Come Big Data e AI contribuiranno a migliorare il sistema di allerta anti-tsunami

Con l’aiuto dell’Intelligenza Artificiale, un team di ricerca della School of Mathematics dell’Università di Cardiff ha catalogato e analizzato le radiazioni acustiche generate da 200 terremoti. L’obiettivo? Capire come le onde degli tsunami si propagano e favorire l’evacuazione tempestiva delle aree costiere

 

 

Ci sono pochi disastri naturali che hanno un impatto sull’immaginario collettivo più forte degli tsunami.

Tutti ricordiamo, ad esempio, il maremoto che, il 26 dicembre del 2004, devastò il Sud-Est Asiatico causando circa 250mila morti, oppure quello del marzo 2011 che mise in ginocchio il Giappone provocando oltre 15mila vittime e dando il la al disastro nucleare di Fukushima.

Proprio come risposta a queste due immani calamità, negli ultimi 20 anni, il sistema di monitoraggio e allerta dei maremoti ha compiuto passi da gigante.

 

 

Leggi anche: Google vuole salvare le barriere coralline con l’AI

 

 

Sistema che oggi si arricchisce di un tassello in più grazie al lavoro di un team di ricerca della School of Mathematics dell’Università di Cardiff, nel Regno Unito, che ha combinato tecnologie acustiche all’avanguardia, Big Data e intelligenza artificiale per monitorare l’attività tettonica in tempo reale.

I ricercatori, infatti, hanno utilizzato registrazioni sonore catturate da microfoni subacquei, chiamati idrofoni, per misurare le radiazioni acustiche generate da 200 terremoti avvenuti nel Pacifico e nell’Oceano Indiano. Parliamo di onde sonore che si propagano lungo il fondale oceanico per migliaia di chilometri.

Tali informazioni vengono poi analizzate e classificate dall’AI che è in grado di comprendere tipo di slittamento e magnitudo del terremoto oltre a lunghezza e larghezza delle onde sismiche, velocità di sollevamento e durata.

 

 

Ascolta il nostro geo-podcast Earthbit, un viaggio alla scoperta delle Scienze della Terra

 

 

Un meccanismo che, in combinazione al tradizionale monitoraggio attraverso le boe marine, aiuterà a inquadrare l’entità dello tsunami in arrivo facilitando l’allerta e l’evacuazione nelle zone a rischio.

“Gli tsunami possono essere eventi altamente distruttivi che causano enormi perdite di vite umane e devastazioni lungo le aree costiere”, ha affermato Usama Kadri, Senior Lecturer in Applied Mathematics all’Università di Cardiff e co-autore dello studio.

“La ricerca dimostra come il monitoraggio delle onde sonore di profondità, che viaggiano attraverso l’acqua molto più velocemente delle onde dello tsunami, consente di ottenere informazioni rapide e affidabili sulle dimensioni e sulla scala dei maremoti. In questo modo le autorità avranno più tempo a disposizione per evacuare le aree prima che vengano colpite”.

 

 

Leggi anche: Come lo studio dei polpi sta cambiando la Soft Robotics

 

 

Curiosamente, lo stesso Kadri, già nel 2017, aveva proposto di realizzare “cannoni anti-tsunami” che utilizzassero onde sonore di profondità per indebolire e dissipare quelle dei maremoti. Il problema è che occorrerebbe un’enorme quantità di energia per generare onde di gravità acustica così potenti, vaste e sincronizzate.

Non esiste ancora un metodo per bloccare gli tsunami sul nascere. Dalla costruzione di enormi muraglioni sulle coste alla realizzazione di isole e barriere coralline artificiali, passando per la piantumazione di foreste lungo le spiagge, al giorno d’oggi è solo possibile ridurre l’impatto di questi enormi cataclismi.

Non resta che confidare, dunque, sui progressi della tecnologia e su sistemi di allarme predittivi sempre più sofisticati per fare in modo che scene come quelle di Sumatra, Bali e Fukushima non si ripetano più.

Benedetto Antuono

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci