START UP & HOLD ON

My Cooking Box, cucina gourmet… in una scatola

Intervista a Chiara Rota, CEO e founder

 

È il vostro anniversario. Siete a casa, luce soffusa, un po’ di musica, qualche candela, e poi lei, la vera protagonista: la tavola. Due calici di vino e due piatti presentati con cura. L’estetica è eccezionale, ma quello che vi dà la certezza di sorprendere la vostra dolce metà è la ricetta. Avete cucinato con Italo Bassi, per 27 anni alla guida dell’Enoteca Pinchiorri. Tre Stelle Michelin. Una garanzia.

Siete parenti? Avete qualche amico in comune? Nulla di tutto ciò. A unirvi è una scatola. Si chiama My Cooking Box ed è l’idea innovativa che sta dietro all’omonima startup italiana. Al suo interno due semplici elementi: la ricetta perfetta e i giusti ingredienti, nelle giuste dosi. Dietro ogni box una firma di eccellenza, e volendo un corso di cucina in digitale.

Insomma, una soluzione brillante per fare bella figura o semplicemente per evadere dalla routine quotidiana. Per provare l’ebrezza di sentirsi un grande chef in un ristorante d’eccezione: la propria cucina!

 

Ascolta anche: Dal food all’anything delivery, come ci si sente ad essere Glovo

 

Oggi ci parla di questa iniziativa Chiara Rota, CEO di My Cooking Box. Un viaggio dietro le quinte del settore food, tra crowdfunding, networking e acceleratori. Sul fondo una domanda: come trasformare un’idea in startup? E fatto questo, come continuare a crescere?

“Abbiamo uno store a Milano ed è fondamentale: toccare il prodotto con mano, ritirarlo, scoprire cose nuove. La presenza su più canali distributivi completa il digitale”, Chiara Rota.

Eleonora Medica

 

 

Ospite

Chiara Rota

Chiara Rota si occupa dello sviluppo e della gestione di My Cooking Box, startup bergamasca nata nel 2015 di cui è CEO e founder. Alla base di questa realtà del settore foodtech due passioni: la gestione aziendale e la cucina, nonché l’idea che ciascuno possa preparare e servire ai propri ospiti piatti gourmet con le opportune indicazioni e gli ingredienti giusti. Dopo la laurea in Ingegneria Gestionale presso l’Università degli studi di Bergamo, Rota ha svolto uno stage nel controllo di gestione per Parmalat e poi presso una sede commerciale di RadiciGroup negli Stati Uniti. In seguito, ha lavorato nella pianificazione e nel controllo di gestione dell’azienda sanitaria privata Humanitas Gavazzeni-Gruppo Techint. Dopo due anni è entrata nell’azienda di famiglia per occuparsi delle attività di operations, logistiche e produttive. Nel 2015 ha fondato My Cooking Box, che in breve è entrata a far parte dell'incubatore di impresa Speed MI Up, gestito dalla Camera di Commercio di Milano e dall'Università Bocconi.

POTREBBERO INTERESSARTI

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore