WOW - WOMEN ON WEB

Le competenze digitali non sono (solo) per nerd

Intervista a Valentina Nucera, Responsabile Operativo dell’Orientamento e della Formazione in MADE

 

Le competenze digitali sono la bestia nera d’Italia. L’Indice DESI – l’indice della Commissione Europea che rileva il livello di digitalizzazione dei Paesi membri –  colloca il nostro Paese al 25° posto su 27. Perché non riusciamo a decollare su questo fronte?

In questa nuova puntata di WoW – Women On Web, il programma di Radio Activa che ambisce a raccontare la trasformazione digitale da un punto di vista femminile, Federica Meta e Francesca Pucci ne hanno parlato con Valentina Nucera, Responsabile Operativo dell’Orientamento e della Formazione in MADE.

 

Ascolta anche: Il valore della community online nel Sociale

 

Ai nostri microfoni, Valentina Nucera ci spiega che “l’impressione è che la digitalizzazione, il trasferimento digitale, come le competenze – che sono la base, vengano sempre visti divisi per scomparti”.  Formazione umanistica, competenze digitali, hard o soft skills: tutto viene diviso, settorializzato, scollegato dal resto. Sebbene in questi ultimi anni le imprese hanno sperimentato e compreso quanto le competenze digitali siano importanti, ad oggi l’implementazione nelle aziende di macchinari innovativi è sì aumentata, grazie agli incentivi e alle agevolazioni fiscali, ma questo step non è ancora sufficiente. “Le risorse umane sono al centro di questa trasformazione digitale. Non si può pensare che una trasformazione come questa possa essere divisa, è una trasformazione trasversale che tocca tutte le risorse. Non è solo l’operatore 4.0, non è solo il softwarista che deve essere riskillato”.

 

Ascolta anche: Una, nessuna, centomila nerd: Materie STEM & Gender Gap

 

Cosa fare per invertire il trend? Una strategia di largo respiro deve riuscire a mettere a sistema diversi attori; e sicuramente un ottimo punto di partenza, in questo campo, è la scuola. Aggiunge Nucera: “Non possiamo pensare alle risorse del futuro senza capire che il cambiamento deve partire dalla scuola, ad esempio nell’orientamento”. Ripensare il passaggio scuola-lavoro, dunque. Ma non solo.  Nel corso dell’intervista Valentina Nucera ha spiegato alcune best practices nei Paesi del nord, dalla Finlandia alla Germania, e ha ragionato su un settore, quello manifatturiero, che ancora oggi è appannaggio di un mondo prettamente maschile. Eppure vi sono molti modi per invertire questo trend. Per saperne di più, premi Play e ascolta il nuovo podcast di WoW- Women on Web!

T. Sharon Vani

 

 

Ospite

Valentina Nucera

Valentina Nucera è Responsabile Operativo dell’Orientamento e della Formazione in MADE. Si è laureata presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia e l’Università di Klagenfurt. Ha vissuto undici anni a Stoccarda, dove ha collaborato, tra l’altro, presso il Consolato Generale d’Italia, la Camera di Commercio Italo-tedesca di Monaco-Stoccarda e l’Associazione degli Imprenditori del Baden-Württemberg. Nel 2015 è stata insignita della Medaglia “Theodor-Heuss” per l’iniziativa “CETCenter for European Trainees” progetto volto a promuovere la formazione professionale dei giovani nel Sud Europa. In Italia si è occupata della promozione del sistema di formazione duale tedesca e e ha lavorato per gli ITS. Ha maturato diverse esperienze nell’ambito di progetti europei e formazione continua.

POTREBBERO INTERESSARTI

Ecosystem Stories

Una serie di incontri in collaborazione con Engineering per raccontare come l’innovazione ci aiuterà a trasformare, in meglio, il mondo in cui viviamo e lavoriamo.

Xam Xam

Il nuovo programma di Radio Activa in collaborazione con WeAfricansUnited che viaggia alla scoperta delle innovazioni del continente africano. Un percorso che porta alla luce

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del