COP28: sostenibilità e AI saranno i trend per il 2024

Nel 2024, investire in intelligenza artificiale, reti smart e tecnologie sostenibili diventa cruciale per guidare la transizione verso un futuro più verde e digitalmente avanzato

 

 

In un mondo in rapida evoluzione, la conclusione della COP28 segna un punto di svolta epocale: quasi 200 nazioni hanno siglato un accordo storico per abbracciare una transizione decisa dalle fonti fossili. Mentre la comunità globale inizia forse a impegnarsi seriamente verso la sostenibilità, emerge un protagonista chiave nella guida di questa rivoluzione tecnologica: Cisco.

Pioniera dell’Innovazione, l’azienda si propone di plasmare il futuro attraverso strategie avanzate, concentrandosi su intelligenza artificiale, reti smart e tecnologie sostenibili. Attraverso l’obiettivo ambizioso di costruire un mondo più verde e digitalmente avanzato, esploriamo come Cisco, a margine della COP28, delinea il percorso per affrontare le sfide della sostenibilità e guidare la transizione verso un futuro promettente.

 

 

Leggi anche: ACBC rivoluziona la moda con scarpe sostenibili e personalizzabili

 

 

Fa storcere il naso che ancora una volta un attore privato entri a gamba tesa nella questione. I governi dei diversi Paesi, invece, si stanno muovendo troppo lentamente. Vedremo se riusciranno almeno a prendere spunto.

L’obiettivo emerso dalla COP28 è chiaro: “ridurre la CO2”, ma come riuscirci? Per raggiungere questo traguardo climatico, è essenziale ridurre le emissioni globali del 45% entro il 2025. Cisco suggerisce l’adozione di tecnologie abilitanti come IoT, sensori e AI per monitorare e calcolare l’impronta ambientale in modo accurato.

 

L’impatto dell’intelligenza artificiale sulla sostenibilità

L’espansione dell’intelligenza artificiale presenta sfide e opportunità in materia di transizione sostenibile. Gli esperti prevedono un aumento della domanda di elettricità e acqua da parte dei server AI, ma Cisco suggerisce che, “gestendo responsabilmente questa crescita, i benefici dell’AI per la sostenibilità supereranno i costi.

La qualità dei dati è cruciale e questi “maledetti algoritmi” potranno finalmente svolgere un ruolo chiave nell’interpretare i numeri per ottenere informazioni vitali e automatizzare processi.

 

 

Leggi anche: Manager della sostenibilità, chi è e cosa fa?

 

 

Innovazioni tecnologiche per una transizione sostenibile

Cisco pone anche il focus sull’importanza di investire in tecnologie abilitanti come IoT, sensori, Power Over Ethernet e AI nella lotta contro il cambiamento climatico. Queste tecnologie, infatti, possono contribuire a monitorare e calcolare l’impronta ambientale in modo accurato, fornendo soluzioni intelligenti per affrontare le sfide green globali.

L’adozione di reti energetiche più intelligenti, incluse le Smart Grid, è identificata come chiave per migliorare l’efficienza e l’integrazione delle rinnovabili.

“Smart Grid sta per rete intelligente e si riferisce a un insieme di reti elettriche e di tecnologie che, grazie allo scambio di informazioni, permette di gestire e monitorare la distribuzione di energia elettrica da tutte le fonti di produzione e soddisfare le diverse richieste di elettricità degli utenti collegati, siano essi produttori o consumatori, in modo efficiente, razionale e sicuro. Il concetto di Smart Grid nasce e si sviluppa in Europa nel 2006 grazie alla European Technology Platform (ETP) for the Electricity Networks of the Future, ossia la Piattaforma tecnologica europea per le Smart Grid“.

 

 

Ascolta anche: Dal concetto di “architettura organica” di Bruno Zevi a quello di sostenibilità applicata all’architettura

 

 

Rivoluzione digitale e sostenibile nell’industria e nella mobilità

Infine, un ambito da tenere sotto la lente di ingrandimento è quello industriale. Perché? Nel corso della COP28 si è sottolineato il cambiamento drastico di questa realtà. Si tratta di una trasformazione digitale e sostenibile, guidata dalla necessità di ridurre l’impronta ambientale.

Cisco sottolinea che, “nonostante la sostenibilità non sia l’obiettivo principale degli investimenti, l’innovazione digitale può portare a un impatto positivo sull’ambiente”.

La rivoluzione infrastrutturale necessaria per supportare la crescente mobilità elettrica diventa centrale nel 2024, considerando che “la domanda di energia dai veicoli elettrici potrebbe rappresentare il 25% del totale entro il 2050“.

Un evento, tante sfide, un unico obiettivo. Noi di Radio Activa Plus osserveremo il viaggio e ve lo racconteremo.

 

Ascolta il nostro podcast: Dall’AI all’avvento dell’AGI. Quale futuro per il mondo del lavoro?

Potrebbero interessarti

PODCAST

Sostenibilità

Il futuro della transizione energetica in Italia

Ospite: Ilaria Sergi

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cybersecurity

Dati sanitari “liberati” a favore della Ricerca. Senza rinunciare alla tutela della privacy

Ospite: Luca Bolognini, Diego Fulco, Raffaella Grisafi

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte