In fuga dal dolore cronico grazie alla Virtual Reality

Lì dove hanno fallito anche gli antidolorifici, in aiuto dei pazienti potrebbe venire la realtà virtuale. Tra scenari idilliaci, esercizi di meditazione e sessioni di yoga, si punta su distrazione e pensieri positivi

 

 

Convivere con il dolore cronico, ossia un dolore che si protrae per più di tre mesi, è un incubo che interessa milioni di persone ogni anno. Che si tratti di ustioni, tumori o danni al sistema nervoso, l’unica soluzione efficace, fino a pochi anni fa, sembrava una sola: il ricorso massiccio all’uso di antidolorifici e, nei casi più gravi, di oppioidi. Con tutte le conseguenze del caso sulla salute fisica, mentale e relazionale dei pazienti.

Lo sviluppo di sistemi di realtà virtuale, però, potrebbe rivoluzionare questo panorama. Infatti, nel mondo sono numerose le strutture sanitarie che hanno iniziato a sperimentare dispositivi VR con il fine di “distrarre” e far rilassare quei degenti alle prese con dolori cronici, derivanti, ad esempio, da interventi chirurgici, travaglio o trattamenti anticancro.

 

 

Ascolta anche: Elettrodi impiantabili contro il dolore cronico

 

 

Di solito, gli ambienti virtuali riproducono ambientazioni naturali che suscitano un senso di pace e tranquillità in chi li esperisce, come paesaggi di montagna, cieli sereni e valli dove scorrono ruscelli. Il tutto viene spesso accompagnato non solo da suoni rilassanti come lo scorrere dell’acqua e il cinguettio degli uccelli, ma anche da una voce narrante che aiuta gli utenti a eseguire esercizi di respirazione e a mettere da parte i pensieri negativi.

Non mancano poi vere e proprie lezioni di meditazione guidata e yoga da eseguire in ambiente virtuale, così che il paziente possa sentirsi il più possibile a suo agio, in spazi fisici a lui familiari e lontano da fonti di stress.

 

 

Ascolta anche Medicalbox: ogni visita medica a portata di click

 

 

Ovviamente si tratta di interventi palliativi che non risolvono il problema alla radice, ma i benefici sulla salute psico-fisica dei pazienti sono più che incoraggianti. Ad esempio, un recente studio condotto dallo Spaulding Rehabilitation Hospital, istituto affiliato alla prestigiosa Harvard University, ha analizzato gli effetti dell’impiego di un dispositivo VR per la lombalgia cronica, chiamato RelieVRx, su 179 persone.

La metà del panel ha utilizzato un dispositivo VR tridimensionale, mentre l’altra metà ha avuto accesso ad un visore “vecchio stile” che riproduceva un ambiente bidimensionale. Dopo otto settimane di trattamento, i livelli di dolore si sono ridotti di oltre la metà nel 46% dei partecipanti che usava il dispositivo VR rispetto al 26% dell’altro gruppo.

 

 

Ascolta anche: VillageCare, prima piattaforma italiana di care advisory

 

 

Sembra, inoltre, che la Virtual Reality possa trovare applicazioni anche nella cura di quei disturbi che implicano risvolti sociali particolarmente invalidanti come l’agorafobia, il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), gli attacchi di panico, la demenza e il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).

Certo non mancano i rischi, in primis quello di creare un “paradiso” alternativo dove rifugiarsi ogni qualvolta il dolore appare insopportabile, tagliando del tutto i ponti con la realtà circostante e magari abbandonando le terapie riabilitative e le cure farmacologiche. Ecco perché la probabile estensione della sperimentazione dagli istituti di cura alle abitazioni private non fa dormire sonni tranquilli a caregiver, medici e decision maker.

 

 

Leggi anche: Nuova indagine, il 60% dei professionisti si dichiara stressato

Benedetto Antuono

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci