Meta presenta i nuovi Smart Glasses in collaborazione con Ray-Ban

La rivoluzione nel mondo degli occhiali intelligenti, o meglio: possiamo dire che stiamo già vivendo Black Mirror

 

 

Oggi, durante l’evento Meta Connect, in collaborazione con EssilorLuxottica, è stata annunciata la nuova collezione di Smart Glasses Ray-Ban Meta di prossima generazione. Questi occhiali sono stati riprogettati da zero, migliorando tutte le caratteristiche principali della prima generazione e aggiungendo nuove capacità mai viste prima su un paio di occhiali intelligenti. La cosa che ci ha assolutamente stupito è stato, però, il prezzo. Infatti, la spesa parte da 299 dollari americani. Le prenotazioni sono già aperte, sia sul sito di Meta sia su quello di Ray-Ban, ma il prodotto sarà disponibile per l’acquisto, online e nei negozi fisici, a partire dal 17 ottobre.

Veniamo ora alle caratteristiche più importanti e agli aspetti più innovativi.

 

 

Non solo Smart Glasses, leggi anche: Roadmap to Star Trek. Meta vuole realizzare il traduttore universale

 

 

Smart Glasses: caratteristiche

Ecco alcune delle novità.

  • Audio migliorato. “Ci sono altoparlanti di nuova progettazione con bassi estesi, volume massimo più alto e audio direzionale migliorato che riduce le perdite audio per chiamate, musica e podcast migliori, anche in ambienti rumorosi o ventosi”. E, durante la registrazione di un video, la nuova tecnologia a cinque microfoni supporta la registrazione audio immersiva, in modo da poter catturare i suoni esattamente come sono stati originariamente sperimentati, che siano davanti a te, ai lati, che vengano dal retro o persino dall’alto. Insomma, le spie avranno una grossa mano prossimamente, ma anche la partecipazione a un semplice concerto cambierà drasticamente.
  • Condivisione in real-time. “Una nuova fotocamera ultra-wide da 12 MP si traduce in una migliore qualità per le foto e i video in 1080p fino a 60 secondi”. Si potrà persino “condividere direttamente le foto con amici e parenti dagli Smart Glasses con un semplice comando vocale”.
  • Alimentazione potenziata. Gli occhiali intelligenti Ray-Ban Meta sono alimentati dalla “nuova piattaforma Qualcomm Snapdragon AR1 Gen1, che consente l’elaborazione di foto e video di migliore qualità e una computazione ancora più veloce”. Gli occhiali sono dotati, inoltre, di una custodia di ricarica ridisegnata e elegante, che contiene fino a otto ricariche aggiuntive (per un totale di 36 ore di utilizzo) ed è più sottile e compatta.

Ci abbiamo scherzato per tanto tempo, non solo noi, ma ogni giornale del mondo, eppure Black Mirror non è più una distopia lontana. Immaginiamo il grado di fusione tra vita umana e digitale con questo prodotto. Proviamo a immaginare tutte le possibili applicazioni: quanti lavori si modificheranno? 

 

 

Leggi anche: Zuckerberg lancia i visori Meta Quest Pro. Il futuro del lavoro sarà nel Metaverso

 

 

Altre novità degli Smart Glasses di Meta.

  • Controllo. C’è stata una “riduzione del peso degli occhiali e si è snellito il profilo in ogni direzione”, rendendoli più leggeri e confortevoli. Gli occhiali sono ora anche resistenti all’acqua. In più, si è “migliorato il touchpad e sono state aggiunte interazioni audio in modo che gli occhiali rispondano molto più velocemente e in modo più affidabile ai comandi”.
  • Trasmissioni in diretta hands-free. Ora si potrà “trasmettere in diretta dagli occhiali su Facebook o Instagram. Si potranno poi vedere i commenti in anteprima, toccare e tenere premuto il lato degli occhiali per ascoltarli ad alta voce e interagire con la community mentre si vive il momento”.
  • Meta AI. Infine, c’è stata l’integrazione di Meta AI, l’assistente avanzato di conversazione, sugli occhiali intelligenti Ray-Ban Meta, ottimizzato per un’esperienza hands-free in movimento. “Dicendo “Hey Meta”, si può interagire con Meta AI per ottenere informazioni e controllare le funzionalità, il tutto semplicemente usando la voce.

Insomma, l’annuncio con il botto c’è stato. Ora rimane da vedere in che modo questo prodotto sarà percepito dai consumatori di tutto il mondo. Noi di Radio Activa Plus saremo qui per raccontarlo.

 

Leggi anche: Metaverso, i vantaggi per il settore assicurativo

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci