Giuria non ti temo, ora ChatGPT aiuta a vincere premi letterari

Il romanzo “Tokyo-to Dojo-to” di Rie Kudan è stato scritto con l’aiuto di ChatGPT e ha vinto il premio più prestigioso del Giappone

 

 

Durante la cerimonia di premiazione del 17 gennaio scorso del rinomato premio letterario “Akutagawa” in Giappone, una dichiarazione dell’autrice Rie Kudan ha scatenato dibattiti e riflessioni. Kudan, infatti, ha ammesso che una percentuale che si avvicina al 5% del suo libro, intitolato “Tokyo-to Dojo-to” (Tokyo Sympathy Tower), è composta da frasi generate dall’intelligenza artificiale, e ha riconosciuto il ruolo cruciale svolto da ChatGPT, il chatbot sviluppato da OpenAI, nel potenziamento della sua creatività.

Il romanzo di Kudan trasporta i lettori in una visione futuristica di Tokyo, in cui l’intelligenza artificiale permea gli aspetti più intimi della vita quotidiana. La trama segue le vicende dell’architetta Sara Makina, incaricata di erigere, all’interno di un parco, una torre concepita per la riabilitazione dei criminali. Kudan – e ChatGPT – affrontano tematiche legate alla tolleranza sociale nei confronti della devianza legale.

La rivelazione di Kudan riguardo l’impiego di ChatGPT nella stesura del romanzo ha sollevato controversie, soprattutto all’interno della comunità editoriale, in quanto pone interrogativi cruciali sui diritti d’autore delle opere generate tramite l’intelligenza artificiale.

Di proprietà intellettuale e uso etico dei dati nei modelli di intelligenza artificiale avevamo parlato già qui.

 

 

Leggi e ascolta anche Dall’AI all’avvento dell’AGI: quale futuro per il mondo del lavoro?

 

 

Quanto al caso specifico, Kudan ha confessato di ricorrere regolarmente all’AI come fonte d’ispirazione e che auspica di mantenere una stretta collaborazione con ChatGPT per stimolare il suo processo creativo.

Non solo: l’autrice ha dichiarato di intrattenere frequenti conversazioni con il chatbot, condividendo con esso i pensieri più intimi. Alcune delle risposte più “personali” di ChatGPT hanno influito sui dialoghi presenti nel romanzo.

L’organizzazione del premio Akutagawa, che in passato ha elogiato il romanzo definendolo “praticamente perfetto”, ha scelto di non commentare le dichiarazioni della vincitrice.

Se autori e autrici di tutto il mondo stanno sollevando il tema della necessità di una regolamentazione per proteggere le proprie opere dall’interferenza dell’AI, la legislazione sul copyright giapponese, conosciuta come Chosakukenhō, non contempla – al momento – disposizioni specifiche a riguardo.

Ken Akamatsu, fumettista e politico, ha avviato una campagna per promuovere una norma che consenta agli artisti di decidere se permettere o meno, dietro adeguato compenso, l’utilizzo delle proprie opere da parte dell’AI. Anche la Japan Book Publishers Association e altre organizzazioni hanno sollevato la necessità di aggiornare le leggi sul copyright al fine di tutelare la cultura e i diritti d’autore. Finora la questione è rimasta senza risoluzione.

 

Leggi e ascolta anche AI e Fantascienza: cosa temiamo davvero delle intelligenze artificiali?

Ludovica Borzise

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci