Mistero Raffaello: l’AI scioglie i dubbi sulla Madonna della Rosa

Una delle opere più conosciute e ammirate del Museo del Prado di Madrid, “La Madonna della Rosa”, è stata analizzata dall’AI per verificare l’attribuzione del dipinto a Raffaello Sanzio

 

 

Un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale ha finalmente rischiarato le incertezze che circondavano e offuscavano il celebre ritratto della “Madonna della Rosa” che in passato veniva attribuito a Raffaello. Una squadra di esperti della University of Bradford ha determinato che la figura di San Giuseppe, situata sulla sinistra del dipinto, non proviene dall’abile pennello di Raffaello, come era stato ipotizzato sin dal 1800.

Secondo il rapporto, pubblicato dalla rivista Heritage Science, l’AI potrebbe diventare un prezioso alleato per gli storici dell’arte, integrandosi con le loro competenze nel delicato processo di verifica dell’autenticità che richiede una valutazione complessa, comprendente l’origine, i materiali e le condizioni dell’opera d’arte.

 

 

Leggi anche: “Physis and rendering”, la nuova mostra tech di Vincenzo Marsiglia

 

 

Il dipinto, un olio su tavola realizzato tra il 1518 e il 1520, è attualmente esposto al Museo Nazionale del Prado di Madrid. Gli studiosi hanno da tempo dibattuto sull’autore effettivo del quadro: alcune teorie suggerivano una collaborazione tra Raffaello e membri del suo studio, come Giulio Romano. Per risolvere il mistero, una squadra di ricercatori, sotto la guida di Hassan Ugail, ha elaborato un algoritmo avanzato basato sull’intelligenza artificiale, grazie a un vasto database di opere autentiche di Raffaello.

Ugail ha spiegato: “Abbiamo addestrato il computer a riconoscerne lo stile in modo molto dettagliato, dalle pennellate alla tavolozza dei colori, fino all’ombreggiatura e a ogni altro aspetto dell’opera”.

 

 

Leggi anche Van Gogh à Auvers-sur-Oise, l’AI trasforma gli spettatori da passivi ad attivi

 

 

Quando poi è stato sottoposto a test il dipinto nel suo complesso, “i risultati non sono stati conclusivi, quindi abbiamo analizzato le varie parti separatamente: mentre l’AI conferma che il resto del dipinto (la Madonna, il Bambino e San Giovanni Battista) si può attribuire a Raffaello, il volto di San Giuseppe è molto probabilmente il risultato di un’altra mano”.

Per quanto riguarda i dubbi sulla metà inferiore dell’opera, il risultato dell’analisi dell’AI è provvisorio: “molto probabilmente” la mano che l’ha dipinta è stata quella di Raffaello, ma potrebbe anche essere stata quella di un bravissimo allievo e perfetto imitatore. Ugail ha spiegato al The Guardian che l’algoritmo usato dall’intelligenza artificiale è stato addestrato facendogli osservare fin nei minimi dettagli 48 opere universalmente attribuite a Raffaello.

Il risultato dell’addestramento è la sua capacità di distinguere la mano del maestro da quella di imitatori e allievi con un’accuratezza del 98%.

 

 

Leggi anche La fisica restaura l’arte? Il Progetto ARTEMISIA: quando l’Innovazione incontra il patrimonio artistico

 

 

Non è la prima volta: era già accaduto, infatti, con il Tondo de Brecy, copia della Madonna Sistina di Raffaello; infatti, l’uso dell’intelligenza artificiale per attribuire opere d’arte agli artisti è un campo in rapida evoluzione. 

L’intelligenza artificiale può essere impiegata per analizzare lo stile artistico, i motivi ricorrenti nelle opere di un determinato artista, la tavolozza di colori, ma anche per la comparazione, la provenienza e la rilevazione di anomalie (quest’ultima skill, come nel caso della Madonna della Rosa, può suggerire interventi o modifiche da parte di artisti diversi). Tuttavia, è importante notare che l’intelligenza artificiale non sostituisce l’expertise e l’interpretazione umana, ma può piuttosto fungere da strumento complementare, a supporto degli esperti del settore.

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci