architettura del MAXXI per conto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Ing. Ernesto Dello Vicario – Roma

Direttore del Dipartimento “Coordinamento Sviluppo Infrastrutture Manutenzioni Urbane” di Roma Capitale con ampia esperienza in appalti pubblici.

 

FONTE: CS Zètema

Redazione

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci