LEGALTECH SHOW

L’intelligenza artificiale che legge la Legge

Intervista al magistrato Aldo Resta

 

In questa nuova puntata di Legaltech Show, come sempre in collaborazione con lo Studio Legale BLB e la Community di Legaltech Italia, i nostri speaker Silvano Donato Lorusso e Nicolino Gentile hanno intervistato il magistrato Aldo Resta, appassionato di nuove tecnologie.

Ha ideato Toga, il primo software giuridico basato su una logica di A.I. in grado di “leggere la Legge”: contiene tutte le norme penali e i reati previsti dalla legislazione italiana, elabora e fornisce informazioni aggiornate ed operative sui principali istituti, processuali e sostanziali, gestisce l’agenda processuale del penalista, verifica termini e scadenze, conserva in sicurezza atti e documenti.

Il software che ne è alla base – si legge sul sito – funziona sul cloud ed è utilizzabile con qualsiasi dispositivo, Mac, iPhone, iPad, PC, dispositivi Android, ed è d’interesse per le professioni legali poiché gestisce l’intero corpus dei reati previsti dalla legislazione penale italiana.

 

Ascolta anche: 

 

L’area penalistica non ha grande riscontro nella maggior parte dei tool a livello internazionale, per questo è così interessante Toga. Seppur le Istituzioni italiane siano sempre più sensibili e proattive verso l’innovazione e l’informatica giudiziaria, bisogna ricordare che la storia dell’informatica giurista, soprattutto in Italia, è una storia tormentata: infatti nel corso del tempo c’è stata una vera e propria moltiplicazione di sistemi che tuttavia si sta cercando di unificare.

L’ideale, afferma il Magistrato, sarebbe una piattaforma unica e ricorda che “i software migliori nascono dall’osservazione qualitativa dei flussi di lavoro. C’è una grande quantità di lavoro che è fuori udienza e fuori aula, qui l’innovazione, la tecnologia e l’automazione portano benefici enormi in termini di risparmio di tempo. Tutti i sistemi di ottimizzazione del flusso di lavoro sono sistemi che ti fanno andare più veloce e quindi si può recuperare molto tempo”.

 

Ascolta anche: 

 

Ma le domande restano: come mai nell’amministrazione della giustizia penale, sia nelle Corti sia a livello ministeriale, si è arrivati più tardi all’utilizzo di strumenti innovativi rispetto al civile?  E l’innovazione nel settore giudiziario potrà supplire all’esigenza di avere più magistrati a disposizione?

Sicuramente ci sono pareri discordanti e prese di posizioni (anche contrarie) all’utilizzo di tool che, mediante all’AI, elaborano i dati ad esempio a fini predittivi. Ma Aldo Resta ricorda che “abbiamo paura di quello che non conosciamo, anche a livello lavorativo. C’è sempre un modo migliore di fare le cose”. E, senza dubbio, un utilizzo intelligente dei dati grazie all’intelligenza artificiale migliorerà e alimenterà la macchina della Giustizia.

T. Sharon Vani

 

 

Ospite

Aldo Resta

Aldo Resta è un magistrato italiano, responsabile dell’unità Innovazione Tecnologica presso la Direzione Generale dei Magistrati del Ministero della Giustizia. In magistratura dal 1999, ha svolto in prevalenza funzioni penali presso i Tribunali di Rovigo e Bologna, dibattimento e ufficio Gip/Gup. Specializzato in nuove tecnologie e ideatore di molteplici soluzioni informatiche per la digitalizzazione e modernizzazione del processo penale. In tale ambito ha svolto le funzioni di Magistrato Referente Informatica del Tribunale di Bologna, di Referente Distrettuale Innovazione della Corte di Appello di Bologna, di componente del gruppo di analisi del Processo Penale Telematico e di delegato del Consiglio Superiore della Magistratura nelle missioni internazionali relative al progetto di informatizzazione penale Justice System Strengthening Program for the Kosovo Judicial Council (KJC). Aldo Resta è l’ideatore del software legal tech Toga.cloud, recensito in riviste giuridiche e scientifiche, anche internazionali, come la prima legal app di Intelligenza Artificiale operativa nel settore penale. Attualmente fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia con funzioni di magistrato addetto e responsabile dell’unità di staff Innovazione Tecnologica e tirocini formativi della Direzione Generale dei Magistrati e di Mobility Manager del Ministero della Giustizia

POTREBBERO INTERESSARTI

SMART, TECH & GREEN

Avete presente quella leggenda che dice che usiamo solo il 20% del nostro cervello? Ecco, non è vera, lo usiamo tutto. Ora che lo sappiamo

WoW – Women on Web

Women on web (WOW) è un progetto che ambisce a raccontare le capacità, il talento e l’impegno delle donne in un settore ad alto valore

Talk About IT

Parliamo degli impatti sullo sviluppo, sulle competenze diffuse e specialistiche, sulla trasformazione della forza lavoro, sulla stessa morfologia delle città non più punto di accumulazione

Cryptovalue

Cryptovalues

Di sicuro sta riscrivendo le regole della fiducia tra persone, enti e istituzioni: è la tecnologia Blockchain, un mondo che va ben oltre i bitcoin.