Cyber Secure City, la nuova frontiera dell’educazione alla sicurezza informatica a Milano

Collaborazione pubblico-privato per promuovere la consapevolezza digitale nella città intelligente del futuro

 

 

Il Comune di Milano e Milano Smart City Alliance hanno inaugurato un portale online gratuito chiamato “Cyber Secure City”. Questa novità offre ai milanesi un’opportunità unica per acquisire competenze e consapevolezza sulla sicurezza informatica. Il progetto Cyber Secur City, realizzato in collaborazione con importanti aziende, come A2A, Accenture, Cisco, e molte altre, mira a sensibilizzare sui rischi e sulle potenzialità legate all’uso della tecnologia.

Quanto siamo consapevoli quando ci muoviamo online? Siamo davvero sicuri di non aver bisogno di ripetizioni?

 

 

Ascolta il nostro podcast: L’arte della privacy, newborn data e riservatezza domestica in chiave pop

 

 

Cyber Secure City: come funziona il portale

Cyber Secure City è il risultato di una solida collaborazione tra il settore pubblico e quello privato. La partnership ha toccato una vasta gamma di temi negli anni, tra cui l’ambiente, l’energia, la mobilità sostenibile e la digitalizzazione. Il portale offre percorsi di formazione gratuiti forniti da aziende del calibro di Accenture, Cisco, Ecole, Fastweb e IBM. Questi corsi coprono argomenti cruciali nella sicurezza informatica e sono progettati per essere semplici e intuitivi.

Il target degli utenti del portale include persone di tutte le età, studenti, professionisti, imprese e istituzioni. La piattaforma mira a insegnare come proteggersi dai rischi online, comprendere le nuove tecnologie e acquisire nuove competenze. Inoltre, offre corsi in più di 15 lingue, consentendo a una vasta platea di persone di accedere alle risorse. Un altro vantaggio è la possibilità di acquisire crediti formativi e certificazioni, rendendo l’apprendimento una scelta vantaggiosa per chiunque. Perché non spendere questi plus durante la ricerca di un nuovo lavoro per esempio?

 

 

Ascolta il nostro podcast: Chi controlla i nostri dati?

 

 

Cybersecurity, l’importanza della consapevolezza dei cittadini

La Vice Presidente di Assolombarda e Presidente della Milano Smart City Alliance, Gioia Ghezzi, sottolinea l’importanza del portale per la crescita del Paese: “Cyber Secure City è un perfetto esempio delle potenzialità che nascono dalla collaborazione tra pubblico e privato”. Quest’iniziativa mette in luce un tema fondamentale per una città sempre più smart, ovvero la sicurezza informatica. “Grazie alla collaborazione con alcune delle realtà più innovative del territorio, si mira ad aumentare il livello di conoscenza informatica tra i cittadini, i professionisti e le istituzioni“, conclude Ghezzi.

La coordinatrice del board per l’Innovazione tecnologica e la trasformazione digitale del Comune di Milano, Layla Pavone (già nostra ospite in questo episodio di Oll In), sottolinea l’importanza della cittadinanza digitale consapevole. “Questo concetto abbraccia la consapevolezza di come i dati vengono raccolti, utilizzati e condivisi online. Essere cittadini digitali consapevoli significa conoscere e adottare pratiche di sicurezza informatica per proteggere la propria privacy e i propri dati, così come prevenire le minacce informatiche. La cittadinanza digitale comporta anche una responsabilità individuale e collettiva nell’uso delle tecnologie digitali, che deve tenere conto delle leggi e delle norme etiche online“.

Cyber Secure City potrebbe essere davvero un passo significativo per Milano verso la realizzazione di un piano che la porti a essere definita “intelligente e sicura”. La consapevolezza digitale è fondamentale in un’epoca in cui la tecnologia svolge un ruolo sempre più centrale nelle nostre vite, e Milano sta facendo la sua parte per assicurare che i suoi cittadini siano pronti per questa sfida.

Per visionare il portale clicca qui.

 

Ascolta anche il nostro podcast: Dark Pattern, come proteggersi dalla manipolazione?

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci