Mine Crime, la startup che protegge le città con l’AI

Si chiama Mine Crime e, sfruttando un algoritmo di intelligenza artificiale, è in grado di restituire all’utente una panoramica in real time di quello che sta succedendo attorno a lui

 

 

Ci sentiamo sicuri nelle nostre città? Ce lo chiediamo perché sia sui quotidiani, sia sui social media stanno spopolando sempre più storie che parlano di degrado urbano e criminalità. Secondo i dati forniti dal Ministero dell’Interno italiano, i reati commessi in Italia sono in costante aumento, con 2.116.479 crimini registrati tra il 1° agosto 2021 e il 31 luglio 2022.

Questi dati allarmanti includono 319 omicidi, di cui 36 attribuibili alla criminalità organizzata. Inoltre, i reati quali furti, rapine e omicidi mostrano un trend in crescita. È evidente che la sicurezza urbana è una priorità che richiede soluzioni innovative. L’intelligenza artificiale può fare qualcosa in merito? A quanto pare sì, ed è per questo che oggi parliamo di Mine Crime. Si tratta di una piattaforma che  si pone l’obiettivo ambizioso di proteggere e prevenire i reati nelle città. Approfondiamo.

 

 

Ascolta il podcast con i nostri esperti: AI Insights, dobbiamo davvero fermare l’intelligenza artificiale?

 

 

Mine Crime: la rivoluzione della sicurezza urbana

Mine Crime ha sviluppato una piattaforma che si basa su un sofisticato algoritmo di intelligenza artificiale in grado di rilevare e monitorare eventi legati al degrado urbano. “La piattaforma trae dati da oltre 13mila fonti online e 3mila fonti offline, tra cui blog, forum e molto altro. Questi dati vengono poi integrati in un vasto database contenente oltre 27 milioni di eventi”. Su questa base, Mine Crime ha creato un’applicazione web che consente alle aziende, principalmente grandi imprese, di accedere e analizzare questi dati al fine di creare modelli di rischio previsionali.

 

Il sito web Mine Crime

Le applicazioni di questa tecnologia sono molteplici e coprono una varietà di settori, tra cui i trasporti, le telecomunicazioni e il terzo settore. Grandi aziende italiane come Ferrovie dello Stato e Sky hanno già adottato la piattaforma di Mine Crime per analizzare le criticità e prevedere le minacce alla sicurezza dei loro asset. Questi modelli di rischio, utilizzati in modo personalizzato, aiutano le aziende a ottimizzare le loro strategie di valutazione del rischio.

 

 

Leggi anche: “Citizenfour”, la grande prova di Edward Snowden raccontata da Laura Poitras

 

 

Collaborazione con la comunità

Una caratteristica distintiva di Mine Crime è la sua prospettiva orientata alla comunità. La startup non si limita a fornire dati alle aziende, ma cerca attivamente di coinvolgere esperti, e la comunità in generale, nella creazione di soluzioni per affrontare le esigenze specifiche del contesto urbano. Questo approccio innovativo sposta l’attenzione dalla mera reazione ai reati verso la prevenzione e la sicurezza collettiva.

 

 

Leggi anche: Media Engineering, la PMI che unisce intelligenza artificiale e ologrammi

 

 

Mine Crime: sfide e prospettive future

Nonostante il successo iniziale, Mine Crime si trova ad affrontare alcune sfide, in particolare nel convincere le PMI dell’importanza degli investimenti in sicurezza e rischio. La percezione della valutazione del rischio come un costo, piuttosto che come un valore, è un ostacolo che la startup cerca di superare. Non dimentichiamoci, infatti, che il tessuto economico italiano si basa per più di 2/3 sulle PMI. Un mercato che non può essere ignorato.

La gestione del rischio tramite l’utilizzo dell’intelligenza artificiale potrebbe essere la strada per sentirci più sicuri. Ora, sta a ogni azienda mettere sul tavolo costi e benefici, senza dimenticare la crescita del business a lungo termine.

 

Ascolta il nostro podcast: Mafie e strumenti per contrastarle 31 anni dopo la strage di Capaci. Un’intervista-fiume al giornalista ed esperto di criminalità mafiosa Attilio Bolzoni e al magistrato antimafia Alfonso Sabella

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Cultura e Società

Al via “Futura”. Parliamo di istituzioni europee con Elania Zito

Ospite: Elania Zito

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

Sostenibilità

Energie al femminile: donne alla guida della rivoluzione green e digitale con Pika Energy

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci