Nuova indagine: il 60% dei professionisti si dichiara stressato

Quest’anno, il 60% dei professionisti afferma di aver sofferto di stress sul posto di lavoro e più della metà di questi dichiara che il proprio datore di lavoro non sta facendo abbastanza per combatterlo

 

 

Il ritorno dalle tanto agognate ferie non potrebbe essere più traumatico quest’anno. Infatti, secondo un’indagine condotta su 3mila professionisti da Robert Walters, azienda leader a livello mondiale nella ricerca e selezione di personale, specializzata su middle, top ed executive management, “il 55% dei professionisti ritiene che le misure adottate dalle organizzazioni per cui lavorano non siano adeguate nel contrastare lo stress sul posto di lavoro”.

Nonostante le misure per il benessere aziendale siano tanto sponsorizzate dalle stesse aziende, quello che rimane è una popolazione lavorativa sempre più vicina alla Sindrome da Born-Out.

Vediamo insieme i numeri più interessanti di questa ricerca.

 

 

Ascolta il nostro podcast: Il lavoro ibrido

 

 

Ecco alcuni dei dati emersi più preoccupanti.

  • Il 46% dei professionisti conferma che la stabilità del lavoro è ciò che li preoccupa maggiormente.
  • Il 45% ritiene che la gestione dello stress debba essere compito dei manager-direttori o dei responsabili delle risorse umane, seguiti dai responsabili diretti al 34%.
  • Il 51% ritiene che il proprio carico di lavoro sia elevato, mentre il 23% pensa che i progetti siano molteplici, ma di scarsa qualità.

Tra i professionisti intervistati, il 60% ha sofferto di stress sul lavoro molto spesso (33%), spesso (27%) o qualche volta (31%).

Solo il 9% dei professionisti ha dichiarato di non aver sofferto di stress ricorrente fino a quest’anno.

 

 

Leggi anche: In fuga dal dolore cronico grazie alla Virtual Reality

 

 

Le cause dello stress sul lavoro

Le cause principali dello stress lavorativo includono, dunque:

  1. stabilità del posto di lavoro (45%);
  2. pressione da parte del manager (23%);
  3. mancanza di aumento stipendiale (19%);
  4. carico di lavoro eccessivo (13%).

A proposito della gestione del tempo e della riduzione del carico di lavoro per evitare picchi di stress “il 45% dei professionisti intervistati pensa che dovrebbe essere responsabilità dei manager-direttori e dei responsabili delle risorse umane, il 34% ritiene che dovrebbe essere il proprio manager di riferimento, mentre il 18% pensa che si tratti di una responsabilità individuale”.

Tuttavia, meno del 20% dei professionisti ritiene che le proprie aziende stiano attuando strategie efficaci per affrontare lo stress. Inoltre, oltre il 27% sostiene che, pur essendoci stati degli sforzi, questi non abbiano dato risultati sufficienti, mentre la maggioranza degli intervistati (il 55%) afferma che le iniziative adottate dalle aziende sono risultate insufficienti per la risoluzione del problema.

 

 

Leggi anche: Matrix è già tra noi, ma per ora è un problema delle mucche

 

 

Queste le parole di Cristina Napoletano, Associate Director di Robert Walters Italia.

“Nonostante le grandi e piccole aziende abbiano destinato considerevoli risorse al benessere sul posto di lavoro, sembra che questi sforzi siano stati solo una soluzione temporanea. Piuttosto che investire somme di denaro eccessive che alla fine risultano inutili, credo sia importante permettere a ogni individuo di condividere con gli altri e con i propri responsabili le proprie emozioni, in modo da razionalizzare e non interiorizzarle troppo, rischiando un ingigantimento o troppa frustrazione. Inoltre, un utilizzo equilibrato del telelavoro, resta fondamentale, non solo per semplificare la vita personale quotidiana, ma anche per lavorare in uno spazio più familiare e dove ci si sente più a proprio agio.”

Sembra proprio che non importi quanto la tecnologia ci sta rendendo più produttivi, ma quanto come esseri umani stiamo scoprendo i limiti di non essere fatti di algoritmi. Verrebbe da dire, storpiando un famoso film di un’Italia che non c’è più: “alla fine ci stanchiamo!

 

Leggi anche: Benvenuti nel lato oscuro dei social media. I contenuti “inappropriati”

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci

PODCAST

Health

La sostenibilità nel settore residenziale: comfort abitativo e rispetto dell’ambiente

Ospite: Paolo Mezzalama

GREENTOPIA
con Laura Scrimieri, Ilaria Tana

PODCAST

Madè (CONTENTS): così l'AI sta cambiando il mondo del lavoro
Intelligenza artificiale

Tommaso Madè (Contents): “Così l’AI sta cambiando il mondo del lavoro”

Ospite: Tommaso Madè

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Superstudio Events: pionieri della sostenibilità negli spazi per grandi eventi
Sostenibilità

I grandi eventi si fanno sempre più green

Ospite: Tommaso Borioli

GREENTOPIA
con Laura Scrimieri, Ilaria Tana