Il New York Times minaccia un’azione legale contro OpenAI

Un conflitto di proprietà intellettuale nell’era dell’AI

 

 

Una potenziale battaglia legale di proporzioni epiche potrebbe aprirsi tra il New York Times e OpenAI, l’azienda dietro il famoso sistema di intelligenza artificiale, ChatGPT. Il quotidiano statunitense, infatti, sta considerando l’opzione di portare OpenAI in tribunale, poiché l’azienda sembra desiderosa di utilizzare l’archivio del giornale per arricchire il suo software di intelligenza artificiale.

Ad affliggere la squadra del New York Times è soprattutto l’ipotesi che ChatGPT possa trasformarsi in un diretto concorrente, fornendo risposte ai suoi utenti basate su materiali creati dal giornale e senza citare la fonte. Questo solleva questioni significative in termini di copyright e proprietà intellettuale.

 

 

Leggi anche: ChatGPT, Vall-E & Co. L’AI generativa fa impazzire gli investitori

 

 

Il conflitto è stato innescato dall’investimento massiccio di 20 miliardi di dollari da parte di Microsoft in OpenAI. L’obiettivo di questo accordo era quello di migliorare le capacità del motore di ricerca Bing. Da qui l’inghippo e i sospetti dell’editore del NYT: e se si consentisse a Bing (di proprietà di Microsoft) di rispondere alle domande degli utenti basandosi sugli articoli della testata giornalistica? Una domanda più che legittima, dato che il “carburante intellettuale” fornito dal NYT servirebbe per far viaggiare non solo ChatGPT, ma anche Bing.

Questa mossa ha portato alla fase di trattativa tra il New York Times e OpenAI, con quest’ultima disposta a pagare il quotidiano per l’accesso alle sue storie.

 

 

Leggi anche: Abbiamo intervistato ChatGPT (sì, anche noi, ma meglio)

 

 

Tuttavia, le trattative sono diventate sempre più problematiche e controverse, rischiando di sfociare in una battaglia legale. Sebbene i dettagli esatti dei colloqui non siano stati resi pubblici, sembra che la difficoltà principale incontrata sia stata riuscire a determinare il valore di una banca dati immateriale così vasta come quella del New York Times.

La disputa ha sollevato preoccupazioni significative per il quotidiano, in particolare la possibilità che ChatGPT possa diventare un concorrente diretto, offrendo risposte costruite sui materiali esclusivi creati dal giornale senza menzionare la fonte originale.

 

 

Leggi anche: ChatGPT, il 41% degli italiani pensa che sarà un supporto al lavoro

 

 

Un portavoce anonimo coinvolto nei colloqui ha chiarito che, se le risposte fornite da ChatGPT divenissero una sostituzione diretta alle informazioni fornite dal sito web del New York Times, il giornale rischierebbe di perdere una parte significativa del suo traffico online.

Questo timore si fonda sull’idea che gli utenti potrebbero preferire ottenere risposte dal sistema di intelligenza artificiale, anziché visitare il sito del quotidiano.

 

 

Leggi anche: Dove non arriva ChatGPT, Ask Jesus

 

 

L’aspetto legale della questione è delicato. Sebbene i modelli come ChatGPT si basino su materiali presenti su Internet per il loro addestramento, in casi come quello in questione la pratica potrebbe sollevare problemi di violazione del copyright. Se dovesse emergere che OpenAI ha violato il diritto d’autore copiando articoli dal New York Times, potrebbero esserci serie conseguenze.

Un tribunale federale potrebbe richiedere la distruzione dei dati addestrativi coinvolti e imporre severe sanzioni pecuniarie all’azienda.

 

 

Ascolta il nostro podcast: I dati sono neutri? Parliamo di Data Feminism. Con Donata Columbro

 

 

In sintesi, la possibile disputa legale tra il New York Times e OpenAI solleva questioni cruciali sulla proprietà intellettuale, la protezione del copyright e l’uso etico dei dati nei modelli di intelligenza artificiale. Mentre l’esito rimane incerto, è chiaro che le sfide legali, e prima ancora morali, nell’era dell’intelligenza artificiale saranno sempre più insidiose e frequenti.

 

Ascolta anche: “Uno, nessuno, ChatGPT”, un libro che riflette sull’intelligenza artificiale. Con gli autori ed esperti Massimo De Santo e Rossella Dolce

Potrebbero interessarti

PODCAST

Open Innovation

Test before invest, ovvero il modello di Venture Client di ELIS Innovation Hub

Ospite: Francesco Parrano

SMASH
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cultura e Società

Umanesimo manageriale nell’era digitale

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso

PODCAST

Cultura e Società

La Matematica in Asimov e nel mondo contemporaneo

NOVE VOLTE SETTE
con Cecilia Fronza

PODCAST

Blockchain

Tutto sulla blockchain. Intervista a Jules Piccotti

Ospite: Jules Piccotti

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Community Care

Profit + purpose = ? La formula dell’azienda ideale declinata nei progetti di Social Impact del WMF

SEEDBLE X WMF
con Sabrina Colandrea

PODCAST

People

Quale sarà il futuro del Customer Success?

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca