CINETECHA

Dall’avvento della computer grafica alla VR

Dagli esordi della Computer Graphic Images alla Virtual Reality

 

La nuova stagione di “Cinetecha” si apre con una puntata incentrata sull’avvento della computer grafica nel mondo dell’intrattenimento. Insieme a David Cinnella, regista e sceneggiatore italo-americano, laureato nel 2014 presso l’Academy of Art dell’Università di San Francisco, scopriamo la differenza che intercorre tra effetti speciali ed effetti visivi: i primi sono realizzati agendo sulla telecamera o sul set, attraverso giochi di luci e specchi, marionette, androidi e così via; i secondi sono inseriti digitalmente in fase di post-produzione.

 

 

Ascolta anche: Fellini 100, il cinema e i sogni di carta

 

 

I professionisti che si occupano di realizzare questi effetti sono veri e propri artisti: i Visual Effects Artist. La loro arte è “invisibile” perché, al contrario di altre categorie più note – musicisti, pittori, scultori, architetti, registi – che mettono in mostra le proprie opere affinché vengano ammirate, i Visual Effects Artist danno vita a scenari ed effetti fantastici di cui lo spettatore gode attraverso lo schermo, ma su cui non deve soffermarsi. Se il pubblico viene distratto dalla trama di un film per via di un effetto speciale, il Visual Effects Artist ha fallito il suo obiettivo.

Dopo un riepilogo delle tipologie di effetti utilizzati negli ultimi decenni in ambito cinematografico, il nostro speaker guarda al futuro del mondo dell’intrattenimento, che senz’altro poggerà anche sulla VR.

 

Sabrina Colandrea

 

 

Ospite

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore