CINETECHA

Chi ha ucciso il cinema per ragazzi?

La trasformazione del genere

 

In questa puntata di Cinetecha, il nostro speaker Gabriele Barducci si cala nei panni di un moderno Sherlock Holmes e ci guida alla ricerca del colpevole che si nasconde dietro alla scomparsa, nelle sale cinematografiche, dei film per ragazzi.

Chi tra noi non ricorda le domeniche pomeriggio davanti alla tv per guardare La storia infinita, I Goonies, Casper, Jumanji e tanti altri, fino ad arrivare alla più recente saga del maghetto più sfortunato d’Inghilterra, Harry Potter.

Gli esempi passati di questo genere sono tanti e ognuno di noi ha poi negli anni creato la sua personale classifica di preferenze, ma cosa sta succedendo da qualche anno a questa parte? Qual è l’ultimo film che avete visto che può essere considerato pienamente parte del genere e non solo una produzione di nicchia?

 

Ascolta anche: L’avvento dello streaming

 

Qualcuno di noi potrebbe affermare che i film d’animazione della Pixar, per esempio, possono essere considerati parte integrante di questo filone, ma ne siamo sicuri? Se proviamo a ripensare a Inside Out, Coco e Luca, e poi a tutte le persone sedute di fianco a noi, nel buio della sala cinematografica, non erano forse volti di tutte le età?

Senza dubbio è ormai riduttivo relegare questi film nella sezione esclusiva “per ragazzi”, dato che ormai non hanno più un target ben definito, ma sono diventati fenomeni universali per platee di ogni generazione.

 

Ascolta anche: Come il budget influenza il mondo dell’animazione

 

Se dovessimo scegliere il film che ha fatto calare i titoli di coda sul filone del cinema per ragazzi, una questione che potrebbe creare non pochi dibattiti, bisognerebbe tornare con la memoria all’ormai non recentissimo Piccoli Brividi, con Jack Black come interprete principale e Rob Letterman come regista. Un ultimo riuscito canto del cigno, non solo perché utilizza efficacemente tutti gli stilemi del genere, ma anche in termini di incasso al box office internazionale. Cos’è successo nel frattempo?

Chi è arrivato in pompa magna, nel 2012, e non ha mai più lasciato le insegne dei cinema di tutto il mondo?

 

 

Ospite

POTREBBERO INTERESSARTI

Xam Xam

Il nuovo programma di Radio Activa in collaborazione con WeAfricansUnited che viaggia alla scoperta delle innovazioni del continente africano. Un percorso che porta alla luce

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo