LEVEL UP

Il burrascoso caso di Cyberpunk 2077

Come mai il lancio di un titolo così atteso come Cyberpunk 2077 si è improvvisamente trasformato in una debacle mondiale?

 

Cercheremo di capire cosa è successo con questo videogioco e come mai c’è stata una vera e propria rivolta social contro la casa di sviluppo; dai continui rinvii di CDPR alla presa di coscienza di aver omesso determinati problemi del gioco fino alle scuse della software house, questo titolo ha portato a galla dei problemi del settore.

Ma partiamo dalle origini. Cyberpunk 2077 è un videogioco d’azione openworld di ambientazione fantasy della casa di sviluppo polacca CD Projekt Red, la più grande software house europea – sì, la sua quotazione supera anche Ubisoft.

Il videogioco venne annunciato nel 2012. In quegli anni la PS4 e Xbox One sarebbero arrivate alle fine del 2013, come sempre a novembre: dunque l’annuncio di Cyberpunk era stato fatto nel pieno della next gen di quegli anni. Il nuovo titolo era molto atteso dai giocatori di ruolo e questo non fece altro che aumentare l’hype dei fan.

 

Ascolta anche: Multiplayers ovunque: la febbre degli esports

 

Tuttavia, da allora se ne persero le tracce. Passarono gli anni, e nel 2015 CDPR godeva di ottime valutazioni grazie allo sviluppo di The Witcher 3, che è ancora oggi un gioco incredibile (comprese le sue espansioni), con centinaia di ore di gioco che non annoiano mai. La fiducia riposta nella casa di sviluppo era quindi illimitata e negli ultimi 2 anni si erano cominciate a vedere le prime immagini di Cyberpunk 2077. Ad aprile 2020 sarebbe dovuto uscire il gioco, che però subisce diversi rinvii (anche a causa del Covid-19), riuscendo a vedere la luce solo a dicembre 2020.

La campagna marketing ha sempre mostrato delle partite in game che venivano prese da PS4. Quale è stato, dunque, il problema? Come mai un gioco così atteso ha subito tante critiche?

CDPR aveva annunciato che Cyberpunk 2077 avrebbe girato anche sull’ormai old gen… ma così non è stato; infatti, funziona molto bene con pc, Google Stadia e la next gen, ps5 e xbox series x,  ma non per quella precedente. L’architettura non riesce a supportare il gioco che è stato sviluppato palesemente per pc e next gen… non quella del 2012, ma quella attuale. Vendere un videogioco sull’old gen, che non riesce a girare, pieno di bug, che non mantiene neanche i 30 fps e quindi continui crash del sistema, non è solo un grosso errore a livello di sviluppo, ma anche e soprattutto di marketing.

 

Ascolta anche: Boss fight tra console Next Gen: Sony vs Microsoft

 

La casa ha poi pubblicato in alcuni post le sue scuse ufficiali, aprendo ai rimborsi (cosa non ben accettata da Sony e Microsoft). Inoltre, l’azienda ha dedicato un’intera pagina del sito per aggiornare su come intende continuare i lavori sul gioco e tramite una serie di FAQ ha voluto rispondere ad una serie di domande degli utenti.  Tuttavia, questo videogioco non è stato un floop economico. Il titolo ha venduto tantissimo e CDPR ha annunciato che solo nei primi giorni di vendita è rientrata dei costi di produzione.

Perché non prendersi altro tempo per migliorare la giocabilità sull’old gen? Perché non posticipare – ancora – il lancio? Ma soprattutto, come andrà a finire? Proviamo a fare luce su questa burrascosa vicenda con il nostro Gabriele Barducci in questa nuova puntata di Level Up.

T. Sharon Vani

 

 

Ospite

POTREBBERO INTERESSARTI

Ecosystem Stories

Una serie di incontri in collaborazione con Engineering per raccontare come l’innovazione ci aiuterà a trasformare, in meglio, il mondo in cui viviamo e lavoriamo.

Xam Xam

Il nuovo programma di Radio Activa in collaborazione con WeAfricansUnited che viaggia alla scoperta delle innovazioni del continente africano. Un percorso che porta alla luce

Digital Tomorrow

“Digital Tomorrow” è il nuovo podcast del Registro .it, l’anagrafe dei nomi .it gestita dall’Istituto di informatica e telematica del CNR di Pisa, che indaga

CIFcast

“CIFcast” è il programma di Radio Activa sulla letteratura fantascientifica tenuto da tre membri del Collettivo Italiano Fantascienza, gruppo di autori finalisti all’edizione 2017 del