COP28: sostenibilità e AI saranno i trend per il 2024

Nel 2024, investire in intelligenza artificiale, reti smart e tecnologie sostenibili diventa cruciale per guidare la transizione verso un futuro più verde e digitalmente avanzato

 

 

In un mondo in rapida evoluzione, la conclusione della COP28 segna un punto di svolta epocale: quasi 200 nazioni hanno siglato un accordo storico per abbracciare una transizione decisa dalle fonti fossili. Mentre la comunità globale inizia forse a impegnarsi seriamente verso la sostenibilità, emerge un protagonista chiave nella guida di questa rivoluzione tecnologica: Cisco.

Pioniera dell’Innovazione, l’azienda si propone di plasmare il futuro attraverso strategie avanzate, concentrandosi su intelligenza artificiale, reti smart e tecnologie sostenibili. Attraverso l’obiettivo ambizioso di costruire un mondo più verde e digitalmente avanzato, esploriamo come Cisco, a margine della COP28, delinea il percorso per affrontare le sfide della sostenibilità e guidare la transizione verso un futuro promettente.

 

 

Leggi anche: ACBC rivoluziona la moda con scarpe sostenibili e personalizzabili

 

 

Fa storcere il naso che ancora una volta un attore privato entri a gamba tesa nella questione. I governi dei diversi Paesi, invece, si stanno muovendo troppo lentamente. Vedremo se riusciranno almeno a prendere spunto.

L’obiettivo emerso dalla COP28 è chiaro: “ridurre la CO2”, ma come riuscirci? Per raggiungere questo traguardo climatico, è essenziale ridurre le emissioni globali del 45% entro il 2025. Cisco suggerisce l’adozione di tecnologie abilitanti come IoT, sensori e AI per monitorare e calcolare l’impronta ambientale in modo accurato.

 

L’impatto dell’intelligenza artificiale sulla sostenibilità

L’espansione dell’intelligenza artificiale presenta sfide e opportunità in materia di transizione sostenibile. Gli esperti prevedono un aumento della domanda di elettricità e acqua da parte dei server AI, ma Cisco suggerisce che, “gestendo responsabilmente questa crescita, i benefici dell’AI per la sostenibilità supereranno i costi.

La qualità dei dati è cruciale e questi “maledetti algoritmi” potranno finalmente svolgere un ruolo chiave nell’interpretare i numeri per ottenere informazioni vitali e automatizzare processi.

 

 

Leggi anche: Manager della sostenibilità, chi è e cosa fa?

 

 

Innovazioni tecnologiche per una transizione sostenibile

Cisco pone anche il focus sull’importanza di investire in tecnologie abilitanti come IoT, sensori, Power Over Ethernet e AI nella lotta contro il cambiamento climatico. Queste tecnologie, infatti, possono contribuire a monitorare e calcolare l’impronta ambientale in modo accurato, fornendo soluzioni intelligenti per affrontare le sfide green globali.

L’adozione di reti energetiche più intelligenti, incluse le Smart Grid, è identificata come chiave per migliorare l’efficienza e l’integrazione delle rinnovabili.

“Smart Grid sta per rete intelligente e si riferisce a un insieme di reti elettriche e di tecnologie che, grazie allo scambio di informazioni, permette di gestire e monitorare la distribuzione di energia elettrica da tutte le fonti di produzione e soddisfare le diverse richieste di elettricità degli utenti collegati, siano essi produttori o consumatori, in modo efficiente, razionale e sicuro. Il concetto di Smart Grid nasce e si sviluppa in Europa nel 2006 grazie alla European Technology Platform (ETP) for the Electricity Networks of the Future, ossia la Piattaforma tecnologica europea per le Smart Grid“.

 

 

Ascolta anche: Dal concetto di “architettura organica” di Bruno Zevi a quello di sostenibilità applicata all’architettura

 

 

Rivoluzione digitale e sostenibile nell’industria e nella mobilità

Infine, un ambito da tenere sotto la lente di ingrandimento è quello industriale. Perché? Nel corso della COP28 si è sottolineato il cambiamento drastico di questa realtà. Si tratta di una trasformazione digitale e sostenibile, guidata dalla necessità di ridurre l’impronta ambientale.

Cisco sottolinea che, “nonostante la sostenibilità non sia l’obiettivo principale degli investimenti, l’innovazione digitale può portare a un impatto positivo sull’ambiente”.

La rivoluzione infrastrutturale necessaria per supportare la crescente mobilità elettrica diventa centrale nel 2024, considerando che “la domanda di energia dai veicoli elettrici potrebbe rappresentare il 25% del totale entro il 2050“.

Un evento, tante sfide, un unico obiettivo. Noi di Radio Activa Plus osserveremo il viaggio e ve lo racconteremo.

 

Ascolta il nostro podcast: Dall’AI all’avvento dell’AGI. Quale futuro per il mondo del lavoro?

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci