HELLO INNOVATION

Il digitale e la pubblica amministrazione

Transizione digitale nel settore pubblico: intervista a Michele Fioroni

 

 

Ricomincia un nuova stagione di Hello Innovation, il podcast di Radio Activa che vuole fare il punto della situazione in materia di innovazione; in questa prima puntata il nostro conduttore Andrea Picardi affronta il tema del digitale in ottica Pubblica Amministrazione, con un ospite d’eccezione: Michele Fioroni, assessore allo Sviluppo Economico, Innovazione, Digitale e Semplificazione della Regione Umbria e coordinatore della Commissione per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione della Conferenza delle Regioni.

Parliamo di avanzamento tecnologico, e in particolare iniziamo con il citare il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che attribuisce alla transizione digitale un ruolo fondamentale nel superamento della crisi che ha colpito il Paese a causa della pandemia, ma non solo. Un Piano che è un’occasione da non perdere per recuperare il ritardo accumulato in Europa in tema di competenze digitali e capacità di digitalizzazione delle istituzioni pubbliche.

Infatti, avere un sistema debole dal punto di vista delle infrastrutture tecnologiche non solo rallenta i processi di avanzamento interni, ma ci rende anche poco appetibili agli occhi degli investitori internazionali. Quali sono le politiche da mettere in campo a livello statale e regionale per cambiare rotta?

 

Ascolta anche: “La grande scommessa” delle imprese 4.0 post-covid

 

Il punto focale per riuscire a superare la crisi e allo stesso tempo avanzare dal punto di vista tecnologico è, in primis, trovare un punto di equilibrio tra soluzioni di apparati nazionali e di enti più piccoli, tra i quali quelli regionali, senza “pestarsi i piedi” a vicenda e cercando di superare le sabbie mobili delle zone grigie. Non basta distribuire tecnologia a tappeto nel settore pubblico, bisogna cambiare anche e, soprattutto, i processi.

Non a caso, il governo ha compreso che la digitalizzazione deve essere guidata da un gruppo di esperti del settore tech, così da pianificare in maniera organica la ripresa e la transizione digitale. Una delle sfide principali, in Italia, sarà quella della digitalizzazione degli archivi; grazie a questa azione, infatti, si sbloccherebbero a cascata diverse iniziative di forte interesse pubblico per il cittadino.

Saremo però abbastanza bravi da cogliere questa occasione? C’è stata davvero una svolta a carattere culturale post pandemia?

 

Ascolta anche: Ripartire da innovazione, ricerca, semplificazione

 

In Italia, la transizione digitale è ancora in ritardo. Essere indietro su questo fronte rischia di penalizzarci anche in quei campi dove non solo siamo competitivi, ma nei quali eccelliamo; un esempio paradigmatico è il settore manifatturiero che ci vede ancora tra i primi posti in Europa. La velocità di riprogrammazione dei processi diventa quindi una necessità del prossimo futuro.

Non si può più immaginare un’industria senza parlare anche di digitale. Il pubblico dovrebbe cercare di seguire le orme tracciate dal settore privato e riprogettare i sistemi seguendo una direttiva ben salda: la semplicità.

La domanda che ci poniamo è: con il ritardo accumulato quante posizioni siamo destinati a perdere?

Francesca Ponchielli

 

 

Francesca Ponchielli

Ospite

Michele Fioroni

Michele Fioroni, assessore allo Sviluppo Economico, Innovazione, Digitale e Semplificazione della Regione Umbria e coordinatore della Commissione per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione della Conferenza delle Regioni. Nasce a Perugia nel 1970. Fin da giovanissimo manifesta passione per l’economia e la politica. Si laurea in Economia a Pisa con il massimo dei voti e inizia subito […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci