LEGALTECH SHOW

Quando la Creatività incontra il settore Legale

Intervista a Tessa Manuello, Founder e CEO di Legal Creatives

 

Bentornati al Legaltech Show, il programma condotto da Silvano Donato Lorusso e Nicolino Gentile di BLB – Studio Legale e di LegaltechItalia. Oggi parliamo di Legal Design, un settore in grande crescita negli ultimi anni con un ospite d’eccezione di questa nuova puntata è Tessa Manuello, Founder e CEO di Legal Creatives. 

Speaker riconosciuta a livello internazionale, Tessa Manuello è conosciuta nel mondo per essere pioniera di questo settore, che è un punto di intersezione tra il mondo legale e quello più creativo.

Ma cos’è il Legal Design? Si tratta di una disciplina che si propone di rendere la Legge più accessibile, utile e anche più attrattiva per le persone e soprattutto rendere più trasparente il mondo legale ai cittadini. Questo mondo può essere mondo difficile e complesso per gli utenti; il Legal design cerca di rendere questo navigare più semplice, per rendere la customer experience dei clienti piacevole, intuitiva, creare prodotti e servizi legali incredibilmente attraenti. Il legal design è una materia multidisciplinare, e non potrebbe essere altrimenti visto che coinvolge avvocati, giuristi, designer, comunicatori fino ad arrivare ai programmatori.

 

Ascolta anche: Making difficult legal stuff easier: i nuovi contratti nell’era del legaltech

 

Quando si parla di legal design si sta parlando di usare il pensiero del design: grafica, font differenti, colori, la grafica può essere migliorata, semplificata, resa più comprensibile e per la usability. Non è solo un’acquisizione di skills, ma è anche una questione di cambio di mindset: pensiamo infatti che il settore legale è un ambiente molto conservatore e tradizionale.

Se nel resto del mondo Tessa è riuscita a rivoluzionare questo settore, nel vecchio Continente il legal design è studiato e implementato soprattutto in Finlandia e in Europa centrale, dove nei paesi di lingua tedesca sono stati coniati termini specifici per la legal visualization (Rechtsvisualisierung),la  visual legal communication (Visuelle Rechtskommunikation), e la visual law (Visuelles Recht). Invece in Italia se ne parla ancora troppo poco. Siamo pur sempre il Paese dell’Impero Romano, culla della Giurisprudenza; pensiamo che ancora oggi si studia Diritto Romano in tutto il mondo! E quindi nel Bel Paese questa novità così dirompente, disruptive ed esplosiva non ha ancora fondato le sue radici.

Come ricorda Silvano, ad esempio “in Italia i contratti, i documenti sono scritti più o meno con la stessa struttura”, ogni parte è ben definita in una determinata posizione, in una struttura piuttosto consolidata e – se vogliamo – rigida. È difficile, per le parti più tecniche, considerare e immaginare il livello di design; tuttavia, come sottolinea l’ospite, “il Legal design è una vera e propria opportunità per ripensare e rivalutare gli strumenti che utilizziamo”.

 

Ascolta anche: L’intelligenza artificiale che legge la Legge

 

Da sempre, la Giurisprudenza e il settore Legale cercano le risposte nel passato; ma quando si parla di innovazione, bisogna guardare al futuro. “Abbiamo nuove tecnologie e metodologie a disposizione e possiamo sfruttare il legal design per risparmiare tempo e risorse”.  E quindi possiamo riprogettare i contenuti dei contratti così da renderli non solo visivamente più attraenti ma anche più facili da capire; ripensare i formati e utilizzare un linguaggio più semplice per renderli più accessibili; rivedere i moduli per accelerare il processo di gestione dei reclami e per promuovere le negoziazioni anziché le controversie.

Ma quando si parla di legal design, sottolinea Tessa, bisogna riferirsi a tutto il mondo legale, “anche gli oggetti che vengono usati possono aiutare”; dagli spazi alle brochure, dal sito alle sedie in ufficio, nulla è lasciato al caso. Le aziende più innovative al mondo condividono una cosa in comune: usano il design come processo iterativo per innovare in modo più efficiente e con successo concentrandosi sulla User Experience.

T. Sharon Vani

 

 

Ospite

Tessa Manuello

Tessa Manuello  e Founder e CEO di Legal Creatives, relatrice riconosciuta a livello internazionale, considerata una delle più grandi autorità del Legal Design al mondo. Cittadina francese e canadese di origini italiane, Tessa ha conseguito un Master of Law presso la Sorbona (Francia), Sherbrooke (Canada) e Western Cape (Sud Africa) con certificati e riconoscimento in […]

POTREBBERO INTERESSARTI

Speciale Verso sud

Il nostro inviato speciale sul campo, Paolo Emilio Colombo, da Sorrento, ci guida alla scoperta dei nuovi progetti tecnologici, economici e politici con tanti ospiti

Versace

On Top

Un nuovo viaggio powered by Radio Activa: vi sveliamo le storie dei migliori imprenditori e delle migliori imprenditrici del nostro Paese. I racconti di come

Ecosystem Stories - Metaversi - Prof. Giovanni B. Barone, direttore Divisione Sistemi CSI dell'Università Federico II di Napoli; Edward Abbiati, Chief Marketing Officer - Engineering; Gianluca Polegri, direttore Digital Solutions - Engineering

Ecosystem Stories

Una serie di incontri in collaborazione con Engineering per raccontare come l’innovazione ci aiuterà a trasformare, in meglio, il mondo in cui viviamo e lavoriamo.

Discipline STEM: la visibilità digitale delle donne africaneOspite in collegamento dal Ghana: Larisa Akrofie, Founder di Levers in Heels.

Xam Xam

Il nuovo programma di Radio Activa in collaborazione con WeAfricansUnited che viaggia alla scoperta delle innovazioni del continente africano. Un percorso che porta alla luce