Ottobre è il mese dedicato alla dieta vegana per la Silver Generation (e non solo)

OCSE: “Una dieta vegana ben bilanciata può giocare un ruolo cruciale nella promozione della salute e nel contrasto delle malattie croniche associate all’invecchiamento”

 

 

Ottobre non è solo il mese delle foglie che cadono (che quest’anno non stanno cadendo ancora) e di Halloween, ma anche un momento importante per la cosiddetta “Silver Generation”. Secondo l’OCSE, infatti, “entro il 2050 gli over 60 rappresenteranno circa il 21% della popolazione mondiale”. La salute in età avanzata è un tema centrale e una dieta vegana ben bilanciata può giocare un ruolo cruciale nella sua promozione e nel contrasto delle malattie croniche associate all’invecchiamento.

Un crescente corpo di evidenze scientifiche mette in luce l’importanza delle proteine vegetali nella dieta degli anziani. Anche piccole modifiche nella dieta possono avere un impatto significativo sulla salute. A titolo esemplificativo, uno studio americano ha dimostrato che “sostituire solo il 5% delle calorie totali giornaliere con proteine vegetali in luogo di quelle animali può ridurre il rischio di fragilità del 38% nelle donne over 60“. Questo studio coinvolge oltre 85mila donne, dimostrando che “l’aumento nell’assunzione di proteine vegetali ha portato a un rischio inferiore del 14% di sviluppare fragilità associata all’età avanzata”.

 

 

Leggi anche: Abbiamo provato la “carne-non carne” di Impact Food

 

 

Frutta e verdura, un elisir di salute

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda il consumo giornaliero di 400 grammi di frutta e verdura, sottolineando il loro ruolo fondamentale nella dieta di ciascuno. Questi alimenti sono ricchi di fibre, apportano sali minerali, vitamine e fitocomposti essenziali per il benessere dell’organismo e aiutano a prevenire malattie croniche quali cancro, diabete, obesità e malattie cardiocircolatorie.

Il messaggio di Lucilla Titta

La dottoressa Lucilla Titta, biologa nutrizionista e ricercatrice presso l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, sottolinea l’importanza di “seguire una dieta ricca di frutta e verdura, cereali integrali e legumi in età avanzata, alimenti che aiutano a mantenere un generale stato di salute dell’organismo e possono essere particolarmente utili per raggiungere le porzioni consigliate di frutta e verdura”.

 

 

Leggi anche: Planter, l’app rivoluzionaria per un’alimentazione vegetale

 

 

Il ruolo dei prodotti a base vegetale

I prodotti a base vegetale sono sempre più presenti sulle nostre tavole e rappresentano un’opzione salutare proprio per la già citata Silver Generation. Questi alimenti contribuiscono a mantenere i muscoli sani e forti anche in età avanzata. Uno studio condotto in Cina ha dimostrato che un’assunzione giornaliera elevata di proteine, soprattutto di origine vegetale, può prevenire la perdita muscolare negli anziani.

La leucina è un aminoacido essenziale che stimola la sintesi proteica nei muscoli. Per garantire un adeguato apporto di leucina, è importante includere i legumi nella dieta, da tre a cinque volte alla settimana. I derivati della soia, come il tofu, sono a loro volta una buona fonte di proteine vegetali e possono essere consumati come alternative ai legumi, ad esempio sotto forma di burger.

 

 

Leggi anche: Food Cost in Cloud mette l’AI al servizio della ristorazione

 

 

Per gli over 60, quindi, l’adozione di una dieta ricca di proteine vegetali, frutta, verdura, cereali integrali e legumi è un passo importante verso il mantenimento della salute e il contrasto delle malattie croniche. Questi alimenti rappresentano una risorsa preziosa per la Silver Generation, nonché una via per godere di una vita più sana e attiva in età avanzata.

Con il continuo successo dei prodotti Plant Based e l’ampia diffusione di alternative vegetariane nei supermercati, la scelta di una dieta vegana equilibrata è più accessibile che mai.

Perché non provare?

 

Approfondisci sul nostro sito l’argomento Sostenibilità

Francesca Ponchielli

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci