AI e cybercrime: le aziende italiane sottovalutano i rischi del deep fake

Minacce digitali in ascesa: il deep fake resta sottovalutato, sebbene il 61% dei leader aziendali italiani preveda un aumento delle frodi informatiche 

 

 

Una recente indagine condotta da Onfido rivela la crescente preoccupazione tra i responsabili aziendali italiani riguardo all’aumento delle frodi informatiche nel prossimo futuro. Il 61% di loro è convinto che le minacce informatiche stiano crescendo, con particolare apprensione nel settore fintech (74%) e nel gaming & gambling (67%). Le frodi di identità sintetiche emergono come la principale preoccupazione, segnalata “dal 44% degli intervistati italiani”. In confronto, i leader del Regno Unito e degli Stati Uniti evidenziano “la privacy dei dati e le violazioni del consenso” come preoccupazione principale per la sicurezza dell’AI (rispettivamente il 56% e il 64% degli intervistati, laddove in Italia è il 43%)”. Sorprendentemente, nonostante l’attenzione del pubblico sui deep fake, solo il 27% dei leader in Italia li considera una minaccia, in contrasto con il Regno Unito (33%) e gli Stati Uniti (32%).

Lo studio di Onfido è stato condotto su oltre 1.500 dirigenti d’azienda in Italia, Regno Unito e USA. L’indagine ha esaminato le percezioni, le sfide e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale. Vediamone insieme i punti cruciali.

 

 

Ascolta il nostro podcast dedicato alla sicurezza informatica: Cyberangels, gli “angeli” della cybersecurity di micro e piccole imprese

 

 

Interesse per l’AI alle stelle

Mentre gli investimenti e l’interesse verso l’AI crescono, emerge parallelamente una crescente preoccupazione per le minacce informatiche che potrebbe alimentare. Sorprendentemente, “il 73% dei leader aziendali in tutto il mondo non riesce ad agire, mettendo a rischio le proprie aziende e l’economia globale”. Un blocco che potrebbe portare al fallimento delle aziende stesse?

Bilanciare l’innovare, il prevedere la direzione che prenderà il mercato e il tenere in considerazione il proprio target di riferimento è essenziale per il successo di qualsiasi realtà. Per ora, possiamo dire che, nel nostro Paese, “l’implementazione di tecnologie AI è principalmente finalizzata ad aumentare l’efficienza e la produttività attraverso l’automazione dei processi (56%), migliorare la velocità del servizio (46%) e ridurre gli errori umani o la parzialità dei processi (43%)”.

Insomma, da noi l’AI si applica ancora a modelli lavorativi, per così dire, tradizionali, ma domani? E nel 2030?

 

 

Leggi anche: Cybersicurezza, nuove regole per prodotti digitali più sicuri e resilienti

 

 

Minacce non percepite

Nonostante la sensazione diffusa che l’AI generativa possa essere una minaccia accelerante per le frodi, solo il 24% dei responsabili aziendali italiani sta dando priorità al suo utilizzo nella loro prevenzione. Invece, il 37% di loro si concentra sull’uso dell’AI come “catalizzatore per ridurre i costi operativi e migliorare i servizi digitali”, creando un potenziale punto cieco che potrebbe mettere in crisi le aziende.

L’Identity Fraud Report 2024 evidenzia l’effetto della disponibilità diffusa di strumenti online e l’avanzamento delle tecnologie di intelligenza artificiale che potenziano le tattiche dei truffatori. Con l’ampia adozione della biometria come difesa, i truffatori diventano più creativi nei loro attacchi. Nel 2023, “i tassi medi di frode biometrica sono il doppio rispetto al 2022, con un impressionante aumento di 31 volte dei deep fake”.

Solo il 23% dei responsabili aziendali italiani, però, prevede che le frodi perpetrate dall’AI generativa possano diventare un problema nazionale più serio, in linea con la media globale del 31%. Questa è la statistica su cui si dovrebbe porre più attenzione: la mancanza di preoccupazione dei nostri dirigenti si basa su lacune percettive o su una forte lungimiranza?

 

 

Leggi anche: Una proposta di legge per rilanciare il settore del BPO. Al centro diritti e sicurezza dei dati

 

 

Il paradosso

Riconoscendo l’importanza degli investimenti in materia, i leader aziendali ritengono che l’AI possa essere la migliore difesa contro se stessa. Paradossale no? Eppure è così: “quasi due persone su cinque (38%) in USA, Regno Unito e Italia credono che le applicazioni di AI generativa siano utili per automatizzare la prevenzione delle frodi”, dando agli specialisti in carne e ossa la possibilità di affrontare casi più delicati. Non solo: “il 34% degli intervistati italiani ritiene che queste applicazioni offriranno un vantaggio competitivo”.

Ancora un volta i dati ci dimostrano che le nuove tecnologie complessivamente non fanno paura, questo però spinge alla “non azione”. Una tempesta di deep fake, stando ai dati, sembra in atto, eppure le aziende sono ancora in stallo. Il 2024 sarà l’anno dello scacco?

 

Ascolta la nostra intervista a Emanuela Panero (Ermes): Come colmare il Gender Gap nel settore cybersecurity in Italia

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci