Vita (e business) online e offline, facce quantistiche della stessa realtà

Il film campione d’incassi “Oppenheimer” ha messo il mondo di fronte a un campo di studi che si sta rivelando un prisma per decifrare tutta la realtà: la Fisica quantistica

 

 

Il prossimo 19 novembre il CERN di Ginevra ospiterà una grande conferenza sul rapporto tra teoria dei quanti, intelligenza artificiale e Machine Learning. Mentre Michio Kaku, il più influente divulgatore scientifico vivente, ha da poco mandato alle stampe il libro “Quantum Supremacy”, che annuncia un futuro rivoluzionato da questa stupefacente frontiera della Scienza. Che non è fatta soltanto di calcolo e formule.

Bensì è un paradigma interpretativo che avvalora le grande intuizioni della sapienza antica, orientale in particolare, secondo cui ogni cosa è “uno” e ciascuna creatura vivente o materia non vivente esiste all’interno di un comune flusso energetico. Espressioni come “olistico”, un tempo dominio della spiritualità, oggi diventano dimostrabili e razionali.

Insegnamenti facilmente traslabili al rapporto tra vita online e offline, due dimensioni dell’esistere contemporaneo che non possono più essere impermeabili l’una all’altra, bensì muoversi nell’ambito dei medesimi principi e valori (in questo senso è stata coniata l’espressione “onlife”).

 

 

Leggi anche: AI Insights, dobbiamo davvero fermare l’intelligenza artificiale?

 

 

L’imprenditore digitale e formatore Mik Cosentino, attento ai meccanismi e alle tendenze legate alla traduzione in rete dei business tradizionali, argomenta: “Chi lavora, o agisce socialmente online, percepisce il proprio universo come ‘parallelo’. Un luogo dove valgono regole diverse, sia verbali sia non, sottovalutando tutte le ripercussioni che i propri atteggiamenti connessi hanno sulla vita quotidiana, propria e altrui”. Poi spiega ulteriormente: “In realtà le cose non stanno così. Bisogna ricordarsi che l’online è un’espansione del mondo reale e qualsiasi contenuto condiviso va creato pensando alla mente di chi vive là fuori, perché dietro ogni mail o nickname c’è una persona che ha interazioni sociali, desideri, vite bellissime oppure frustrazioni”.

Anche il galateo, in rete, deve essere il medesimo che si utilizza giorno per giorno, a detta di Cosentino, divulgatore da 50mila iscritti sul proprio canale YouTube e da mezzo milione di follower sulle piattaforme social. “Perché ogni like fa le veci di una persona che si è presa tempo per noi e ha espresso un gradimento. Consapevolezza che deve fungere da filtro allo scarso senso di responsabilità dilagante nel processo di Content Creation: se fossi al centro di uno stadio o di una piazza, con un microfono e centinaia di migliaia di persone intorno, quella cosa la direi? Quel gesto lo farei? Se la risposta è sì, allora è bene andare avanti. Se è no, meglio ricordarsi che il mondo online è pur sempre mondo“.

 

 

Leggi anche: Apple a colloquio con Madre Natura

 

 

Non è un caso che le teorie scientifiche che stanno plasmando il millennio, con propaggini che toccano ambiti cruciali come le comunicazioni criptate e l’intelligenza artificiale, abbiano rappresentato per Cosentino una svolta biografica e professionale: “Uno dei libri che mi ha cambiato profondamente, 11 anni fa, è stato un saggio di fisica quantistica. Da cui ho imparato che siamo tutti fatti della stessa energia: le molecole diventano acqua oppure roccia oppure Comunicazione, ma, pur vibrando con frequenze diverse, siamo interconnessi e simili”.

Una consapevolezza finalmente non relativa, ma avvalorata dalla Scienza e in grado di diventare fondamento alla condotta etica professionale: “Il mio lavoro è fatto di scelte. E queste scelte, quando adottate in azienda, hanno un impatto concreto su tantissime persone. Quindi, da tempo, di fronte alle decisioni importanti mi fermo e mi metto in connessione con un ‘io’ superiore, che sia la natura o l’universo, e trovo sempre una sfida, un messaggio o un ostacolo del passato dove sono contenute molte risposte. La spiritualità quantistica è questo. Senza di essa, restiamo aridi”, conclude Cosentino.

E, del resto, lo stesso Robert Oppenheimer, che, pur conoscendo i quanti, aveva sottovalutato le conseguenze che si scatenano quando il mondo teorico non tiene conto del mondo reale, lo sosteneva: “Lo stolto cerca la felicità lontano. Il saggio, la fa crescere sotto i propri piedi”.

A cura di

In questo articolo:

Potrebbero interessarti

PODCAST

Open Innovation

Test before invest, ovvero il modello di Venture Client di ELIS Innovation Hub

Ospite: Francesco Parrano

SMASH
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cultura e Società

Umanesimo manageriale nell’era digitale

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso

PODCAST

Cultura e Società

La Matematica in Asimov e nel mondo contemporaneo

NOVE VOLTE SETTE
con Cecilia Fronza

PODCAST

Blockchain

Tutto sulla blockchain. Intervista a Jules Piccotti

Ospite: Jules Piccotti

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Community Care

Profit + purpose = ? La formula dell’azienda ideale declinata nei progetti di Social Impact del WMF

SEEDBLE X WMF
con Sabrina Colandrea

PODCAST

People

Quale sarà il futuro del Customer Success?

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca