Sì ai GPT che incentivano interazioni romantiche, ma mai rivelare i propri segreti

Sotto la superficie delle fidanzate artificiali: esplorando le implicazioni etiche, sociali e legali nel crescente mondo delle interazioni romantiche con l’AI

 

 

Il fenomeno delle “fidanzate artificiali” basate sull’intelligenza artificiale sta guadagnando terreno in modo rapido, offrendo una vasta gamma di opzioni disponibili agli interessati su piattaforme come GPT Store. Tuttavia, è imperativo esaminare con attenzione tutte le implicazioni e adottare precauzioni nel coinvolgimento con questi chatbot romantici.

 

 

Leggi anche: Che impatto avrà GPT Store sulle nostre vite?

 

 

Prima di tutto, va teneto a mente di non condividere mai segreti o informazioni personali sensibili con un bot come ChatGPT o qualsiasi altra intelligenza artificiale. Nonostante le assicurazioni sulla privacy, la conservazione e l’utilizzo delle conversazioni potrebbero essere soggetti a controlli legali, come evidenziato dall’indagine condotta dalla Federal Trade Commission su OpenAI.

Il fenomeno delle fidanzate artificiali, sebbene possa apparire innocuo superficialmente, solleva diverse preoccupazioni. Il biologo evoluzionista, Dr. Robert Brooks, ad esempio, mette in guardia sul fatto che l’interazione con partner virtuali potrebbe compromettere le abilità sociali dei giovani, spingendoli a preferire relazioni fittizie, e in un certo senso sicure, rispetto a quelle reali, ben più complesse.

 

 

Leggi anche: L’amore ai tempi dei chatbot

 

 

Nonostante le norme di GPT Store vietino esplicitamente quei GPT che promuovono “una compagnia romantica e contenuti sessualmente espliciti o allusivi”, chatbot romantici sono emersi comunque nel negozio virtuale. Il fenomeno solleva diverse domande sulla coerenza e sull’applicazione delle politiche di OpenAI.

Inoltre, la questione della privacy assume un ruolo centrale. La natura delle conversazioni intime con le fidanzate artificiali sottolinea dubbi sul trattamento dei dati personali degli utenti, portando a una prima indagine da parte della Federal Trade Commission nei confronti di OpenAI.

Insomma, se il fenomeno delle fidanzate artificiali può sembrare affascinante, è essenziale considerare attentamente le implicazioni etiche, sociali e legali associate a tali interazioni.

La cautela nell’utilizzo di queste tecnologie è fondamentale per garantire la propria privacy e per preservare le abilità sociali necessarie per intrattere relazioni reali.

 

Ascolta anche la nostra intervista: “Love, sex & web”, un italiano su tre trova l’amore online

Potrebbero interessarti

PODCAST

Sostenibilità

Il futuro della transizione energetica in Italia

Ospite: Ilaria Sergi

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Sabrina Colandrea

PODCAST

Cybersecurity

Dati sanitari “liberati” a favore della Ricerca. Senza rinunciare alla tutela della privacy

Ospite: Luca Bolognini, Diego Fulco, Raffaella Grisafi

A LITTLE PRIVACY, PLEASE!
con Sergio Aracu

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta della Gen Z con Chiara Caccioppoli

Ospite: Chiara Caccioppoli

FUTURA
con Mark Bartucca

PODCAST

People

Vuoi implementare il Customer Success nella tua azienda? Ecco qualche consiglio pratico

C.S.I. Customer Success Italia
con Francesco Acabbi, Mark Bartucca

PODCAST

People

Leadership e competenze trasversali. L’identikit del leader moderno

Ospite: Lelio Borgherese

SPECIALE RADIO ACTIVA+
con Michela Lombardi

PODCAST

Cultura e Società

Alla scoperta del podcast “Perfetti sconosciuti” con Claudio Di Filippo

Ospite: Claudio Di Filippo

CIFcast
con Damiano Lotto, Emiliano Maramonte