SPECIALE RADIO ACTIVA

“La grande scommessa” delle imprese 4.0 post-Covid

Intervista a Vittoria Carli, Presidente della Sezione IT di Unindustria

 

 

Innovazione, digitalizzazione, rilancio del territorio, nuovi modelli di business: come dovranno muoversi le imprese nel prossimo futuro? E cosa è cambiato nelle abitudini dei consumatori? Il 14 maggio 2020 Vittoria Carli è stata rieletta all’unanimità Presidente della Sezione IT di Unindustria per i prossimi quattro anni. Anni che dovranno segnare, grazie alla dinamicità delle imprese e alla spinta decisiva apportata dalla digitalizzazione, un nuovo inizio.

 

Francesco Andriani, responsabile delle relazioni istituzionali per il Gruppo Activa, ha intervistato Vittoria Carli all’interno di questo speciale approfondimento. Un’occasione per discutere di innovazione, rilancio del territorio, nuovi modelli di business e cambiamenti nelle abitudini dei consumatori, in seguito alla pandemia di Covid-19.

 

 

Ascolta anche: Fare “la grande differenza” in tempi di Covid-19, intervista a Sebastiano Zanolli

 

 

La fase 1 dell’emergenza ha costretto imprese e amministrazioni pubbliche italiane ad adottare lo smart working, fino a quel momento poco diffuso nel Belpaese. Secondo Carli questa è un’opportunità che non deve essere sprecata: “la pubblica amministrazione deve fare in modo che i suoi servizi siano più fruibili e veloci e che le autorizzazioni siano concesse a imprese e cittadini nel modo più veloce possibile, grazie al digitale“.

 

Inoltre, sempre con le parole del Presidente IT di Unindustria, anche il mondo dell’impresa deve proseguire nella direzione dello smart working, con le dovute differenze. “Ci sono società multinazionali che già da tempo danno la possibilità di lavorare un giorno o due a settimana da casa. Naturalmente dipende da impresa a impresa e dalla tipologia di clienti a cui queste si rivolgono, ma esistono aziende tecnologiche che possono svolgere ormai il 100% della propria attività in remoto”.

 

Sabrina Colandrea

 

 

Ospite

Vittoria Carli

Vittoria Carli è Presidente della sezione Information Technology di Unindustria. Inoltre, dal 2011, è amministratore unico della holding di controllo del Gruppo Ised, fondato nel 1974 e presente da oltre 40 anni nei settori verticali dell'e-government (Sanità, Ambiente e Territorio) e dell’università e nei settori trasversali dell'amministrazione e del controllo di gestione, dell'e-learning, dell'infrastrutturazione tecnologica, del networking e della sicurezza. Carli ha un passato come manager, oltre che da Segretario Generale della Camera nazionale della moda italiana e da direttore del consorzio per l'export Moda Roma. Appassionata di temi europei, è stata nominata Member of the High Level Group on Business Services presso la Commissione Europea nel 2014. Ricopre la carica di Presidente di Assotec - Associazione industrie produttrici di piattaforme software e servizi cloud dal 2016. Nel tempo è stata chiamata a ricoprire diversi incarichi del sistema associativo: oltre che Vice Presidente di CSIT (Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici), è stata componente del gruppo tecnico Internazionalizzazione di Confindustria dal 2012 al 2020; componente del gruppo tecnico Education dal 2010 al 2016; invitata permanente all’interno del comitato tecnico Sicurezza dal 2012 al 2014; componente del comitato tecnico Credito e Finanza dal 2012 al 2014. Inoltre è membro del comitato di indirizzo di Economia e Gestione Aziendale dell’Università Lumsa.

POTREBBERO INTERESSARTI

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore

Talk About IT

Parliamo degli impatti sullo sviluppo, sulle competenze diffuse e specialistiche, sulla trasformazione della forza lavoro, sulla stessa morfologia delle città non più punto di accumulazione

Cryptovalue

Cryptovalues

Di sicuro sta riscrivendo le regole della fiducia tra persone, enti e istituzioni: è la tecnologia Blockchain, un mondo che va ben oltre i bitcoin.