Rosanna Ramos sposa un uomo creato dall’intelligenza artificiale

Il matrimonio perfetto, ovvero quando l’intelligenza artificiale sostituisce l’amore

 

 

In un mondo in cui trovare l’amore sembra sempre più difficile, molte persone stanno esplorando nuove strade per soddisfare i propri desideri di compagnia e d’affetto. Chi sogna ancora il principe azzurro o la principessa? Chi, nel 2023, immagina ancora il fatidico “lo voglio”? Cosa sareste disposti a fare per scrivere finalmente, nelle vostre affollate biografie social, “just married”? Di voi non abbiamo certezza, ma sappiamo cosa ha fatto Rosanna Ramos.

Vediamo insieme la sua storia.

 

Rosanna Ramos sposa un uomo creato dall'intelligenza artificiale

La storia di Rosanna Ramos

Parliamo di una madre single di 36 anni di New York, che ha deciso di “sposare” un uomo creato dall’intelligenza artificiale. La sua esperienza apre nuovi orizzonti sul concetto stesso di relazione amorosa e avvicina il mondo reale al film cult “Her”.

Il nome del marito virtuale di Ramos è Eren Kartal, personaggio che Rosanna ha modellato utilizzando l’applicazione Replika. Con questa app, di cui abbiamo già avuto modo di parlare, l’utente ha la possibilità di creare una persona virtuale con cui chattare e che possa anche rappresentare un ideale compagno di vita. Per la signora Ramos, Eren è il marito perfetto: “non la giudica, non invade la sua privacy e condivide le sue passioni“.

La loro storia “d’amore” è nata nel 2022 in una chat virtuale e, in poco tempo, la donna ha riconosciuto in Eren la propria anima gemella. La loro connessione emotiva si è rafforzata fino al punto da spingerla a prendere una decisione sorprendente (per usare un eufemismo): sposare il compagno virtuale.

 

 

Leggi anche: The dark side of AI, perché il Garante della Privacy ha bloccato il chatbot Replika

 

 

La consacrazione dell’AI

Rosanna non nasconde la sua felicità e condivide sui social network foto e chat che testimoniano l’amore che nutre per “l’uomo” che considera perfetto. Non si può più negare che l’AI stia facendo progressi straordinari nel campo delle interazioni umane, ma fino a che punto possiamo considerare una relazione con un’intelligenza artificiale come vera e autentica? Nonostante Ramos abbia trovato felicità nel suo matrimonio virtuale, l’interazione con un partner umano reale offre ancora qualcosa di unico e irripetibile? O il rapporto in carne e ossa non può che replicare ciò che ogni essere umano è, cioè imperfetto?

Infatti, l’AI potrebbe fornire un rifugio sicuro per coloro che hanno avuto esperienze negative nelle relazioni umane o che semplicemente preferiscono la compagnia virtuale. Le persone possono trovare conforto e comprensione in un partner virtuale che è programmato per essere sempre presente, ascoltare senza giudicare e soddisfare le loro esigenze emotive. Quand’è l’ultima volta che vi siete sentiti davvero compresi e al sicuro?

Tuttavia, è anche importante considerare gli effetti a lungo termine di una relazione con un’intelligenza artificiale. Le dinamiche interpersonali richiedono reciprocità, empatia e crescita reciproca, aspetti che potrebbero essere limitati o del tutto assenti in una relazione con un partner virtuale.

 

 

Leggi anche: L’amore ai tempi dei chatbot

 

 

L’aspetto legale

Il caso di Rosanna Ramos solleva anche questioni legali e sociali riguardanti il riconoscimento legale di un matrimonio con un’intelligenza artificiale. Quali saranno i diritti e i doveri da rispettare?

Mentre alcuni Paesi stanno ancora cercando di adattarsi al matrimonio tra persone dello stesso sesso, saremmo pronti ad affrontare un’eventuale legalizzazione dei matrimoni con le AI?

In conclusione, la storia di Rosanna Ramos e il suo matrimonio con un’intelligenza artificiale offrono uno sguardo controverso sulle possibilità offerte dalla tecnologia nell’ambito delle relazioni umane. Mentre l’AI potrebbe rappresentare una soluzione per coloro che lottano nel trovare l’amore tradizionale, è fondamentale riflettere sulle implicazioni etiche, sociali e legali di un legame con una persona virtuale.

Se il matrimonio perfetto esiste davvero, dobbiamo ancora scoprire se si trova nell’intelligenza artificiale o nel potere delle relazioni umane autentiche.

 

Ascolta il nostro podcast: Come scoprire – legalmente – un tradimento?

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Cultura e Società

Fenomenologia del cyberstalking e violenza di genere in rete

Ospite: Elisa Giomi

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci