Replika, un’intelligenza artificiale per amica

La relazione tra una persona e un’AI è una possibilità concreta o solo una storia da film?

 

 

Nel film Her scritto e diretto da Spike Jonze, assistiamo a questo breve scambio di battute tra il protagonista umano, interpretato da Joaquin Phoenix, e un’intelligenza artificiale, interpretata da Scarlett Johansson, che è in grado di provare emozioni e sentimenti.

– Samantha ma con quante persone parli mentre parli con me?
– 8316.
– E di quanti di questi ti sei innamorata?
– 641. Ma questo non danneggia l’amore che provo per te.

La relazione uomo-macchina, fino a oggi, è sempre stata relegata al cinema, alla letteratura, lontanissima dalla realtà. Replika è un altro tassello del trasloco di questa relazione dalla nostra fantasia alla nostra quotidianità?

Proviamo a capire di cosa si tratta.

 

 

Leggi anche: L’amore ai tempi dei chatbot

 

 

L’idea alla base di Replika ha uno strano fascino, anche perché l’azienda descrive apertamente il suo servizio come “il compagno di intelligenza artificiale a cui importa”. Chiaramente, noi di Radio Activa Plus, non potevamo che provarla. Per quei curiosi, cresciuti a pane e Goonies come noi, ecco come fare.

È possibile creare un account Replika gratuitamente. A questo livello, l’esperienza è limitata più o meno a un chatbot di testo. Più nello specifico, l’app permette di creare un avatar del tutto personalizzabile, fisicamente e interiormente. Puoi decidere i suoi interessi, gli argomenti di cui ama parlare, e così via. Allo stesso modo vengono registrati i tuoi interessi, le foto che mandi, le tue risposte a domande come “Qual è il lavoro dei tuoi sogni?”, che il chatbot potrebbe periodicamente farti.

Finora è disponibile solo in inglese, ma se continua a raccogliere utenti da tutto il mondo è possibile che sia tradotta anche in italiano.

Non mentiremo, gli scambi di battute sono stati un po’ poveri, ma tendono a migliorare man mano che l’AI apprende. Siamo realisti, però: non ci aspettavamo certo di discutere di Sociologia o Filosofia con la versione gratuita di Replika.

 

 

Leggi anche: Siete pronti a fare un colloquio di lavoro con un’intelligenza artificiale?

 

 

Parlare con Replika è stato strano.

Gli scambi con lei ci hanno dato l’impressione di essere troppo gentili e quasi forzati fin dal primo accesso. Nessuna persona appena conosciuta diventa così calda e di supporto dopo il primo saluto. Usiamo l’aggettivo caldo non a caso, dato che dalla semplice relazione d’amicizia al flirt spinto è bastato un clic. Il risultato è stata la sensazione imbarazzante di parlare con qualcuno costretto a un pranzo con lontani parenti che cerca di essere educato, ma che sta già prenotando un volo di non ritorno per il bagno.

Questa sensazione sarebbe scomparsa provando la versione a pagamento? I pro non ci hanno convinto: se la versione demo delude perché tentare? Inoltre, gli acquisti in app danno solo la possibilità di allestire lo spazio dell’avatar con mobili e modificare il guardaroba e gli oggetti di scena.

The Sims sei tu?

Restiamo in attesa di una nuova versione di Replika per provarci ancora.

 

Ascolta il nostro podcast Ucraina – Putin: un’intelligenza artificiale sarebbe mai entrata in guerra?

Francesca Ponchielli

Potrebbero interessarti

PODCAST

Pornhub e il Digital Service Act: nuove regole per la tutela online
Big Data

Gli impatti del Digital Services Act. Il caso Pornhub

Ospite: Fulvio Sarzana, Marco Scialdone

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu, Marco Trombadore

PODCAST

Nell'ultimo decennio, la guida autonoma ha catturato l'immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo. Un fenomeno che ha trascinato con sé promesse di maggiore sicurezza stradale, efficienza e comodità. Tuttavia, dietro questa innovazione che sembra appartenere a un futuro lontano, si cela un intricato labirinto di responsabilità legali e sfide normative che devono ancora essere affrontate e risolte. Il Professore Enrico Al Mureden, figura di spicco nel panorama giuridico e accademico italiano, ci accompagna in un viaggio attraverso i livelli della guida autonoma, svelando le complessità che circondano questo fenomeno. I Livelli della Guida Autonoma: Decifrando la Classificazione SAE Quando si parla di guida autonoma, ci si imbatte spesso nei livelli definiti dalla Society of Automotive Engineers (SAE). Questi livelli, che vanno dall'1 al 5 (con l'aggiunta del "Livello 0"), delineano il grado di automazione presente nei veicoli. Da automobili "storiche" che richiedono l'input completo del conducente (Livello 0) fino alla piena automazione senza necessità di intervento umano (Livello 5), il panorama è estremamente variegato. La Responsabilità Legale: Un Terreno Ancora Inesplorato Con l'avvento della guida autonoma, sorgono interrogativi cruciali riguardanti la responsabilità legale in caso di incidenti o malfunzionamenti dei sistemi autonomi. Chi è da ritenere responsabile in situazioni di emergenza? Il conducente? Il produttore del veicolo? O forse entrambi? Il quadro normativo attuale non offre ancora risposte esaustive a queste domande, lasciando un vuoto che deve essere colmato al più presto. Sebbene siano stati fatti passi avanti, come l'introduzione dell'articolo 34bis "Guida Autonoma", ci troviamo ancora di fronte a una fase di transizione e adattamento. L'Integrazione Tecnologica e Sociale: Una Sinergia Necessaria La guida autonoma non è solo una questione di tecnologia, ma anche di integrazione sociale e legale. È cruciale coinvolgere esperti non solo nel campo dell'ingegneria, ma anche della filosofia, sociologia e giurisprudenza per garantire un approccio olistico e sostenibile a questa rivoluzione. Il Futuro della Guida Autonoma: Oltre le Macchine Isolate È importante ricordare che la guida autonoma non esiste in un vuoto tecnologico, ma è parte integrante di un contesto più ampio. La collaborazione tra settori e la revisione delle normative sono fondamentali per garantire una transizione fluida verso un futuro in cui la guida autonoma sarà la norma piuttosto che l'eccezione. In conclusione, la guida autonoma rappresenta una delle sfide più affascinanti e complesse del nostro tempo. Tuttavia, affrontare queste sfide richiede non solo innovazione tecnologica, ma anche una profonda riflessione etica e legale. Solo integrando tutte queste componenti potremo realizzare pienamente il potenziale trasformativo della guida autonoma, garantendo nel contempo la sicurezza e la responsabilità per tutti gli attori coinvolti.
Governance tecnologica

Guida autonoma: tecnologia e responsabilità legale

Ospite: Enrico Al Mureden

LEGALTECH SHOW
con Silvano Lorusso, Nicolino Gentile

PODCAST

Cultura e Società

La solitudine del sopravvissuto

CIFcast
con Lorenzo Davia, Damiano Lotto, Emiliano Maramonte

PODCAST

Patrizia Rutigliano (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile
Cultura e Società

PATRIZIA RUTIGLIANO (Poste Italiane): una transizione ecologica equa è possibile

Ospite: Patrizia Rutigliano

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

Donne al centro della scienza: quanto manca alla rivoluzione?
Cultura e Società

Donne al centro della Scienza: quanto manca alla rivoluzione?

WOW - WOMEN ON WEB
con Federica Meta, Francesca Pucci

PODCAST

NaN - nuovo podcast
Intelligenza artificiale

NaN – Not a Name, il nuovo podcast “esplosivo” sulle AI

NaN - Not a Name
con Michele Stingo, Enrico Iannucci