Le migliori newsletter tech presenti su Substack

Facciamo il punto sulle migliori newsletter in italiano presenti su Substack. Con focus su Innovazione, tecnologia e marketing digitale

 

 

Nelle ultime settimane, tra le pagine social e sui siti che si occupano di tech e marketing, si è tornato a parlare di Substack, la piattaforma di newsletter che consente ai creatori di contenuti di creare, gestire e-mail e monetizzare le proprie newsletter. La causa è uno scontro piuttosto acceso con Elon Musk, sì, sempre lui.

Come ha ben riassunto “il Post”, il proprietario di Twitter non ha apprezzato il lancio di Notes, nuova funzione di Substack che consente agli utenti di creare post brevi e rapidi sui loro interessi e le loro idee. Ogni “nota” è limitata a 280 caratteri, come i tweet di Twitter, e offre una funzionalità di commento incorporata, per consentire agli utenti di interagire tra di loro, come la funzione “cita” di Twitter. Infine c’è la funzione “restack” pericolosamente simile al retweet di Twitter.

Diciamo che stavolta Musk sembra avere buoni motivi per alzare la voce.

Il core di Substack è però un altro: la piattaforma consente agli autori di creare in maniera semplice una newsletter a cui i lettori possono iscriversi. Gli autori possono anche scegliere di rendere alcune newsletter a pagamento, guadagnando così dai loro lettori. Substack fornisce anche strumenti per la creazione del contenuto, tra cui la possibilità di caricare file, integrare elementi multimediali e una apprezzata funzione podcast.

La centralità di Substack come strumento di comunicazione non è ancora tema di discussione in Italia come lo è da qualche tempo nei paesi aglofoni. Nel nostro Paese la sua adozione è ancora in fase iniziale, ma sta crescendo rapidamente e ci sono già molti scrittori e professionisti che utilizzano il servizio in modo molto proficuo.

Sfruttiamo quindi la polemica sollevata da Musk per fare il punto sulle migliori newsletter in Italiano che possiamo trovare su Substack. Naturalmente il nostro focus è su innovazione, tecnologia e marketing digitale.

 

Vincos Newsletter [link]

La newsletter gestita da Vincenzo Cosenza, primaria figura di riferimento del marketing digitale in Italia, è tra le prime attivate in Italiano su Substack.

Ogni settimana Vincos pubblica riflessioni e notizie sui temi del marketing e della tecnologia, sfruttando tutte le funzionalità di Substack, come il canale chat, attraverso il quale spesso chiede suggerimenti e interagisce con la community.

Tra gli Early Adopter di Notes, Vincos gestisce anche la newsletter mensile Osservatorio Metaverso dedicata a quella che definisce “la prossima era di Internet”.

 

Guerre di Rete [link]

Guerre di Rete è una newsletter, attiva fin dal 2018, che approfondisce alcuni dei temi diventati pop nell’ultimo anno segnato dalla guerra russo-ucraina. Ogni settimana, infatti, Carola Frediani, giornalista e Infosec Technologist nel team di sicurezza informatica globale di Human Rights Watch, pubblica analisi e notizie su temi legati a cybersecurity, privacy, diritti digitali, intelligenza artificiale e cybercrimine.

 

dataMESH [link]

La newsletter gestita da Filippo Trocca, Chief Innovation Data Officer di Datrix, propone aggiornamenti, pettegolezzi e statistiche sul mondo dei dati, approfondendo tutto quello che potrebbe servire a creare una Data Strategy per un’azienda, nonché le nuove tendenze con particolare attenzione al Digital Marketing.

 

Condivide et impera [link]

Rudy Bandiera è un influencer di Internet da prima che si chiamassero influencer. Penso fosse “webstar” la label che utilizzavamo per definirli. Ad ogni modo, influencer lo è certamente nei campi della Comunicazione Social, del marketing digitale e del Personal Branding. È tra le “LinkedIn Top Voices Italy”, docente, creator, anchorman e speaker di eventi, autore di cinque libri su futuro, digitale e Comunicazione.

La sua newsletter non è comunque da considerarsi un contenuto “di settore”, dato che spazia su diversi temi, spesso anche pop. Usa uno stile di scrittura “letterario”, piacevole da leggere anche quando i temi non sono di facile comprensione.

 

La lettera di [mini]marketing [link]

È scritta da Gianluca Diegoli, tra i consulenti Marketing più apprezzati in Italia, ed è uno spin off del suo blog, Minimarketing.it, attivo dal 2004, cioè da quando dire “blogosfera” era un sacco cool.

Naturalmente il tema è il Marketing, ma non è una newsletter prettamente per addetti ai lavori, anzi. Diegoli usa un approccio divulgativo che aiuta l’approccio ai temi anche per persone che di mestiere fanno altro, come chi scrive.

 

FastLetter! [link]

“Fastletter!” è una newsletter curata da Giorgio Taverniti, riferimento principale quando si parla di SEO in Italia. Ha un po’ una funzione di hub di tutti i contenuti prodotti da @GiorgioTave, tra i quali un seguito e ben curato canale YouTube.

Si parla naturalmente di SEO, ma è utile seguirla per avere una prima infarinatura su tutte le nuove tendenze tech, sulle quali riesce ad arrivare sempre in anticipo.

 

Elissi [link]

“Ellissi” è la newsletter di riferimento per chi si interessa di futuro dei media ed è curata da Valerio Bassan, giornalista e Senior Digital Strategist per Media Company italiane e internazionali.

I contenuti che propone offrono sempre spunti interessanti di riflessione sul funzionamento dell’informazione e della gestione dei contenuti da parte delle Media Company.

 

L’impatto di Substack sulla società è ancora in evoluzione, ma è già evidente una chiara rivoluzione del rapporto tra lettori e scrittori. La piattaforma dà agli autori autonomia e libertà editoriale, consentendo loro di scrivere di ciò che li appassiona, senza dover passare attraverso una catena di editing e approval. Questo dà ai lettori un accesso diretto e immediato a contenuti di alta qualità e autenticità, mentre offre agli autori un modo per monetizzare il loro lavoro.

Substack, quindi, sembra essere una delle piattaforme su cui puntare per il futuro del giornalismo indipendente e dei contenuti di alta qualità, dove l’autonomia creativa e il rapporto diretto tra scrittore e lettore sono entrambi elementi fondamentali.

Se avete newsletter da suggerirci per il prossimo appuntamento di questa serie, potete farlo sui canali social di Radio Activa Plus: Facebook, Instagram, LinkedIn e Twitter.

 

Leggi anche: WikipedIA scritta dall’intelligenza artificiale? L’ipotesi del fondatore Jimmy Wales

Mark (Apprendista Geek) Bartucca

Potrebbero interessarti

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci

PODCAST

Health

La sostenibilità nel settore residenziale: comfort abitativo e rispetto dell’ambiente

Ospite: Paolo Mezzalama

GREENTOPIA
con Laura Scrimieri, Ilaria Tana

PODCAST

Madè (CONTENTS): così l'AI sta cambiando il mondo del lavoro
Intelligenza artificiale

Tommaso Madè (Contents): “Così l’AI sta cambiando il mondo del lavoro”

Ospite: Tommaso Madè

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Superstudio Events: pionieri della sostenibilità negli spazi per grandi eventi
Sostenibilità

I grandi eventi si fanno sempre più green

Ospite: Tommaso Borioli

GREENTOPIA
con Laura Scrimieri, Ilaria Tana