L'INCREDIBILE HUB

VeniSIA: soluzioni locali per sfide globali

Secondo e ultimo episodio de L’incredibile hub dedicato all’acceleratore veneziano 

 

 

Lo abbiamo appreso nel corso della prima puntata di questa stagione de L’incredibile hub: “To make Venice the oldest city of the future” è il motto di VeniSIA, l’acceleratore di innovazione no profit basato a Venezia e orientato alla sostenibilità.

In questo secondo momento di approfondimento, partendo dalle criticità proprie della città lagunare, parleremo della nascita di questo acceleratore e di come, in breve tempo, si è evoluto, arrivando ad abbracciare anche i temi del future farming, del turismo sostenibile e delle produzioni culturali. Innanzitutto, però, come nasce l’idea di VeniSIA? Da quali necessità? E perché proprio a Venezia? Lo abbiamo chiesto al direttore scientifico di VeniSIA, il Prof. Carlo Bagnoli.

 

 

Ascolta anche: VeniSIA, to make Venice the oldest city of the future

 

 

Apprendiamo che in fase di definizione degli obiettivi dell’acceleratore, l’idea era quella di sciogliere due paradossi: quello tra locale e globale, proponendo – da Venezia – soluzioni per sfide ben più grandi, e quello tra sostenibilità ambientale e sostenibilità finanziaria. Potendo contare su startup che propongono soluzioni per sfide globali, infatti, si potrà attrarre l’interesse del mercato, forti anche dell’enorme visibilità di Venezia. È innegabile: qualsiasi cosa si faccia nella città lagunare ha un impatto mediatico immediato. Alle startup è stato quindi prospettato un duplice vantaggio derivante dal fare innovazione a Venezia: disporre al contempo di una città laboratorio e di uno showroom, cosa che non vale per qualsiasi città in cui si installi un acceleratore. Ma cosa è stato proposto, invece, alle corporate? A rispondere, ancora una volta, è il Prof. Bagnoli.

Di nuovo dei paradossi, quello tra tecnologia e design, nel senso di “designare”, dare significato alle cose, e quello tra tradizione e innovazione. Venezia è città delle prime volte. Per fare solo due esempi, è legata a doppio filo alla scrittura, essendo stata sede della prima tipografia italiana, condotta da Aldo Manuzio, ed essendo nati a Venezia i primi giornali, le gazzette, chiamate così per il loro costo pari al valore di una moneta d’argento, detta – appunto – in veneziano “gazeta”. Sono tanti i primati di questa città che ne fanno al contempo luogo di tradizioni secolari e humus ideale per far crescere e sviluppare nuove idee, prodotti, progetti, movimenti culturali. Ecco perché il primo dei paradossi su cui si installa l’idea di VeniSIA è “la tradizione non è che un’innovazione perpetuata nel tempo”, ecco perché la tag-line di VeniSIA è “fare di Venezia la più antica città del futuro”.

 

 

Ascolta anche: La transizione digitale del sistema finanziario

 

 

Ci siamo già soffermati, nel corso del primo episodio dedicato a questo acceleratore, sul programma di co-innovazione di VeniSIA, ormai giunto alla seconda edizione. Insieme a Claudio Colombo, direttore dei programmi di accelerazione, torniamo sui servizi che VeniSIA offre e approfondiamo i vantaggi per le aziende che vi prendono parte.

È notizia degli ultimi giorni che la startup Crafted, accelerata da VeniSIA in termini di consulenza e networking, si è impiantata in modo permanente nella Venezia storica, nel Campo San Polo, assumendo neo-laureati under 30. Un caso di successo che ha ripreso tra l’altro il modello indicato proprio dall’acceleratore VeniSIA che per primo ha assunto giovani veneziani, valorizzando al contempo le loro professionalità e il centro storico cittadino.

Chiudiamo in bellezza questo ciclo di puntate de L’incredibile hub, di nuovo con il Professor Bagnoli, che ci offre una prospettiva più ampia, la visione di cosa sarà VeniSIA nel prossimo futuro, approfondendo le nuove aree di interesse: il future farming e il turismo sostenibile.

S. C.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ospite

Carlo Bagnoli

Professore ordinario di Innovazione Strategica presso il Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, Carlo Bagnoli è anche direttore della School of Management di Ca’ Foscari Challenge School, fondatore e direttore scientifico di SIM – Strategy Innovation Master e di SIF – Strategy Innovation Forum. Siede, inoltre, nel Consiglio Territoriale Regione del Veneto di […]

Claudio Colombo

Con più di 15 anni di esperienza nei settori Digital & Startup, Claudio Colombo lavora da sempre nel campo dell’innovazione. È Founder di EU Web Agency, agenzia web con sede a Londra, Founder & Program Manager di It’s campus, centro di innovazione che fornisce percorsi di accelerazione per startup e programmi di Open Innovation per […]

Potrebbero interessarti

PODCAST

Open Innovation

VeniSIA: soluzioni locali per sfide globali

Ospite: Carlo Bagnoli, Claudio Colombo

L'INCREDIBILE HUB
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Open Innovation

VeniSIA, to make Venice the oldest city of the future

Ospite: Federica Di Mario, Pietrogiovanni Cerchier, Michele Gubert

L'INCREDIBILE HUB
con Sabrina Colandrea

PODCAST

La nostra speaker Sabrina Colandrea ha intervistato Antonio Danieli, CEO di G-Factor, incubatore-acceleratore di Fondazione Golinelli.
Health

G-Factor, l’acceleratore di idee

Ospite: Antonio Danieli

START UP & HOLD ON
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Intervista a Anna Aikohi, Head of Analytics di Space in Africa La corsa allo spazio del continente africano - Xam Xam
Cultura e Società

Discipline STEM: la visibilità digitale delle donne africane

XAM XAM
con Sarah Kamsu

PODCAST

La nostra speaker Sabrina Colandrea ha intervistato Antonio Danieli, CEO di G-Factor, incubatore-acceleratore di Fondazione Golinelli.
Open Innovation

GreenShare: la Mobility as a Service diventa realtà

Ospite: Giuseppe Colistra

START UP & HOLD ON
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cultura e Società

Hakeem Oluseyi: dalla strada allo spazio

XAM XAM
con Sarah Kamsu