Il New York Times minaccia un’azione legale contro OpenAI

Un conflitto di proprietà intellettuale nell’era dell’AI

 

 

Una potenziale battaglia legale di proporzioni epiche potrebbe aprirsi tra il New York Times e OpenAI, l’azienda dietro il famoso sistema di intelligenza artificiale, ChatGPT. Il quotidiano statunitense, infatti, sta considerando l’opzione di portare OpenAI in tribunale, poiché l’azienda sembra desiderosa di utilizzare l’archivio del giornale per arricchire il suo software di intelligenza artificiale.

Ad affliggere la squadra del New York Times è soprattutto l’ipotesi che ChatGPT possa trasformarsi in un diretto concorrente, fornendo risposte ai suoi utenti basate su materiali creati dal giornale e senza citare la fonte. Questo solleva questioni significative in termini di copyright e proprietà intellettuale.

 

 

Leggi anche: ChatGPT, Vall-E & Co. L’AI generativa fa impazzire gli investitori

 

 

Il conflitto è stato innescato dall’investimento massiccio di 20 miliardi di dollari da parte di Microsoft in OpenAI. L’obiettivo di questo accordo era quello di migliorare le capacità del motore di ricerca Bing. Da qui l’inghippo e i sospetti dell’editore del NYT: e se si consentisse a Bing (di proprietà di Microsoft) di rispondere alle domande degli utenti basandosi sugli articoli della testata giornalistica? Una domanda più che legittima, dato che il “carburante intellettuale” fornito dal NYT servirebbe per far viaggiare non solo ChatGPT, ma anche Bing.

Questa mossa ha portato alla fase di trattativa tra il New York Times e OpenAI, con quest’ultima disposta a pagare il quotidiano per l’accesso alle sue storie.

 

 

Leggi anche: Abbiamo intervistato ChatGPT (sì, anche noi, ma meglio)

 

 

Tuttavia, le trattative sono diventate sempre più problematiche e controverse, rischiando di sfociare in una battaglia legale. Sebbene i dettagli esatti dei colloqui non siano stati resi pubblici, sembra che la difficoltà principale incontrata sia stata riuscire a determinare il valore di una banca dati immateriale così vasta come quella del New York Times.

La disputa ha sollevato preoccupazioni significative per il quotidiano, in particolare la possibilità che ChatGPT possa diventare un concorrente diretto, offrendo risposte costruite sui materiali esclusivi creati dal giornale senza menzionare la fonte originale.

 

 

Leggi anche: ChatGPT, il 41% degli italiani pensa che sarà un supporto al lavoro

 

 

Un portavoce anonimo coinvolto nei colloqui ha chiarito che, se le risposte fornite da ChatGPT divenissero una sostituzione diretta alle informazioni fornite dal sito web del New York Times, il giornale rischierebbe di perdere una parte significativa del suo traffico online.

Questo timore si fonda sull’idea che gli utenti potrebbero preferire ottenere risposte dal sistema di intelligenza artificiale, anziché visitare il sito del quotidiano.

 

 

Leggi anche: Dove non arriva ChatGPT, Ask Jesus

 

 

L’aspetto legale della questione è delicato. Sebbene i modelli come ChatGPT si basino su materiali presenti su Internet per il loro addestramento, in casi come quello in questione la pratica potrebbe sollevare problemi di violazione del copyright. Se dovesse emergere che OpenAI ha violato il diritto d’autore copiando articoli dal New York Times, potrebbero esserci serie conseguenze.

Un tribunale federale potrebbe richiedere la distruzione dei dati addestrativi coinvolti e imporre severe sanzioni pecuniarie all’azienda.

 

 

Ascolta il nostro podcast: I dati sono neutri? Parliamo di Data Feminism. Con Donata Columbro

 

 

In sintesi, la possibile disputa legale tra il New York Times e OpenAI solleva questioni cruciali sulla proprietà intellettuale, la protezione del copyright e l’uso etico dei dati nei modelli di intelligenza artificiale. Mentre l’esito rimane incerto, è chiaro che le sfide legali, e prima ancora morali, nell’era dell’intelligenza artificiale saranno sempre più insidiose e frequenti.

 

Ascolta anche: “Uno, nessuno, ChatGPT”, un libro che riflette sull’intelligenza artificiale. Con gli autori ed esperti Massimo De Santo e Rossella Dolce

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci