I-Tech Innovation 2024: Fondazione Golinelli e CRIF annunciano le 12 giovani imprese selezionate

Ad accelerarle G-Factor, che coordinerà la partnership tecnico-scientifica per l’Innovazione tra CRIF, Fondazione Golinelli, Competence Center BI-REX, Emil Banca, Gruppo BCC Iccrea, Areté-The Agrifood Intelligence Company, Città Metropolitana di Bologna, Comune di Bologna, Comune di Imola, Aeroporto di Bologna e Search On Media Group

 

 

Annunciate le 12 società selezionate da “I-Tech Innovation 2023-2024”, la terza edizione del programma di accelerazione promosso da Fondazione Golinelli e CRIF per progetti innovativi in sei settori strategici.

Le 12 realtà che hanno passato il vaglio finale della selezione – tra oltre 270 candidature pervenute dall’Italia e dall’estero – sono così suddivise: tre giovani aziende in ambito Life Science & Digital Health; due nel Fintech & Insurtech; una nell’Agritech & Foodtech; due per ognuna delle verticali sperimentali (call for plug-in), ossia Industry 4.0, Social Impact e Travel Tech & Smart Mobility.

Con I-Tech Innovation 2023-2024 sono state confermate le partnership: Competence Center BI-REX, Emil Banca, Gruppo BCC Iccrea e Areté-The Agrifood Intelligence Company. Inoltre, la terza edizione, si è aperta a nuove alleanze con istituzioni e aziende: Città Metropolitana di Bologna, Comune di Bologna, Comune di Imola, Aeroporto di Bologna, e Search On.

Obiettivo del programma è quello di investire nelle potenzialità di nuove generazioni di imprenditori per incoraggiare l’ecosistema dell’Innovazione italiano al fine di contribuire a colmare il grave ritardo tecnologico in cui versa il nostro Paese.

 

 

Leggi e ascolta anche: Ecco Golinelli LiVE, il Virtual Lab che supera i limiti del laboratorio di Scienze fisico

 

 

I team selezionati sono ora pronti a partire con G-Force, programma di accelerazione di G-Factor, l’incubatore-acceleratore di Fondazione Golinelli, che consentirà la crescita delle giovani realtà coinvolte a livello imprenditoriale, tecnologico-scientifico, finanziario e industriale, perché arrivino a mercato. 

Il percorso di mentorship, della durata complessiva di quattro mesi, è strutturato per accompagnare i team verso la presentazione davanti a potenziali investitori, facilitandone così le successive fasi di crescita e sviluppo.

In questo senso, il programma di accelerazione G-Force è unico nel suo genere: non è di stampo prettamente accademico, ma è piuttosto un graduale processo di affiancamento alle giovani imprese riconducibile al Venture Building, ideato e costruito sulle specificità e necessità di ogni singolo progetto. I contenuti formativi e il mentoring saranno messi a disposizione da imprenditori del settore, manager dal profilo internazionale, docenti e dallo staff di G-Factor e CRIF composto a sua volta da imprenditori, manager e da advisor tecnologico-scientifici e finanziari.

 

 

Leggi anche il nostro approfondimento su G-Factor, l’acceleratore di idee

 

 

Il programma, inoltre, offre alle aziende la possibilità di costruire importanti sinergie con le istituzioni del territorio e opportunità di collaborazione con aziende, nazionali e internazionali, al fine di sviluppare Proof of Concept e validare la loro Innovazione sul mercato. Tutto questo sia grazie alla rete di promotori e partner dell’iniziativa, sia durante i momenti di networking con partner industriali e investitori.

Come per la scorsa edizione, i giovani innovatori svolgeranno le attività residenziali previste dal programma di accelerazione negli spazi di G-Factor all’Opificio Golinelli e presso BOOM, il nuovo Knowledge e Innovation Hub di CRIF, dedicato all’educazione, alla formazione e all’Innovazione.

 

Le giovani imprese innovative selezionate

 

Call for Innovation Life Science & Digital Health

 

DNA – Switch

La Corea di Huntington è una patologia neurodegenerativa per la quale gli approcci terapeutici classici, basati su farmaci tradizionali, hanno finora fallito. L’approccio innovativo di DNA – Switch si basa sull’utilizzo di geni – normalmente presenti nel genoma umano – a scopo terapeutico, che vengono veicolati mediante vettori adenovirali o mRNA.

DNA – Switch, che ha già identificato i geni in grado di contrastare il decorso della Corea di Huntington e ha brevettato questa tecnologia, ora mira a industrializzare le proprie competenze per ottenere un prodotto terapeutico, pronto per trial clinici e per il mercato.

 

Impavid

Impavid nasce per implementare il primo patch cardiaco bioartificiale, biomimetico e ingegnerizzato per il rilascio controllato di molecole, ai fini di migliorare la qualità di vita dei pazienti che hanno sviluppato un infarto del miocardio e, contemporaneamente, contrastare l’insorgenza di insufficienza cardiaca. L’insufficienza cardiaca è una sindrome clinica complessa, caratterizzata da un elevato tasso di morbilità e mortalità (colpisce 64 milioni di pazienti nel mondo e costa all’assistenza sanitaria oltre 100 miliardi all’anno). Impavid intende, dunque, inserire sul mercato un nuovo device, frutto di una ricerca pluriennale, in grado di far fronte a questa esigenza clinica e di limitare a lungo termine la spesa sanitaria.

 

PoliRNA

PoliRNA è una startup innovativa specializzata nello sviluppo e commercializzazione di una nuova generazione di nanoparticelle ibride polimero-lipidiche per terapie con acidi nucleici. Nello specifico, le nanoparticelle PoliRNA, brevettate, sono versatili e consentono il rilascio mirato, sicuro ed efficiente di RNA (siRNA, miRNA) nelle cellule bersaglio. Le nanoparticelle PoliRNA, sviluppate nel corso del progetto ERC “BIORECAR”, permettono un’alta efficacia di incapsulamento, un’elevata stabilità in vitro e in vivo e la possibilità di una funzionalizzazione superficiale finalizzata a un targeting attivo verso le cellule e gli organi di interesse. Oggi il principale ostacolo è rappresentato dal divario tra la ricerca preclinica sulle molecole di RNA per nuove terapie e la loro approvazione per usi clinici. PoliRNA si propone, quindi, di colmare questa lacuna, accelerando e migliorando lo sviluppo e l’efficacia di nuovi farmaci biotecnologici.

 

Call for Innovation Fintech & Insurtech

 

Billding

Billding semplifica e digitalizza l’intero processo di gestione delle utenze e dei servizi concepiti per la dimensione abitativa (gas, elettricità, Internet, TV), la mobilità e il benessere individuale, dalla fase di attivazione alla fruizione, fino alla cessazione dei servizi, garantendo inoltre un risparmio annuo quantificato al consumatore finale.

 

Dootbox

Dootbox è una piattaforma two-sided che collabora con diversi player per offrire un servizio di mobilità in abbonamento. Grazie a Dootbox, ogni mese il cliente ha la possibilità di cambiare veicolo con quello più adatto alle proprie esigenze personali e di viaggio, o scegliere di non averne nessuno. Dootbox combina i vantaggi della semplicità e convenienza dell’abbonamento, offrendo una soluzione innovativa che offra maggiore flessibilità.

 

Call for Innovation Agritech & Foodtech

 

SupplAI

SupplAI rappresenta una soluzione innovativa per ottimizzare i processi di approvvigionamento e la gestione degli acquisti nel settore alimentare. La piattaforma digitale, alimentata dall’intelligenza artificiale, semplifica la creazione e la gestione degli ordini, migliorando l’efficienza operativa e riducendo i costi. SupplAI connette fornitori, team di approvvigionamento e manager della Supply Chain, garantendo una comunicazione fluida e una maggiore trasparenza. Grazie a SupplAI, le aziende alimentari possono ottimizzare i processi operativi, assicurando l’esecuzione tempestiva dei piani di produzione e riducendo gli sprechi alimentari.

 

Call for Plug-in Industry 4.0, IoT, Big Data & AI

 

Meddle

Meddle è la piattaforma di Industrial IoT che semplifica e automatizza il processo di raccolta e gestione dei dati industriali, consentendo alle aziende manifatturiere e ai relativi fornitori di integrare facilmente una moltitudine di flussi di dati provenienti sia da sensori IoT che da altre fonti dati, on e offline, in un unico tool. Meddle consente ai propri utenti di connettere in piena autonomia i macchinari dei rispettivi impianti industriali utilizzando il giusto protocollo per ognuno di essi grazie a un modulo AI che ne consente la generazione automatica e on demand degli stessi. La piattaforma permette, quindi, in tempi record di raccogliere i dati, normalizzarli, e trasferirli a qualsiasi destinazione terza.

 

Olivair

La raccolta delle olive con gli attuali scuotitori meccanici risulta inefficace nelle zone scoscese, che rappresentano circa il 70% degli uliveti attivi in Italia. Questi dispositivi, oltre a essere lenti e dannosi per le piante, richiedono l’utilizzo di reti e manodopera. Olivair, drone agricolo con un’apertura alare di 2,5 metri, è in grado di far fronte a queste problematiche generando vento per far cadere le olive mature. Volando sopra gli ulivi, il drone opera su qualsiasi tipo di terreno, riducendo i danni alle piante e agendo tre volte più velocemente rispetto ai metodi tradizionali. Ciò comporta una significativa riduzione dei costi di manodopera e un miglioramento della qualità del raccolto, rendendolo più omogeneo.

 

Call for Plug-in Social Impact 

 

Loqui

Loqui è un servizio che incontra le necessità delle persone che si affidano a specialisti, come psicologi o psicoterapeuti. Tramite la piattaforma è possibile compilare un questionario e successivamente essere abbinato allo psicologo più adatto, effettuare un primo colloquio gratuito e decidere se intraprendere il percorso di psicoterapia in videochiamata, in chat, in telefonata e/o di usufruire di strumenti di selfcare e autoaiuto (esercizi di respirazione, rilassamento, meditazioni guidate, psico-educazioni, gestione dell’insonnia, gestione della rabbia, della regolazione delle emozioni e molto altro).

 

Baze

Baze permette alle famiglie di trovare, assumere e retribuire il lavoratore domestico perfetto in meno di 10 click. Baze raccoglie le specifiche dei lavoratori attraverso un processo di onboarding strutturato e un test psicoattitudinale, generando profilazioni avanzate fino a 60 data point. Grazie a un algoritmo di Smart Matching, basato su intelligenza artificiale, crea match altamente personalizzati in meno di 24 ore. Una volta trovata la persona giusta, la famiglia ha a disposizione un’applicazione con cui può comodamente gestire l’assunzione e la gestione ordinaria del rapporto di lavoro, supportata da consulenti del lavoro esperti.

 

Call for Plug-in Travel Tech & Smart Mobility

 

Yooond

In un momento in cui il contapasseggeri sta diventando obbligatorio per legge in tutta Europa, l’obiettivo di Yooond è rivoluzionare il trasporto pubblico tramite l’implementazione di un sistema contapasseggeri che offra dati e metriche in tempo reale. Yooond rappresenta un unicum sul mercato, perché offre un servizio altamente innovativo a un costo ridotto, rispetto ai concorrenti. Attualmente il servizio è in fase di sperimentazione presso i leader di mercato italiani (Trenitalia, Almaviva, Trenord). Yooond trasforma anche l’esperienza di acquisto, implementando nel trasporto pubblico una logica simile a quella del Telepass, e ha sviluppato un sistema automatico su smartphone che rende i mezzi di trasporto, le stazioni e gli aeroporti in grado di comunicare ai passeggeri informazioni in tempo reale.

 

Braille-Fly

Braille-Fly con la sua innovativa tecnologia, mira ad abbattere il costo degli schermi Braille per non vedenti, fornendo una soluzione completamente modulare e flessibile. L’obiettivo è quello di rendere questo tipo di schermi più accessibili, non solo come dispositivi personali, ma anche come strumenti per la mobilità pubblica, mettendo a disposizione un’alternativa aptica per l’interfacciamento con display e macchinette automatiche.

 

I numeri dell’Opificio Golinelli

Dal 2015 ad oggi, l’Opificio Golinelli ha accolto 700mila visitatori (100mila studenti e studentesse e 14mila insegnanti ogni anno).

Sono oltre 30mila, invece, i docenti facenti parti di una community permanente; 800 le startup valutate negli ultimi sei anni, di cui 150 quelle che fanno parte di una community permanente; 40 le realtà imprenditoriali accelerate in sei programmi di accelerazione, in sei ambiti verticali diversi; 24 le startup partecipate ad oggi; oltre 150 i partner industriali, culturali, istituzionali e finanziari a livello nazionale e internazionale.

Redazione

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci