Synchron: la startup finanziata da Bill Gates e Jeff Bezos che sfida Neuralink

La startup australiana Synchron sfida Neuralink nelle interfacce cervello-computer. Ora che la società di Elon Musk ha avuto l’ok della FDA ai test sugli esseri umani, è scattata la corsa all’oro per le tecnologie neurali

 

 

Uno dei principali problemi sollevati riguardo il famoso dispositivo di Neuralink, è che ad oggi risulta uno strumento ancora piuttosto invasivo. Ma in che senso? Per impiantarlo bisogna (letteralmente) bucare il cranio del paziente! Risulta, quindi, subito evidente quanto questo tipo di operazione sia delicata e pericolosa, e come non tutti siano disponibili a sottoporsi all’impianto.

Ed è proprio su questo punto che ha iniziato a muoversi la concorrenza. È qui, infatti, che entra in scena Synchron. New Atlas ha raccontato che Synchron, startup australiana co-finanziata da Bill Gates e Jeff Bezos, vuole rubare la scena a Neuralink con un’interfaccia meno invasiva, ma altrettanto (se non più) efficiente. Nel 2022, Synchron aveva già raccolto oltre 40 milioni di dollari per sviluppare la sua tecnologia!

 

 

Leggi anche: Al via i test di impianti cerebrali sull’uomo per Neuralink, la startup di Musk

 

 

Infatti, il suo dispositivo, chiamato Stentrode, è una sorta di mini-catetere; quest’ultimo può essere iniettato nella vena giugulare e guidato attraverso i vasi sanguigni fino alla corteccia motoria del cervello. Una volta posizionato correttamente, si “apre”, collocando così i suoi 16 elettrodi per raccogliere i segnali cerebrali.

I 10 pazienti che lo hanno provato, dice sempre New Atlas, raccontano di non aver sentito alcun disagio e soprattutto, che il sistema sembra funzionare correttamente. La FDA dovrebbe poterne approvare la sperimentazione su pazienti disabili con più facilità e rapidità rispetto alla concorrenza.

 

 

Leggi anche: L’avatar robotico è qualcosa che non sapevate di volere

 

 

Come ha dichiarato Nicholas Opie, co-fondatore di Synchron, sono riusciti a completare un trial sugli esseri umani in Australia coinvolgendo anche quattro pazienti con la malattia del motoneurone. Nessuno di essi ha subito effetti collaterali seri e tutti sono riusciti a controllare un computer con il proprio cervello”.

Opie ha aggiunto: Stiamo lavorando con l’FDA per ottenere l’autorizzazione anche negli Stati Uniti. Al momento i pazienti che vogliamo coinvolgere hanno bisogno di riuscire a usare il telefono, comunicare con i propri cari, niente di super-sofisticato. Altre applicazioni, come muovere una sedia a rotelle o arti robotici, verranno dopo, quando avremo un dispositivo testato, sicuro e funzionale.

 

FONTE: Wired

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci