Al via FAHRENHEI.IIT 2022, un concorso sulla scienza

L’innovazione tecnologica al centro del concorso a cura dell’Istituto Italiano di Tecnologia

 

FAHRENHEI.IIT, il racconto della scienza - IITalk

 

Mercoledì 20 aprile, si è tenuta a Milano, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, la presentazione del concorso letterario FAHRENHEI.IIT 2022 a cura dell’Istituto Italiano di Tecnologia e ideato dallo scrittore e sceneggiatore Sergio Badino. Un possibile banco di prova sia per tecnici che per aspiranti scrittori che amano la scienza, la robotica e l’innovazione tecnologica.

Nella Sala Biancamano del Museo, per l’occasione, erano presenti il già citato ideatore del concorso e gli altri membri della giuria: il direttore scientifico dell’IIT Giorgio Metta, l’agente letteraria di Grandi & Associati Alice Fornasetti, la direttrice della narrativa Garzanti Elisabetta Migliavada e il giornalista e scrittore Massimo Polidoro. Un evento che ha visto come moderatore il Direttore Comunicazione e Relazioni Esterne IIT Claudio Rossetti.

 

 

Ascolta il nostro podcast sulla fantascienza per farti ispirare: Metaversi

 

FAHRENHEI.IIT: raccontare la tecnologia

Non è facile raccontare la tecnologia e ancora più difficile incasellarla in uno spazio limitato come quello del racconto. La scelta delle parole è essenziale. Esiste ancora qualcosa da dire di nuovo? E se non fosse un nuovo oggetto-soggetto a dover essere raccontato, ma la scoperta di una nuova modalità creativa di esplicitare le stesse storie? In un mondo sempre più interconnesso e globalizzato come il nostro, la relazione persona-AI, per esempio, cosa può rivelare della nostra società?

Nel suo intervento, Giorgio Metta spiega perché l’Istituto abbia voluto unire creatività e mondo della scienza: “abbiamo puntato su un Premio letterario, FAHRENHEI.IIT, per avvicinare le persone a un mondo che forse non si conosce così tanto e portare la scienza verso un bacino più ampio di pubblico.  Si lavora ogni giorno verso lo sviluppo di nuove tecnologie e quindi anche di nuove storie. Poi presentiamo tutto in questo luogo perché pensiamo che il museo possa essere un luogo, un’altra via di avvicinamento alla ricerca scientifica”.

 

 

Ascolta anche: Distopie

 

 

Perché proprio questo nome per il concorso? Perché Fahrenhei.iit? Il Presidente della giuria motiva così questa decisione:

Si tratta di uno dei romanzi di fantascienza più celebri e famosi della storia. Inoltre, richiama alcuni concetti che sono tornati di attualità oggi e legate parallelamente a diverse questioni storiche. Un libro che esce quando ancora la guerra è finita da poco. Nella storia interna poi si parla di una società in cui i libri e la lettura sono proibiti. Oggi, con questo Premio vogliamo dare la libertà invece. Chi vorrà partecipare potrà veicolare temi legati alla tecnologia e non solo quella quotidiana. Cosa la tecnologia può aiutarci a fare? Pensiamo ad ambiti anche che non ci vengono alla mente subito, ma di cui si occupa l’Istituto.

 

 

Ascolta anche: Viaggi nel tempo

 

 

Il concorso ha uno svolgimento semplice. Per chi fosse interessato segnaliamo il regolamento del bando e le linee guida. Gli elementi essenziali: bisogna presentare un racconto che non superi le 12mila battute, inedito e inviarlo via mail entro e non oltre il 30 novembre 2022. In seguito alla proclamazione dei vincitori, i migliori racconti saranno pubblicati in volume e presentati nel contesto di diversi eventi letterari. C’è tempo per farsi venire una buona idea e soprattutto per leggere. D’altronde, qual è il miglior alleato di un bravo scrittore e di una brava scrittrice? La lettura!

Infine, terminiamo con un consiglio direttamente dalla direttrice della narrativa Garzanti Elisabetta Migliavada, nonché membro della giuria. Una storia per essere vincente deve mantenere la sua promessa. Questo è il vero focus; fin dalle prime pagine, infatti, scatta un patto con il lettore, una promessa da mantenersi. Lo scrittore deve avere un’intenzione chiara ed esplicarla“.

Francesca Ponchielli

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci