Mini Data Center per riscaldare piscine? L’idea di una startup inglese

Perché dissipare il calore emesso dai Data Center quando si può trattenerlo e ridistribuirlo dove serve di più? In Inghilterra si studiano sistemi alternativi per combattere il caro energia

 

 

Più spesso di quanto pensiamo, soluzioni innovative e sostenibili sono già a portata di mano e aspettano solo di vedere la luce. Un esempio virtuoso, in questo senso, arriva dal Devon, in Inghilterra, dove un piccolo Data Center delle dimensioni di una lavatrice viene utilizzato per riscaldare una piscina pubblica, l’Exmouth Leisure Centre.

Il funzionamento del sistema ideato dalla startup inglese Deep Green è semplice e geniale allo stesso tempo: il calore prodotto dai computer viene trattenuto da un complesso di tubature contenenti olio minerale e poi reindirizzato verso una piscina limitrofa tramite uno scambiatore. Grazie a questa “caldaia digitale“, l’acqua della piscina viene mantenuta a circa 30°C per il 60% del tempo con enormi risparmi in termini di consumi elettrici.

Basti pensare che, complice la crisi energetica legata al conflitto in Ucraina, per quest’anno, gli amministratori dell’Exmouth Leisure Centre avevano stimato un aumento delle bollette energetiche pari a 100mila sterline. Un caso come tanti nel Regno Unito dove, dal 2019, 65 piscine hanno chiuso i battenti a causa dell’incremento esponenziale dei costi per l’energia.

 

 

Leggi e ascolta anche l’intervista a Piero Badaloni: “La grande sete. Le azioni per far fronte alla crisi climatica” 

 

 

Secondo Mark Bjornsgaard, AD di Deep Green, si tratta di una situazione win-win: il sistema è “ottimo per le piscine che possono ridurre il costo del riscaldamento e la quantità di CO2 emessa, ma anche positivo per noi perché possiamo offrire servizi informatici più economici tagliando i costi di raffreddamento“.

Un problema, quello del “Data Center Cooling“, che sta diventando di proporzioni gigantesche, considerando la crescente richiesta di centri di calcolo ed elaborazione dati sempre più potenti in tutto il mondo. Ognuna di queste infrastrutture, infatti, richiede tonnellate di acqua per mantenere costante la temperatura dei computer, rilasciando enormi quantità di calore nelle aree circostanti. Si stima che, ad oggi, i Data Center assorbano il 3% della fornitura globale di elettricità, contribuendo al 2% delle emissioni globali di gas serra.

Se fino a pochi anni fa la tendenza era, quindi, quella di costruire grossi edifici, spesso lontano da centri abitati e con migliaia di computer al loro interno, adesso l’approccio sembra andare nella direzione opposta.

“Considerando come sta evolvendo il mondo, presto avremo bisogno di un numero di computer 10 volte superiore a quello attuale, ma la verità è che non possiamo permetterci di costruire 10 volte il numero di Data Center che già abbiamo“, ha sottolineato Bjornsgaard in un’intervista con il quotidiano britannico The Guardian. “La soluzione, quindi, sta nel decentralizzare i Data Center, portandone ‘piccoli pezzetti’ lì dove serve calore”.

 

Ascolta anche SaveBiking: un’app sostenibile che ti premia

Redazione

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci