EARTHBIT

Il nucleare che non ti aspetti

Un reattore nucleare naturale di 2 miliardi di anni fa

 

Le radiazioni sono un fenomeno naturalissimo. Un esempio? Quelle solari. Un po’ diverso è parlare di reattori nucleari naturali. A oggi ne conosciamo solo uno: una miniera di uranio situata nella zona del fiume Oklo, nel Gabon, Africa.

Si tratta di un reattore a fissione nucleare naturale, ossia un luogo dove si sono verificate delle reazioni di fissione nucleare senza l’impiego di tecnologia. E come sarebbe stato possibile? Secondo le stime, questi cicli di fissione, protrattisi per centinaia di migliaia di anni, sarebbero avvenuti circa 1.7 miliardi di anni fa. Più o meno nello stesso periodo in cui sul nostro pianeta sono comparsi i primi organismi eucarioti. Nessuna invenzione all’orizzonte.

Il segreto? L’abbondanza dell’isotopo 235 dell’uranio nella miniera. Neutroni liberi capaci di avviare la fissione. E tanta acqua sotterranea. L’acqua è servita come medium per facilitare le reazioni, quantificate in 100 KW.

A scoprire il reattore un tecnico francese, il dottor Bouzigues. Era il 2 giugno 1972. Da allora nessun altro ha mai trovato traccia di un secondo reattore naturale.

 

Ascolta anche: A che ora è il principio del mondo?

 

Perché citare questo esempio, si chiede Francesco D’Amico. Perché parlare di nucleare? Perché oggi vediamo nel nucleare qualcosa di innaturale. Un lascito di pericolose intuizioni umane. Chernobyl, Hiroshima. Eppure, si tratta di una risorsa energetica preziosa, e soprattutto naturale. “Due miliardi di anni fa nel Gabon la fissione avveniva spontaneamente, e andava avanti per migliaia di anni. Certo, l’uomo ha esasperato le potenzialità del nucleare. Ma davanti a chi vede nella fissione nucleare la sola mano dell’uomo dobbiamo ricordarci delle miniere di Oklo”, rimarca Francesco. Un occhio oggettivo è l’arma migliore di qualsiasi scienziato.

Eleonora Medica

 

 

Ospite

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore